C'era una volta il Cinema

Rispondi
Avatar utente
ripper23
Pro
Pro
Messaggi: 4176
Iscritto il: 09/05/2004, 22:16
NBA Team: New York Knicks

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da ripper23 » 16/08/2019, 11:00

Immagine

Un Tarantino maturo, nel suo modo di fare cinema e nelle tematiche. Al suo nono film il buon Quentin si sente forse un po' lontano dal cinema attuale, forse incapace di partecipare da protagonista ai movimenti culturali contemporanei. Per me c'e' anche tanto di se' stesso nel personaggio di Rick Dalton (Leo), un attore che si rende conto che i suoi migliori giorni sono probabilmente alle spalle, ed e' contemporaneamente nostalgico e terrorizzato dal cambiamento. Gli fa da contraltare la giovane e stupenda Sharon Tate (Margot Robbie), che sta appena iniziando la sua carriera da attrice ed e' entusiasta e piena di vita. Un fantastico Brad Pitt (tra le sue migliori interpretazioni di sempre), conclude il terzetto di protagonisti, a cui fa da contorno il solito ensemble di nomi altisonanti, spesso solo per una singola scena (Al Pacino, Kurt Russell, Damian Lewis, Bruce Der, ecc...). Sullo sfondo, la LA a cavallo tra i gli anni 60 e i 70, quella degli hippies e di Charles Manson, ma soprattuto quella dell'infanzia di Tarantino, e anche per questo stupenda come solo i posti della propria gioventu' possono sembrare decenni dopo.

Come fatto in Inglorious Basterds, Tarantino cambia la storia, lascia che Tate sopravviva e ammazza i membri della Manson Family in una scena tra lo splatter e la parodia come suo stile.

E' Tarantino al 100%, eppure piu' contenuto. La sua solita vena nostalgica sembra meno autoreferenziale del solito e piu' onesta, la violenza e' ridotta a quello che per Tarantino deve essere sembrato il minimo indispensabile. E poi ci son quelle scene, quei 15-20 minuti che, che tu sia un fan oppure no, ti ricordano perche' ogni suo film e' atteso come pochi.

Ho bisogno di rivederlo e non escludo di farlo ancora sul grande schermo, ma per me qui siamo sicuramente al livello dei suoi migliori lavori.



Avatar utente
Dietto
Pro
Pro
Messaggi: 9882
Iscritto il: 10/10/2011, 14:17
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: New York Knickerbockers

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da Dietto » 19/08/2019, 20:03

ripper23 ha scritto:
16/08/2019, 11:00
Immagine

Un Tarantino maturo, nel suo modo di fare cinema e nelle tematiche. Al suo nono film il buon Quentin si sente forse un po' lontano dal cinema attuale, forse incapace di partecipare da protagonista ai movimenti culturali contemporanei. Per me c'e' anche tanto di se' stesso nel personaggio di Rick Dalton (Leo), un attore che si rende conto che i suoi migliori giorni sono probabilmente alle spalle, ed e' contemporaneamente nostalgico e terrorizzato dal cambiamento. Gli fa da contraltare la giovane e stupenda Sharon Tate (Margot Robbie), che sta appena iniziando la sua carriera da attrice ed e' entusiasta e piena di vita. Un fantastico Brad Pitt (tra le sue migliori interpretazioni di sempre), conclude il terzetto di protagonisti, a cui fa da contorno il solito ensemble di nomi altisonanti, spesso solo per una singola scena (Al Pacino, Kurt Russell, Damian Lewis, Bruce Der, ecc...). Sullo sfondo, la LA a cavallo tra i gli anni 60 e i 70, quella degli hippies e di Charles Manson, ma soprattuto quella dell'infanzia di Tarantino, e anche per questo stupenda come solo i posti della propria gioventu' possono sembrare decenni dopo.

Come fatto in Inglorious Basterds, Tarantino cambia la storia, lascia che Tate sopravviva e ammazza i membri della Manson Family in una scena tra lo splatter e la parodia come suo stile.

E' Tarantino al 100%, eppure piu' contenuto. La sua solita vena nostalgica sembra meno autoreferenziale del solito e piu' onesta, la violenza e' ridotta a quello che per Tarantino deve essere sembrato il minimo indispensabile. E poi ci son quelle scene, quei 15-20 minuti che, che tu sia un fan oppure no, ti ricordano perche' ogni suo film e' atteso come pochi.

Ho bisogno di rivederlo e non escludo di farlo ancora sul grande schermo, ma per me qui siamo sicuramente al livello dei suoi migliori lavori.

D'accordissimo con la review, c'è solo una cosa che mi ha dato un fastidio incredibile, anche se chi lo vedrà in italiano non lo noterà.
Io dico, hai un personaggio italiano che parla italiano, ma perché cazzo prendi una nata a Santiago del Cile che ha un accento così marcato e non prendi un'italiana? Che fastidio



Avatar utente
Mr. Sloan
Pro
Pro
Messaggi: 6947
Iscritto il: 30/05/2004, 16:29
NBA Team: Utah Jazz
Località: Zuid-Holland

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da Mr. Sloan » 20/08/2019, 9:06

Dietto ha scritto:
19/08/2019, 20:03
ripper23 ha scritto:
16/08/2019, 11:00
Immagine

Un Tarantino maturo, nel suo modo di fare cinema e nelle tematiche. Al suo nono film il buon Quentin si sente forse un po' lontano dal cinema attuale, forse incapace di partecipare da protagonista ai movimenti culturali contemporanei. Per me c'e' anche tanto di se' stesso nel personaggio di Rick Dalton (Leo), un attore che si rende conto che i suoi migliori giorni sono probabilmente alle spalle, ed e' contemporaneamente nostalgico e terrorizzato dal cambiamento. Gli fa da contraltare la giovane e stupenda Sharon Tate (Margot Robbie), che sta appena iniziando la sua carriera da attrice ed e' entusiasta e piena di vita. Un fantastico Brad Pitt (tra le sue migliori interpretazioni di sempre), conclude il terzetto di protagonisti, a cui fa da contorno il solito ensemble di nomi altisonanti, spesso solo per una singola scena (Al Pacino, Kurt Russell, Damian Lewis, Bruce Der, ecc...). Sullo sfondo, la LA a cavallo tra i gli anni 60 e i 70, quella degli hippies e di Charles Manson, ma soprattuto quella dell'infanzia di Tarantino, e anche per questo stupenda come solo i posti della propria gioventu' possono sembrare decenni dopo.

Come fatto in Inglorious Basterds, Tarantino cambia la storia, lascia che Tate sopravviva e ammazza i membri della Manson Family in una scena tra lo splatter e la parodia come suo stile.

E' Tarantino al 100%, eppure piu' contenuto. La sua solita vena nostalgica sembra meno autoreferenziale del solito e piu' onesta, la violenza e' ridotta a quello che per Tarantino deve essere sembrato il minimo indispensabile. E poi ci son quelle scene, quei 15-20 minuti che, che tu sia un fan oppure no, ti ricordano perche' ogni suo film e' atteso come pochi.

Ho bisogno di rivederlo e non escludo di farlo ancora sul grande schermo, ma per me qui siamo sicuramente al livello dei suoi migliori lavori.

D'accordissimo con la review, c'è solo una cosa che mi ha dato un fastidio incredibile, anche se chi lo vedrà in italiano non lo noterà.
Io dico, hai un personaggio italiano che parla italiano, ma perché cazzo prendi una nata a Santiago del Cile che ha un accento così marcato e non prendi un'italiana? Che fastidio 
Perché il 99.5% degli spettatori non si accorge della differenza
 



lebronpepps
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 21131
Iscritto il: 05/09/2008, 16:00

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da lebronpepps » 24/08/2019, 15:10



:piango:



Avatar utente
GoPats
Pro
Pro
Messaggi: 4570
Iscritto il: 07/01/2007, 17:20
NFL Team: New England Patriots
NHL Team: Boston Bruins
Località: Ciociaria

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da GoPats » 25/08/2019, 20:39

A Roma dove si potrà vedere "C'era una volta a Hollywood" in originale? Sapete anche se c'è la possibilità di vederlo con i sottotitoli in inglese?



Avatar utente
Paperone
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 12822
Iscritto il: 16/10/2006, 17:35
NFL Team: Denver Broncos
Località: Castel Maggiore [Bologna], far east from Denver, CO

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da Paperone » 01/09/2019, 22:46

Leggo però che, per ragioni di budget, non è stato girato in 70mm :sad:


Giordan ha scritto: Menzione onorevole per Pap, che si è distinto per avere la stessa voce di Battiato e la peggior pronuncia anglo-americana ogni epoca!!!

Avatar utente
esba
Pro
Pro
Messaggi: 4919
Iscritto il: 26/01/2012, 14:49
Squadra di calcio: ACMilan

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da esba » 06/09/2019, 11:45

Visto Green Book, premi strameritati.
Manca una statuetta a Viggo, davvero clamoroso.


Io ci sono ancora, Moggi no. Cit. ZZ
Sono un'Atalanta un po' più grossa...cit.

Avatar utente
daking
Rookie
Rookie
Messaggi: 554
Iscritto il: 11/07/2006, 15:43
NFL Team: Dallas Cowboys
NBA Team: Phoenix Suns
Località: Genova

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da daking » 20/09/2019, 16:22

ripper23 ha scritto:
16/08/2019, 11:00

Un Tarantino maturo, nel suo modo di fare cinema e nelle tematiche. Al suo nono film il buon Quentin si sente forse un po' lontano dal cinema attuale, forse incapace di partecipare da protagonista ai movimenti culturali contemporanei. Per me c'e' anche tanto di se' stesso nel personaggio di Rick Dalton (Leo), un attore che si rende conto che i suoi migliori giorni sono probabilmente alle spalle, ed e' contemporaneamente nostalgico e terrorizzato dal cambiamento. Gli fa da contraltare la giovane e stupenda Sharon Tate (Margot Robbie), che sta appena iniziando la sua carriera da attrice ed e' entusiasta e piena di vita. Un fantastico Brad Pitt (tra le sue migliori interpretazioni di sempre), conclude il terzetto di protagonisti, a cui fa da contorno il solito ensemble di nomi altisonanti, spesso solo per una singola scena (Al Pacino, Kurt Russell, Damian Lewis, Bruce Der, ecc...). Sullo sfondo, la LA a cavallo tra i gli anni 60 e i 70, quella degli hippies e di Charles Manson, ma soprattuto quella dell'infanzia di Tarantino, e anche per questo stupenda come solo i posti della propria gioventu' possono sembrare decenni dopo.

Come fatto in Inglorious Basterds, Tarantino cambia la storia, lascia che Tate sopravviva e ammazza i membri della Manson Family in una scena tra lo splatter e la parodia come suo stile.

E' Tarantino al 100%, eppure piu' contenuto. La sua solita vena nostalgica sembra meno autoreferenziale del solito e piu' onesta, la violenza e' ridotta a quello che per Tarantino deve essere sembrato il minimo indispensabile. E poi ci son quelle scene, quei 15-20 minuti che, che tu sia un fan oppure no, ti ricordano perche' ogni suo film e' atteso come pochi.

Ho bisogno di rivederlo e non escludo di farlo ancora sul grande schermo, ma per me qui siamo sicuramente al livello dei suoi migliori lavori. 
visto ieri sera al cinema.
Non concordo molto sul Tarantino al 100%, mi è parso semmai abbia puntato molto più sulle ambientazioni e sulla creazione di scenette (godibilissime ma parzialmente fini a se stesse) piuttosto che su una sceneggiatura per l'appunto "tarantiniana"
Ottime le interpretazioni del duo protagonista, soprattutto un monumentale Di Caprio, bravo anche il contorno del cast anche se forse un po' troppo ai limiti del film...anche la stessa Margot Robbie alla fine ha un peso relativamente piccolo.
Detto questo, a me è piaciuto...parecchio.
La ricostruzione della LA e di Hollywood mi è sembrata decisamente realistica, umorismo quasi continuo ma mai sopra le righe.
Concordo invece sul volerlo rivedere, sono sicuro di essermi perso qualcosa nelle infinite citazioni :biggrin:



Avatar utente
daking
Rookie
Rookie
Messaggi: 554
Iscritto il: 11/07/2006, 15:43
NFL Team: Dallas Cowboys
NBA Team: Phoenix Suns
Località: Genova

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da daking » 20/09/2019, 16:27

daking ha scritto:
20/09/2019, 16:22
ripper23 ha scritto:
16/08/2019, 11:00
Un Tarantino maturo, nel suo modo di fare cinema e nelle tematiche. Al suo nono film il buon Quentin si sente forse un po' lontano dal cinema attuale, forse incapace di partecipare da protagonista ai movimenti culturali contemporanei. Per me c'e' anche tanto di se' stesso nel personaggio di Rick Dalton (Leo), un attore che si rende conto che i suoi migliori giorni sono probabilmente alle spalle, ed e' contemporaneamente nostalgico e terrorizzato dal cambiamento. Gli fa da contraltare la giovane e stupenda Sharon Tate (Margot Robbie), che sta appena iniziando la sua carriera da attrice ed e' entusiasta e piena di vita. Un fantastico Brad Pitt (tra le sue migliori interpretazioni di sempre), conclude il terzetto di protagonisti, a cui fa da contorno il solito ensemble di nomi altisonanti, spesso solo per una singola scena (Al Pacino, Kurt Russell, Damian Lewis, Bruce Der, ecc...). Sullo sfondo, la LA a cavallo tra i gli anni 60 e i 70, quella degli hippies e di Charles Manson, ma soprattuto quella dell'infanzia di Tarantino, e anche per questo stupenda come solo i posti della propria gioventu' possono sembrare decenni dopo.

Come fatto in Inglorious Basterds, Tarantino cambia la storia, lascia che Tate sopravviva e ammazza i membri della Manson Family in una scena tra lo splatter e la parodia come suo stile.

E' Tarantino al 100%, eppure piu' contenuto. La sua solita vena nostalgica sembra meno autoreferenziale del solito e piu' onesta, la violenza e' ridotta a quello che per Tarantino deve essere sembrato il minimo indispensabile. E poi ci son quelle scene, quei 15-20 minuti che, che tu sia un fan oppure no, ti ricordano perche' ogni suo film e' atteso come pochi.

Ho bisogno di rivederlo e non escludo di farlo ancora sul grande schermo, ma per me qui siamo sicuramente al livello dei suoi migliori lavori. 
visto ieri sera al cinema.
Non concordo molto sul Tarantino al 100%, mi è parso semmai abbia puntato molto più sulle ambientazioni e sulla creazione di scenette (godibilissime ma parzialmente fini a se stesse) piuttosto che su una sceneggiatura per l'appunto "tarantiniana"
Ottime le interpretazioni del duo protagonista, soprattutto un monumentale Di Caprio, bravo anche il contorno del cast anche se forse un po' troppo ai limiti del film...anche la stessa Margot Robbie alla fine ha un peso relativamente piccolo.
Detto questo, a me è piaciuto...parecchio.
La ricostruzione della LA e di Hollywood mi è sembrata decisamente realistica, umorismo quasi continuo ma mai sopra le righe.
Concordo invece sul volerlo rivedere, sono sicuro di essermi perso qualcosa nelle infinite citazioni :biggrin: 
dimenticavo
We love Pussy :forza:  



The Patient
Pro
Pro
Messaggi: 6968
Iscritto il: 23/10/2011, 17:51
MLB Team: San Francisco Giants
NBA Team: Boston Celtics

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da The Patient » 20/09/2019, 17:08

Loro di Sorrentino è uscito in DVD, ma solo in poche nazioni europee; Italia esclusa, "ovviamente".



francilive
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 17107
Iscritto il: 06/09/2002, 21:52
MLB Team: Florida Marlins
NFL Team: Buffalo Bills
NBA Team: Brooklyn Nets
NHL Team: New Jersey Devils
Località: Torino
Contatta:

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da francilive » 20/09/2019, 20:43

Si ok. Tarantino son capaci tutti. Chi ha le palle mi recensisce il film della ferragni. Right here, Right Now!



Avatar utente
GecGreek
Pro
Pro
Messaggi: 5076
Iscritto il: 08/06/2010, 17:23
NBA Team: NOLA
Località: Godopoli, Godistan
Contatta:

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da GecGreek » 21/09/2019, 23:22

Love exposure di Sion Sono: :shocking:



Avatar utente
Bonaz
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 17365
Iscritto il: 22/12/2005, 10:28
NFL Team: Cincinnati Bengals
NBA Team: Portland Trail Blazers
NHL Team: New York Rangers
Squadra di calcio: Inter
Località: Mantua - Brixia a/r

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da Bonaz » 22/09/2019, 10:25

Vista la quasi ormai certa scomparsa del sito di Filmeter, consigli su qualche nuovo sito (se possibile in italiano) dove catalogare i film visti?


rodmanalbe82 ha scritto:Bonaz ridefinisce il concetto di "come lavorare a fine luglio" :truzzo:
ripper23 ha scritto:Bonaz porta la voglia di non fare un cazzo in ufficio a livelli ineguagliabili :notworthy:
Bluto Blutarsky ha scritto:Annuntio vobis gaudium magnum, habemus Bonaz

:appl: :appl: :appl:

Avatar utente
Bonaz
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 17365
Iscritto il: 22/12/2005, 10:28
NFL Team: Cincinnati Bengals
NBA Team: Portland Trail Blazers
NHL Team: New York Rangers
Squadra di calcio: Inter
Località: Mantua - Brixia a/r

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da Bonaz » 22/09/2019, 21:16

Visto oggi Upon etc etc, devo dire che, pur non avendomi annoiato, mi ha un poco deluso. Tante, troppe citazioni, molte forzate. Troppo poco pulp se escludiamo le ultime scene. Divertente invece nelle varie battute. Brad molto bene, Leo quasi da strizzargli le guanciotte, ma strepitoso come sempre. Ottimo il finale, almeno io mi aspettavo un'altra cosa. Margot e la hippy tanta roba :notworthy:
Se escludiamo però i pre Pulp Fiction, è quello che meno mi è piaciuto di Tarantino.
Devo rivederlo Beppe (cit)


rodmanalbe82 ha scritto:Bonaz ridefinisce il concetto di "come lavorare a fine luglio" :truzzo:
ripper23 ha scritto:Bonaz porta la voglia di non fare un cazzo in ufficio a livelli ineguagliabili :notworthy:
Bluto Blutarsky ha scritto:Annuntio vobis gaudium magnum, habemus Bonaz

:appl: :appl: :appl:

The Patient
Pro
Pro
Messaggi: 6968
Iscritto il: 23/10/2011, 17:51
MLB Team: San Francisco Giants
NBA Team: Boston Celtics

Re: C'era una volta il Cinema

Messaggio da The Patient » 22/09/2019, 22:43

Bonaz ha scritto:
22/09/2019, 21:16
Visto oggi Upon etc etc

La premessa non è delle migliori Bonaz :dohut0:  , ma il film non sembra all'apparenza tra i suoi migliori. Ci sarebbe da leggere alcuni pareri (anche qui dentro) degli esperti che hanno colto i riferimenti di zio Quentino. E' un film con vari riferimenti autobiografici (auto con cui girano, insulto alla poliziotta, Pussycat, etc), ma alcune perle potremmo non capirle velocemente.



Rispondi