NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Il Punto d'incontro dei Fans NBA di Play.it USA
Rispondi
Avatar utente
T-wolves
Pro
Pro
Messaggi: 9669
Iscritto il: 20/10/2011, 18:22
MLB Team: Minnesota Twins
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: Minnesota Timberwolves
NHL Team: Minnesota Wild

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da T-wolves » 30/01/2018, 22:44

casper-21 ha scritto:
30/01/2018, 10:50
Landry Shamet sulla carta è quello più appetibile dei tre. E' il classico esterno che non è una vera pg ma che quando arriva al college, essendo il migliore dei suoi a creare gioco, a giocare il p'n'r, ed essendo il più pericoloso palla in mano, viene messo a giocare in quel ruolo. Intelligente, buon decision making, mentalità da giocatore di squadra, ma sa segnare sia a canestro che in palleggio arresto e tiro che in catch and shoot. Tiratore di alto livello, manca di un buon primo passo e di esplosività.

Shake Milton è simile, anche se non "parte" come pg ad SMU rimane il principale creatore di gioco e quello che ha più la palla in mano, spesso anche già dall'inizio dell'azione. Più scorer, anche lui eccellente tiratore da varie zone del campo, fa più fatica ad arrivare fino in fondo. E' anche un discreto difensore ma tende ad essere un po' troppo altalenante, anche all'interno della stessa partita.

Khyri Thomas nasce come ottimo difensore rognoso e gran atleta che in attacco usa principalmente la forza fisica, che per uno di 1.90 non è necessariamente quello che cercano in nba. Quest'anno ha messo su un tiro meno altalenante ma non ancora affidabilissimo. Non ha grandi doti di playmanking, anzi, però è un gran energy guy che dà la carica ai compagni. In nba se riesce a trovare un posto in una squadra può fare "il piccoletto" che entra dalla panchina e cerca di cambiare la partita.
Grazie. Io questi 3 li avevo visti pochissimo gli scorsi anni, quest'anno ho visto quasi zero della Ncaa e diciamo che conoscendo zero i freshman erano quelli che potevano stuzzicare per Minnesota con la scelta dei Thunder. A me sinceramente interessava più una SF, ho letto Jacop Evans, ma mai visto. Diallo si perderebbe tipo sicuro. Quello che mi stuzzicava di più era Mikal Bridges, ma non ci arriverà mai lì. Non so come stia andando Justin Jackson.



Avatar utente
aeroplane_flies_high
Pro
Pro
Messaggi: 6593
Iscritto il: 12/09/2002, 13:12
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Venessia

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da aeroplane_flies_high » 31/01/2018, 7:19

T-wolves ha scritto:
30/01/2018, 22:44
Non so come stia andando Justin Jackson.
male... stagione iniziata molto al di sotto della passata poi lo stop per operarsi alla spalla, che sembra esser stata uno dei motivi dello scarso rendimento

stagione finita praticamente senza cominciare... da capire se vorrà tentare comunque la via del draft



Avatar utente
casper-21
Rookie
Rookie
Messaggi: 677
Iscritto il: 02/02/2009, 14:36
Località: San Giovanni In Persiceto (BO)

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da casper-21 » 31/01/2018, 8:07

T-wolves ha scritto:
30/01/2018, 22:44
casper-21 ha scritto:
30/01/2018, 10:50
Landry Shamet sulla carta è quello più appetibile dei tre. E' il classico esterno che non è una vera pg ma che quando arriva al college, essendo il migliore dei suoi a creare gioco, a giocare il p'n'r, ed essendo il più pericoloso palla in mano, viene messo a giocare in quel ruolo. Intelligente, buon decision making, mentalità da giocatore di squadra, ma sa segnare sia a canestro che in palleggio arresto e tiro che in catch and shoot. Tiratore di alto livello, manca di un buon primo passo e di esplosività.

Shake Milton è simile, anche se non "parte" come pg ad SMU rimane il principale creatore di gioco e quello che ha più la palla in mano, spesso anche già dall'inizio dell'azione. Più scorer, anche lui eccellente tiratore da varie zone del campo, fa più fatica ad arrivare fino in fondo. E' anche un discreto difensore ma tende ad essere un po' troppo altalenante, anche all'interno della stessa partita.

Khyri Thomas nasce come ottimo difensore rognoso e gran atleta che in attacco usa principalmente la forza fisica, che per uno di 1.90 non è necessariamente quello che cercano in nba. Quest'anno ha messo su un tiro meno altalenante ma non ancora affidabilissimo. Non ha grandi doti di playmanking, anzi, però è un gran energy guy che dà la carica ai compagni. In nba se riesce a trovare un posto in una squadra può fare "il piccoletto" che entra dalla panchina e cerca di cambiare la partita.
Grazie. Io questi 3 li avevo visti pochissimo gli scorsi anni, quest'anno ho visto quasi zero della Ncaa e diciamo che conoscendo zero i freshman erano quelli che potevano stuzzicare per Minnesota con la scelta dei Thunder. A me sinceramente interessava più una SF, ho letto Jacop Evans, ma mai visto. Diallo si perderebbe tipo sicuro. Quello che mi stuzzicava di più era Mikal Bridges, ma non ci arriverà mai lì. Non so come stia andando Justin Jackson.
Sia Shamet che Milton sono abituati ad avere tanto la palla in mano e giocare tanto "volume", non si sa come renderebbero in un ruolo in cui non l'avrebbero mai. Personalmente ritengo che i più adatti con la scelta OKC (di quelli che potrebbero essere disponibili) sarebbero Lagerald Vick, Vince Edwards e proprio Jacob Evans.



Avatar utente
aeroplane_flies_high
Pro
Pro
Messaggi: 6593
Iscritto il: 12/09/2002, 13:12
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Venessia

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da aeroplane_flies_high » 31/01/2018, 8:14

Quoto totalmente casper
Aggiungerei Keita Bates-Diop (difficile vederlo a fine primo giro però) e Kenrich Williams, entrambi 3-4 con ottime doti anche a rimbalzo

alcuni ragazzi al college si mettono in mostra perchè i migliori del proprio roster a cui viene chiesto di cantare e portar la croce, creare dal palleggio e segnare...
ma in un contesto tecnico diverso sapranno difendere, muoversi e posizionarsi correttamente in attacco, tirare sugli scarichi con buone percentuali?
perchè il talento per avere palla in mano al piano di sopra non ce l'hanno tutti

uno che ce l'ha ieri notte ha scollinato di nuovo oltre i 40...
stagione MEMORABILE



Avatar utente
T-wolves
Pro
Pro
Messaggi: 9669
Iscritto il: 20/10/2011, 18:22
MLB Team: Minnesota Twins
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: Minnesota Timberwolves
NHL Team: Minnesota Wild

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da T-wolves » 31/01/2018, 9:43

casper-21 ha scritto:
31/01/2018, 8:07
Sia Shamet che Milton sono abituati ad avere tanto la palla in mano e giocare tanto "volume", non si sa come renderebbero in un ruolo in cui non l'avrebbero mai. Personalmente ritengo che i più adatti con la scelta OKC (di quelli che potrebbero essere disponibili) sarebbero Lagerald Vick, Vince Edwards e proprio Jacob Evans.
Edwards non sono sicuro possa fare la SF in Nba, temo potrebbe essere uno strecht 4 e a quel punto non ci servirebbe. Lagerald Vick l'anno scorso non mi aveva incantato, però vedo che quest'anno ha messo su cifre più significative.

Keita Bates-Diop mi sembrava un mestierante già al college, però pure lui ha lievitato molto le stats, dovrò riguardarlo. Kenrich Williams al momento non me lo ricordo. Comunque possibilmente era meglio un 3 che potesse fare anche il 2 che non un 3 che volendo possa fare anche il 4. Soprattutto non vorrei mai che il 3-4 alla fine diventi solo un 4 e quindi abbastanza inutile.



Avatar utente
casper-21
Rookie
Rookie
Messaggi: 677
Iscritto il: 02/02/2009, 14:36
Località: San Giovanni In Persiceto (BO)

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da casper-21 » 31/01/2018, 10:40

No Vince Edwards è un 3 tutta la vita in chiave nba. Anzi, fino a metà della scorsa stagione anche al college giocava molto più da 3 che da 4, poi Purdue ha preferito i quintetti piccoli (come 3/4 delle squadre collegiali), ma ha mobilità di piedi e gioco perimetrale per essere un'ala piccola. E proprio in difesa non c'è dubbio che sia meglio a marcare i 3 che i 4.
Lagerald Vick è una guardia in prospettiva nba; l'anno scorso aveva fatto vedere parecchio potenziale, tanto che era al primo giro in tutti i mock draft prima dell'inizio della stagione; quest'anno poi è partito fortissimo, adesso è in calo. Però la mette dall'arco con gran continuità, è un ottimo atleta e difende, teoricamente il fit perfetto, se trovasse più continuità.

Kenrich Williams è un giocatore molto particolare. A TCU quest'anno gioca la maggior parte dei minuti da esterno (o per lo meno di fianco a due lunghi, per intenderci), è molto grosso e un grandissimo rimbalzista, e quindi in attacco spesso predilige stare nei pressi del canestro; però il tiro è comunque affidabile. Però ha già ben 24 anni, è "sbocciato" solo a metà dell'anno scorso, e al college molto del suo successo è dovuto all'abuso fisico sul diretto avversario, cosa che in nba non sarà ripetibile.



Avatar utente
T-wolves
Pro
Pro
Messaggi: 9669
Iscritto il: 20/10/2011, 18:22
MLB Team: Minnesota Twins
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: Minnesota Timberwolves
NHL Team: Minnesota Wild

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da T-wolves » 31/01/2018, 11:15

Boh, a me Edwards quel poco che avevo visto non mi aveva convinto molto come atleta, non sto dicendo che sia messo male atleticamente, però mi lasciava qualche dubbio. I miei dubbi erano difensivi, non offensivi. Se non erro faticava abbastanza a tenere la gente più grossa di lui quindi al college credo anche io sia meglio a marcare i 3, ma traslato in Nba con atleti molto superiori forse è più facile che contenga quelli un pò più grossi che non quelli più rapidi di lui. Poi ripeto l'avrò visto si e no 3-4 volte gli anni scorsi, posso pure ricordarmi male.

Vick potenziale ok, ma l'anno scorso non aveva proprio incantato in termini di produzione, giocava tipo 25 minuti e non arrivava manco a 8 punti di media e stats comunque normalissime, in più l'anno prima ancora praticamente non aveva giocato. Io l'anno scorso non lo avrei mai chiamato al primo giro, però chiaro se quest'anno ha fatto passi avanti è uno che può dire la sua sicuramente in Nba dove un ruolo da 3&D potrebbe averlo poi se non erro palla in mano qualcosina sapeva farla.



Avatar utente
casper-21
Rookie
Rookie
Messaggi: 677
Iscritto il: 02/02/2009, 14:36
Località: San Giovanni In Persiceto (BO)

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da casper-21 » 31/01/2018, 11:28

T-wolves ha scritto:
31/01/2018, 11:15
Io l'anno scorso non lo avrei mai chiamato al primo giro,
Forse mi son spiegato male. Avevo scritto che "era al primo giro in tutti i mock draft prima dell'inizio della stagione" inteso come mock draft 2018, non quello che c'è già stato. Perché aveva fatto intravedere alto potenziale futuro ed in tanti si aspettavano che quest'anno potesse esplodere.



Avatar utente
aeroplane_flies_high
Pro
Pro
Messaggi: 6593
Iscritto il: 12/09/2002, 13:12
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Venessia

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da aeroplane_flies_high » 31/01/2018, 11:51

Concordo nuovamente con Casper su Edwards, interessante giocatore come 3 in ottica NBA, poi dovrà adattarsi, ma le basi ci sono anche dal punto di vista atletico a mio parere, oltre che buona struttura fisica, 6-8 con 7-0 di wingspan, caratteristiche ideali per un 3&D

Vick a me piace molto, al momento non crea dal palleggio, ma grande atleta, anche qui ottimo wingspan e non sparacchia... buone percentuali dal campo e capacità di stare in un sistema offensivo di primo livello facendo il suo, pur avendo mezzi per dire ora la palla a me e vado al ferro ogni azione, come si vede spesso a quell'età

Altro giocatore che mi piace assai è Keita Bates-Diop... ma secondo me finisce in tarda lotteria, perchè la stazza e le doti atletiche sono notevoli, qui il wingspan pare sia addirittura 7-4 (qualcuno potrebbe pensare di svilupparlo come un finto5 ala Draymond Green), ma la cosa più importante è la fluidità di tiro... dai 4-5 metri ha imparato a piazzarsi, fronteggiare l'avversario e alzarsi (con quelle braccia sfido a disturbarlo...) per un jumper educato e molto efficace. Nelle ultime uscite non benissimo da 3, ma siamo sul 37% in stagione

volendo allargare il discorso, un altro che a mio parere potrebbe interessare in quella tipologia di giocatore è Kelan Martin di Butler; stazza da giocatore NBA, vorrei capire la % di bodyfat perchè secondo me si può migliorare, ma 6-7 che sa tirare per davvero.
Qui i dubbi sono più sulla tenuta difensiva, ma una seconda scelta arriverà, non è detto che possa anche andare a fine primo giro



Avatar utente
T-wolves
Pro
Pro
Messaggi: 9669
Iscritto il: 20/10/2011, 18:22
MLB Team: Minnesota Twins
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: Minnesota Timberwolves
NHL Team: Minnesota Wild

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da T-wolves » 31/01/2018, 17:23

casper-21 ha scritto:
31/01/2018, 11:28
T-wolves ha scritto:
31/01/2018, 11:15
Io l'anno scorso non lo avrei mai chiamato al primo giro,
Forse mi son spiegato male. Avevo scritto che "era al primo giro in tutti i mock draft prima dell'inizio della stagione" inteso come mock draft 2018, non quello che c'è già stato. Perché aveva fatto intravedere alto potenziale futuro ed in tanti si aspettavano che quest'anno potesse esplodere.
Letto male io.



Avatar utente
aeroplane_flies_high
Pro
Pro
Messaggi: 6593
Iscritto il: 12/09/2002, 13:12
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Venessia

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da aeroplane_flies_high » 10/02/2018, 18:10




Avatar utente
aeroplane_flies_high
Pro
Pro
Messaggi: 6593
Iscritto il: 12/09/2002, 13:12
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Venessia

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da aeroplane_flies_high » 11/02/2018, 10:32

Segnalo Jerome Robinson di Boston, junior molto solido per tutto l'anno, che aumentando di colpi

ieri nella vittoria contro Miami grande court awareness, un paio di sfondamenti subiti, arresto e tiro andando verso la linea di fondo e usando il tabellone manco fosse Tim Duncan (vabbè anche meno...), un circus shot appoggiato al tabellone con effetto buttando il corpo addosso allo stoppatore in aiuto... tanta roba, 29 punti con ottime percentuali dal campo, reduce da 46 punti nella gara precedente contro Notre Dame

potrebbe anche valere una tarda lotteria-metà primo giro

io mi auguro che a Boston College rimangano tutti, perchè han una squadra con molti freshmen&sophomores ed il prossimo anno potrebbero diventare una top10

p.s. nelle ultime 5 Shamorie Ponds sta viaggiando a 33.5... Damon Stoudamire con ateltismo



Avatar utente
nonsense
Pro
Pro
Messaggi: 5318
Iscritto il: 21/01/2012, 20:24
NBA Team: 76ers

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da nonsense » 16/02/2018, 11:06

Non so dove mettere questa notizia, nella sezione NCAA mi pare un po' in ombra:

https://www.sbnation.com/college-basket ... ort-report



Avatar utente
aeroplane_flies_high
Pro
Pro
Messaggi: 6593
Iscritto il: 12/09/2002, 13:12
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Venessia

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da aeroplane_flies_high » 17/02/2018, 8:56

nonsense ha scritto:
16/02/2018, 11:06
Non so dove mettere questa notizia, nella sezione NCAA mi pare un po' in ombra:

https://www.sbnation.com/college-basket ... ort-report
tsunami

immagino siano in arrivo misure pesantissime, conoscendo come in USA gestiscono certe questioni

probabile che tanti underclassmen decidano di darsi alla macchia dichiarandosi al draft quando magari non l'avrebbero fatto in un altro contesto...



Mul4
Rookie
Rookie
Messaggi: 493
Iscritto il: 03/12/2011, 12:51
NBA Team: Chicago Bulls

Re: NBA Draft 2018, la casa di Luka Doncic, Michael Porter e gli altri

Messaggio da Mul4 » 18/02/2018, 0:55

aeroplane_flies_high ha scritto:
17/02/2018, 8:56
nonsense ha scritto:
16/02/2018, 11:06
Non so dove mettere questa notizia, nella sezione NCAA mi pare un po' in ombra:

https://www.sbnation.com/college-basket ... ort-report
tsunami

immagino siano in arrivo misure pesantissime, conoscendo come in USA gestiscono certe questioni

probabile che tanti underclassmen decidano di darsi alla macchia dichiarandosi al draft quando magari non l'avrebbero fatto in un altro contesto...
Quindi potenzialmente al secondo giro si potrebbero trovare giocatori acerbi ma che l anno dopo, con una stagione in più di college, sarebbero andati a tardo primo giro..

Interessante per chi ha occhio.



Rispondi