Si vota per decidere quale editor dei post utilizzare sul Forum:
Sondaggio qui

Do you even crypto?

E' il luogo in cui potete parlare di tutto quello che volete, in particolare di tutti gli argomenti non strettamente attinenti allo sport americano...
Rispondi
maffu
Senior
Senior
Messaggi: 1148
Iscritto il: 22/06/2007, 18:46
NBA Team: New Orleans Pelicans
Località: Pisa

Re: Do you even crypto?

Messaggio da maffu » 05/05/2018, 9:24

John Doe ha scritto:
04/05/2018, 17:57
maffu ha scritto: E' quello che mi chiedevo anch'io
Se io ne ho un tot su un wallet che supera quella soglia, ma sull'exchange ne porto solo una cifra tale che non mi fa superare quella soglia (e me la bonifico sul cc), come possono saperlo?
Finché li tieni su un wallett non ci sono problemi, perché ancora non c'è stata plusvalenza. Se vendi e i soldi sono su un conto estero è quasi impossibile che succeda qualcosa, sia che si superi il limite o no.

Ma nel momento in cui te li bonifichi su un conto italiano sono tracciabili. Magari non sono riconducibili a plusvalenze di bitcoin, ma potrebbero giustamente obiettare che si tratta di un qualsiasi altro reddito estero.

Ora, se la cifra è bassa il problema non esiste, se le cifre si alzano o i bonifici diventano regolari insomma. Anche se per un privato il rischio maggiore credo arrivi in caso di un qualsiasi accertamento in cui vanno a controllare il CC e saltano fuori i bonifici.
Da come è scritto, però, potrei bonificarmi 50.000 € a settimana e non avere nessun problema? O interpreto male?


- Vincitore del FantaMondiale 2010 -

Avatar utente
John Doe
Pro
Pro
Messaggi: 9110
Iscritto il: 09/12/2011, 17:18
NFL Team: Indianapolis Colts
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Do you even crypto?

Messaggio da John Doe » 05/05/2018, 11:30

maffu ha scritto:
John Doe ha scritto:
04/05/2018, 17:57
Finché li tieni su un wallett non ci sono problemi, perché ancora non c'è stata plusvalenza. Se vendi e i soldi sono su un conto estero è quasi impossibile che succeda qualcosa, sia che si superi il limite o no.

Ma nel momento in cui te li bonifichi su un conto italiano sono tracciabili. Magari non sono riconducibili a plusvalenze di bitcoin, ma potrebbero giustamente obiettare che si tratta di un qualsiasi altro reddito estero.

Ora, se la cifra è bassa il problema non esiste, se le cifre si alzano o i bonifici diventano regolari insomma. Anche se per un privato il rischio maggiore credo arrivi in caso di un qualsiasi accertamento in cui vanno a controllare il CC e saltano fuori i bonifici.
Da come è scritto, però, potrei bonificarmi 50.000 € a settimana e non avere nessun problema? O interpreto male?
No, se tu, nel corso dell'anno hai avuto il possesso per un periodo di almeno 7 giorni di bitcoin per almeno 50k dovresti dichiarare le plusvalenze sul trading di bitcoin e pagarci le tasse. Sotto quella soglia non si dichiara nulla.
L'agenzia difficilmente riuscirà a dimostrare che tu hai tot bitcoin in un certo wallett chissà dove e che ci hai fatto una certa plusvalenza; però se ti bonifichi 50k tutti in una volta (o in più volte in un periodo breve) diciamo che si potrebbe pure presupporre che la soglia di possesso in un qualche momento la hai superata. Allora potrebbero chiederti di tassare la presunta plusvalenza, che immagino verrebbe calcolata a cazzo de cane come succede di solito.

Ma è praticamente impossibile che facciano un controllo solo per quello, a meno che non si spostino cifre astronomiche. Detto questo, se avete 50k e oltre di bitcoin pagateci le tasse, barboni :forza:




maffu
Senior
Senior
Messaggi: 1148
Iscritto il: 22/06/2007, 18:46
NBA Team: New Orleans Pelicans
Località: Pisa

Re: Do you even crypto?

Messaggio da maffu » 05/05/2018, 19:40

E immagino si riferisca a tutte le cryptovalute, non solo i Bitcoin, giusto?


- Vincitore del FantaMondiale 2010 -

Rispondi