Politica Internazionale

E' il luogo in cui potete parlare di tutto quello che volete, in particolare di tutti gli argomenti non strettamente attinenti allo sport americano...
Rispondi
Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13947
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Politica Internazionale

Messaggio da pinopao » 21/09/2018, 10:05

situazione ancora bloccata sul fronte Brexit
non si riesce a trovare un minimo punto d'incontro tra UK ed EU



Avatar utente
lele_warriors
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 25116
Iscritto il: 05/07/2007, 7:48

Re: Politica Internazionale

Messaggio da lele_warriors » 26/09/2018, 15:46

questo è giornalismo, nel vero senso del termine...

https://www.ilpost.it/2018/09/25/ricost ... i-camerun/


.“Odio gli Shilton. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli Shilton.

(lelewarriors-Indifferenti-8.9.16) (by lebronpepps :appl: :appl: )

Avatar utente
Spree
Pro
Pro
Messaggi: 3052
Iscritto il: 20/01/2005, 18:32
Località: Padova

Re: Politica Internazionale

Messaggio da Spree » 26/09/2018, 16:32

Brexit aveva due sole possibili vie d'uscita, ma si sapeva da un pezzo. 

1) No deal
2) Quelche sorta di BINO

Pare si vada verso No Deal. Not surprised.



Avatar utente
Angyair
Pro
Pro
Messaggi: 6969
Iscritto il: 06/07/2003, 19:24
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Chicago Bulls
NHL Team: San Josè Sharks
Località: http://www.quelchepassalosport.it/
Contatta:

Re: Politica Internazionale

Messaggio da Angyair » 27/09/2018, 11:21

Per chi si ricorda del caso Skripal
 Il caso Skripal è diventato il fallimento più grande e imbarazzante dell’intelligence militare russa nella storia recente. Il sito di giornalismo investigativo russo Insider in collaborazione con il sito investigativo inglese Bellingcat è riuscito ad avere accesso al passaporto di uno dei due uomini identificati dalla polizia inglese come i sicari mandati a uccidere il disertore russo Sergei Skripal. Attenzione, non si tratta del passaporto internazionale che l’uomo, Alexander Petrov, ha usato per entrare in Gran Bretagna a marzo per poi andare a Salisbury, ma del documento identificativo per uso interno che porta lo stesso nome e la stessa foto e che in teoria non è disponibile al pubblico. Questa carta d’identità ha alcune stampigliature discrete usate dai servizi di sicurezza russi e un numero di telefono che corrisponde al ministero della Difesa russo e in particolare al distretto Khodorkovsky, sede del Gru, che è l’intelligence militare. I giornalisti russi hanno provato a telefonare al numero e ha risposto il ministero della Difesa. C’è anche una scritta a mano siglata s.s., che è la sigla convenzionale per “sovershenno sekretno” e in russo vuol dire “top secret”. Inoltre è stato emesso nel 2009 e nella pagina dove per legge sono elencati i documenti d’identità precedenti e gli altri documenti d’identità, compreso il passaporto internazionale, è stato invece lasciato uno spazio in bianco, come se l’identità di Petrov fosse stata creata dal nulla nel 2009. Ripetiamo. Non si tratta del passaporto internazionale che l’uomo ha mostrato al check-in dell’aeroporto di Gatwick, vicino a Londra, quando è atterrato il 2 marzo, ma del documento che porta in tasca quando è a Mosca – e potrebbe servire da copertura a un’altra identità. Il fatto che sia finito in mano a siti investigativi è una svolta che fa crollare la lunga campagna di disinformazione da parte di Mosca, che a partire da subito, da marzo, ha risposto alle accuse con molto sarcasmo e con molti tentativi di far passare l’intera vicenda come un piano per gettare una cattiva luce sul governo del presidente Vladimir Putin. Il giorno dopo le rivelazioni che riguardano Alexander Petrov, un altro sito d’informazione russo (Proekt) ha avuto accesso ai documenti del secondo uomo, Ruslan Boshirov, e ha trovato le stesse peculiarità: le stampigliature dei servizi di sicurezza e la mancanza di una vita precedente al 2009. Un giornale indipendente di San Pietroburgo, Fontanka, nota che i numeri sui due documenti d’identità di Petrov e Boshirov finiscono in 1294 e 1297, e poiché sono progressivi questo vuol dire che sono stati rilasciati a distanza brevissima l’uno dall’altro. Anche i due passaporti rilasciati con i numeri di mezzo, 1295 e 1296, appartengono a questa serie speciale perché hanno uno spazio in bianco al posto della lista dei documenti precedenti. In definitiva: il 12 settembre il presidente russo Vladimir Putin ha detto che i due identificati dalla polizia inglese sono “ordinari cittadini”, ma i loro documenti interni russi che in teoria non dovevano finire in pasto ai media non lo sono per niente. Il ministero degli Esteri russo ha risposto alla fuga di notizie accusando i siti investigativi di avere hackerato gli archivi dei documenti, ma per ora non ne ha contestato l’autenticità e sono passati quattro giorni.Usare altre identità per compiere operazioni all’estero è una prassi ovvia dei servizi d’intelligence. Quando nel gennaio 2010 gli israeliani uccisero un capo di Hamas in un hotel di Dubai scoppiò un caso internazionale perché i sicari avevano usato passaporti con identità di altri paesi come il Canada e la Nuova Zelanda. Nessuno però, come è successo questa volta, era riuscito ad avere accesso ai documenti personali degli agenti. Il punto di non ritorno di questa vicenda era arrivato il giorno prima, giovedì 13 settembre, quindi prima che saltassero fuori i file personali, con un’intervista ai due – Petrov e Boshirov – trasmessa dal canale in inglese della propaganda di stato Russia Today. L’intervista – fatta dalla direttrice di Russia Today in persona, Margarita Simonyan – in teoria avrebbe dovuto scagionare i due e dimostrare che sono soltanto rappresentanti di prodotti dietetici finiti per sbaglio in un intrigo internazionale, ma le loro risposte sono state così grottesche che il video è stato controproducente.Ricapitoliamo la vicenda. Nel 2010 il controspionaggio americano scoprì e arrestò dieci agenti russi che lavoravano a Washington. A luglio di quell’anno gli americani accettarono uno scambio di spie su una pista dell’aeroporto della città e consegnarono i dieci alla Russia in cambio di quattro spie russe che avevano lavorato per i servizi segreti occidentali e che erano state scoperte. Il messaggio americano era che l’occidente non abbandona i suoi uomini in mano al nemico. Tra i liberati c’era anche il colonnello dell’intelligence militare russa Sergei Skripal, finito in cella quattro anni prima. Le dieci spie russe furono accolte a Mosca come eroi e furono premiate con una medaglia da Putin in persona, che poi disse: “I traditori fanno sempre una fine triste”.La polizia inglese ha identificato Petrov e Boshirov come i due agenti mandati dall’intelligence russa a uccidere l’ex collega Skripal con un agente nervino sviluppato in Russia, il Novichok. Una donna inglese, Dawn Sturgess, qualche tempo dopo ha trovato da qualche parte a Salisbury il finto flaconcino di profumo usato per contrabbandare l’agente tossico dalla Russia alla Gran Bretagna, l’ha annusato, è entrata in coma e a luglio è morta. Skripal, sua figlia Yulia e un poliziotto sono stati molto male – ma sono sopravvissuti – a causa del veleno spruzzato sulla maniglia della porta di casa. La polizia inglese per ora non accusa direttamente i due russi di avere anche ucciso la donna inglese perché sospettano che qualcun altro possa essere coinvolto, forse un corriere che ha portato il veleno.I due accusati sostengono di avere a lungo pianificato un fine settimana di turismo in Gran Bretagna (ma la prenotazione e l’acquisto del biglietto risalgono al giorno prima della partenza) e di avere deciso di visitare la cittadina di Salisbury, a sud di Londra, per vedere la cattedrale. Sono atterrati venerdì sera, ci hanno provato sabato pomeriggio ma non ci sarebbero riusciti “perché c’era troppa neve” e quindi sono tornati domenica – che è il giorno in cui Sergei Skripal è stato avvelenato – e la sera stessa sono ripartiti per Mosca su due voli diversi (un classico dei turisti, andare via su due aerei diversi). I due giorni consecutivi a Salisbury, che non è Venezia diciamo, hanno scatenato l’ironia degli inglesi. Secondo la polizia sabato i due hanno fatto un giro di ricognizione e domenica hanno usato il veleno. Le registrazioni delle telecamere della stazione di Salisbury dicono che Petrov e Boshirov hanno passato meno tempo nella cittadina di quanto ne abbiano passato in volo sugli aerei andata e ritorno per Mosca. Le immagini delle telecamere di sicurezza dentro Salisbury li mostrano mentre camminano tranquilli per strade sgombre di neve, senza alcun problema. Un’inquadratura li coglie in una via che non c’entra nulla con il percorso per arrivare alla cattedrale, il cui campanile si vede con chiarezza dalla stazione del treno perché si staglia sui tetti delle case.L’intervista è stata una farsa talmente povera che due ricercatori che si occupano di analizzare le reazioni ai settanta video di Russia Today dedicati alla vicenda Skripal hanno notato una curiosa inversione di tendenza. Di solito i commenti sfavorevoli alla versione russa sono rarissimi, ma nel caso dell’intervista sono il settantacinque per cento. Alcuni commentatori dicono di avere cambiato idea, dopo averla vista.Il caso Skripal è diventato così imbarazzante da poter funzionare come un test, anche qui in Italia. Chi continua a ignorare questo macroscopico smacco dell’intelligence russa, chi continua a fingere che l’imperatore sia vestito di abiti bellissimi, lo fa per partito preso o per interesse. A marzo il candidato del governo gialloverde alla presidenza Rai, Marcello Foa, firmò un’analisi in cui sosteneva tautologicamente che i russi non potevano avere commesso questo errore perché i russi non commettono questi errori: “Tutti riconoscono al presidente russo grande sagacia nel calibrare le sue mosse. Eccelle sia nella strategia che nella tattica… No, Putin non è leader da commettere questi errori”. Oggi sappiamo che chi ha gestito quest’operazione l’ha fatto con pochissima sagacia.
https://www.ilfoglio.it/esteri/2018/09/ ... nRead=true



Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13947
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Politica Internazionale

Messaggio da pinopao » 14/10/2018, 18:45

Pare si stia raggiungendo un accordo sulla Brexit



frog
Pro
Pro
Messaggi: 7013
Iscritto il: 08/09/2002, 20:28
NBA Team: l.a. Lakers
Località: Trento

Re: Politica Internazionale

Messaggio da frog » 15/10/2018, 8:55

Pare sia arrivato uno scossone in Baviera, questo potrebbe far virare la Germania verso destra, ad occhio non buone notizie per noi.



Avatar utente
BomberDede
Pro
Pro
Messaggi: 3523
Iscritto il: 01/06/2008, 13:27

Re: Politica Internazionale

Messaggio da BomberDede » 15/10/2018, 9:25

mah in relatà io la vedo un pò al contrario.
rispetto alle nazionali l´afd ha perso il 2% e a momenti non superava il 10.
è vero che csu e spd sono crollati ma i verdi sono esplosi come secondo partito, e i verdi hanno un anima particolarmente di sinistra.
diciam che, come in molti paesi, si sta polarizzando il voto ma niente di più



frog
Pro
Pro
Messaggi: 7013
Iscritto il: 08/09/2002, 20:28
NBA Team: l.a. Lakers
Località: Trento

Re: Politica Internazionale

Messaggio da frog » 15/10/2018, 9:50

BomberDede ha scritto:
15/10/2018, 9:25
mah in relatà io la vedo un pò al contrario.
rispetto alle nazionali l´afd ha perso il 2% e a momenti non superava il 10.
è vero che csu e spd sono crollati ma i verdi sono esplosi come secondo partito, e i verdi hanno un anima particolarmente di sinistra.
diciam che, come in molti paesi, si sta polarizzando il voto ma niente di più
E' quanto ho sentito nelle analisi pre voto, in caso di crollo dei partiti di governo, probabilmente non si aspettavano che i voti li avrebbero presi i verdi, sicuramente tu ne sai più di me :ok:
 



Avatar utente
BomberDede
Pro
Pro
Messaggi: 3523
Iscritto il: 01/06/2008, 13:27

Re: Politica Internazionale

Messaggio da BomberDede » 15/10/2018, 10:01

in realtà da quello che vedo è tutto molto in linea con i sondaggi. Diciamo che in molti tendono a fare paragoni con le ultime elezioni locali dove l´afd non esisteva ma ha poco senso per me.
Se si guardano i risultati comunque è chiaro che quello perso dall´spd è andato al verdi e ai linke e quello perso da CSU è andato ad afd e FW quindi non ci sono stati scossoni enormi secondo me ma, appunto, una polarizzazione. i mderato di destra vanno versa destra e i moderati di sinistra verso sinistra.
la notizia è forse i Freie Wähler che sono passati dal 9 all´11% ma spostando la politica piuttosto a destra (da quel che mi dicono qui, io ci vivo e il tedesco lo parlo, ma il bavarese èun altra cosa).

https://www.ilpost.it/2018/10/14/elezioni-baviera/



Avatar utente
maxmicio
Senior
Senior
Messaggi: 1142
Iscritto il: 04/10/2008, 18:51
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Los Angeles Lakers
NHL Team: Edmonton Oilers

Re: Politica Internazionale

Messaggio da maxmicio » 15/10/2018, 11:19

Dilemma SPD: lasciare o meno la Groko.
Secondo me aspetteranno le elezioni in Assia fra 2 settimane, vedere come andranno (li danno a -7%, ma comunque seconda forza) e poi prendere una decisione.



Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13947
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Politica Internazionale

Messaggio da pinopao » 15/10/2018, 18:42


interessante



Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13947
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Politica Internazionale

Messaggio da pinopao » 17/10/2018, 18:33

L'ironia di Erdogan che indaga sulla morte del giornalista Khashoggi
La storia comunque sembra davvero incredibile e agghiacciante



Avatar utente
mr.kerouac
Pro
Pro
Messaggi: 5254
Iscritto il: 25/01/2005, 5:32
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Golden State Warriors
Località: Chapel Hill, N.C.

Re: Politica Internazionale

Messaggio da mr.kerouac » 18/10/2018, 14:29

è agghiacciante come oramai i governi commettano omicidi in altre nazioni (vedi qualche post sopra di Angy) e non ci sia mai una-conseguenza-una.


Ci sono squadre che a certe temperature si squagliano, altre che lievitano. Classe, storia: Milan.
"mr.kerouac [...] sa essere cattivo con pochissime parole". (Angyair)

frog
Pro
Pro
Messaggi: 7013
Iscritto il: 08/09/2002, 20:28
NBA Team: l.a. Lakers
Località: Trento

Re: Politica Internazionale

Messaggio da frog » 18/10/2018, 15:27

mr.kerouac ha scritto:
18/10/2018, 14:29
è agghiacciante come oramai i governi commettano omicidi in altre nazioni (vedi qualche post sopra di Angy) e non ci sia mai una-conseguenza-una.
La conseguenza è che anche negli stati dove questo non succede si guarda con ammirazione a chi compie quegli omicidi e li si manda al governo con il 60 % di consenso.

Perché come in tutte le cose, se non si va in avanti, si torna indietro.

 



Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13947
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Politica Internazionale

Messaggio da pinopao » 27/10/2018, 20:06

http://www.lastampa.it/2018/10/27/ester ... agina.html

vabbè, inutile anche commentare l'ennesima strage da armi da fuoco in USA
che angoscia

pare che il killer fosse un radivalizzato di ultradestra, come quello dei pacchi bomba dell'altro giorno
un incrocio tra mass shooting e terrorismo politico



Rispondi