Indy Army - "THE RIVALRY IS BACK ON!" #Reichstag

Rispondi
Avatar utente
Strembald
Senior
Senior
Messaggi: 1243
Iscritto il: 04/02/2005, 14:03
Località: Roma

Re: Indy Army - "THE RIVALRY IS BACK ON!" #Reichstag

Messaggio da Strembald » 14/05/2019, 16:31

A parte il video molto bello, ma mi sembrano chiare alcune cose.
Ci sono dei giocatori che sono nati e morti a Indy, alcuni che non sono nati ad Indy ma che ne fanno comunque parte, e giocatori che nati e cresciuti ad Indy hanno poi lasciato per altri lidi.

Freeney merita a mio modo di vedere, di entrare nel ring of honor, senza dubbio alcuno.
Certo fa strano vederlo entrare prima di Robert, ma è giusto che ci entri.

Poi se vogliamo dire quali giocatori hanno il ferro di cavallo stampato in fronte e soprattuto sul cuore sicuramente Mathis è uno dei primissimi della lista per troppi motivi. Entrerà quanto prima nel ring, con un mega festone, come suggerito da golden.
Altri che mi vengono in mente sono Saturday, che comunica la cultura sportiva dell'Indiana in generale in un sacco di tramissioni ed interventi su radio, giornali e testate sportive praticamente tutti i giorni in giro per gli States.
McAfee idem, basta guardare la sua scelta al draft che è stata uno spettacolo nello spettacolo.
Wayne, che dire si commenta da solo.

Ma anche gente come David Thornton, che ormai fa parte dello staff da un sacco di anni, e Marlin Jackson (che ha il suo nome come parte del Lombardi ultimo vinto).
Ma mi viene da pensare a tanti altri, più o meno famosi o prolifici: da Marvin Harrison (12 anni ininterrotti con noi e solo con noi, recordman assoluto della franchigia e dell'NFL), a Jack Mehwort, che è saldamente rimasto nell'ambiente, ma come pure Brackett, Joseph Addai, e pure gente apparentemente molto molto distante come John Harbaugh, che se capita in città è festeggiato da tutti.

E poi scusate, ma il 18# è vero che ha finito con i Broncos, ma non è certo stata sua l'idea di andarsene, è stata dettata da diverse esigenze e prospettive. E' sempre legatissimo a tutto ciò che porta nome Indianapolis Colts e Indiana, dalle opere di beneficenza, alle serate di gala, al fare improvvisate e farsi fotografare con la gente.


La mia idea è che se si è una realtà più raccolta da un punto di vista statale (vedi Green Bay, Indianapolis, o certe realtà del college) è come se si crei una sorta di "fidelizzazione non scritta" che porta più frequentemente situazioni del genere. Che per carità sono ben presenti anche in altre realtà, diverse da queste, ma secondo me il sapore è diverso. Il coinvolgimento che si sente il game day a Indy l'ho provato personalmente più volte e vi assicuro che non è nulla di paragonabile a cio che si vede a NYC o a Miami o a Los Angeles. L'amico @Doc. J (tifosissimo dei Patriots quindi senza bias alcuni) potrà confermarlo. Ecco la realtà Green Bay per esempio mi manca, ma me la aspetto molto simile a quella di Indy, dove la marea blu ti accoglie e ti travolge in senso buono...esperienza ogni volta meravigliosa!


Mathis merita tutto il nostro cuore e riconoscenza, il suo posto lì è già riservato da anni.



Avatar utente
goldenboylepre
Pro
Pro
Messaggi: 4229
Iscritto il: 25/07/2010, 20:49
NFL Team: Indianapolis Colts
Località: Provincia di Lecce

Re: Indy Army - "THE RIVALRY IS BACK ON!" #Reichstag

Messaggio da goldenboylepre » 17/05/2019, 9:34

Vi invito a leggere questo articolo dove ci sono 4/5 perle che naturalmente non vi tolgo il gusto di leggervi



Avatar utente
goldenboylepre
Pro
Pro
Messaggi: 4229
Iscritto il: 25/07/2010, 20:49
NFL Team: Indianapolis Colts
Località: Provincia di Lecce

Re: Indy Army - "THE RIVALRY IS BACK ON!" #Reichstag

Messaggio da goldenboylepre » 19/05/2019, 17:18

Allora scriviamo 4/5 righe sull'articolo.

- Ballard anche in questa stagione si porta dentro l'ufficio un gruppetto di giornalisti per spiegare un pò come sono andate le cose durante il draft e mostrare in dettaglio i principali prospetti che ha portato a Indy. Non so quanti GM fanno questo ma è davvero una bella cosa.
Parlando sempre di scrivanie, a me sembra che il braccio destro di Ballard, Ed Dodds, è un altro fenomeno.
Credo che Dodds già abbia ricevuto chiamate per la posizione da GM ma probabilmente vuole prendere la stessa strada di Ballard che aspettò qualche anno in attesa di trovare la soluzione migliore, per nostra fortuna.
Dodds da molti viene considerato tra i migliori talent scout dell'NFL quindi spero possa rimanere con noi quando più a lungo possibile

- ma quante belle parole sto leggendo in giro su Rock. Oltre al volto da reduce di guerra e un fisico più da LB/S che da CB, Ballard lo ha chiamato un pitbull e penso che questo possa far capire che razza di giocatore sia.
A questo si sono aggiunte le parole di Desir dell'altro giorno che ha detto che Rock non sta perdendo un singolo secondo di tempo nell'imparare la nuova difesa, è sempre voglioso lì concentrato sul pezzo come un pro navigato e che ha una matta voglia di arrivare e dimostrare di meritarsi snaps dal day1. Lo ha detto un giocatore che si sta giocando il posto con Rock quindi si deve credere a queste parole.

- si è capito più che mai qual è il modello di difesa che stiamo inseguendo, i Seahawks degli ultimi 4/5 anni. Aspirazione davvero alta ma se Eberflus resta qualche anno da noi credo potremmo almeno provare a avvicinarci.
Per divertimento ho provato a comparare la difesa, dal punto di vista della tipologia dei giocatori più che del valore dove è normale che siamo a un livello nettamente più basso al momento, base dei Seahawks:
DE Avril ------> Justin Houston
DE Bennett ------> Sheard
DT Mebane ------> Hunt
DT McDaniel ------> Autry
LB Irvin ------> Banogu
Wagner ------> più Okereke che Walker
Wright ------> Darius
Sherman ------> Desir
Maxwell ------> Rock o Quincy
Chancellor ------> Geathers
Thomas ------> Malik

Insomma qualche similitudine c'è

- la parte che mi ha fatto riflettere di più è quando ha accennato che sui terzi down di chiaro lancio potremmo anche provare a giocare coi 4 DE. Questo mi ha anche aperto un pò gli occhi sulla motivazione dell'assenza di arrivi nel reparto DT (nonostante abbia confermato che Tyquan giocherà nel mezzo la prossima stagione). Davvero vogliamo provare con insistenza il quartetto Justin-Kimbo-Banogu e Sheard o Tyquan?

- Ballard è veramente entusiasta di Okerekem facendo anche intuire che potrebbe sorprendere molti e ritagliarsi un spazio molto importante nella prossima stagione



Rispondi