Libri

E' il luogo in cui potete parlare di tutto quello che volete, in particolare di tutti gli argomenti non strettamente attinenti allo sport americano...
Rispondi
Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 18210
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors
1504
2515

Re: Libri

Messaggio da pinopao » 21/12/2020, 15:25


lo metto qui perchè ne parlavo l'altro giorno come autore di libri sulla chimica in cucina
il video ancora non l'ho visto, ma è una notizia che mi ha fatto restare di merda...



Avatar utente
hispanico82
Pro
Pro
Messaggi: 6030
Iscritto il: 11/05/2004, 21:09
NBA Team: Philadelphia 76ers
Località: Between 45th Street and 2nd&3rd Avenue
197
1040

Re: Libri

Messaggio da hispanico82 » 21/12/2020, 17:39

Whatarush ha scritto: 19/08/2019, 10:58 Spinto dal trailer di una serie Netflix - The Witcher - sono tornato prepotentemente al fantasy, con la mega saga del polacco Andrzej Sapkowski da cui è appunto tratta. La saga vera e propria - di 5 tomi - è preceduta da due antologie di racconti (alcuni davvero belli) in cui inizi a prendere confidenza coi personaggi e col mondo in cui interagiscono.
Ed è particolare anche il personaggio principale, Geralt di Rivia, un umano mutato/potenziato la cui professione è quella di ammazzare "mostri" su commissione salvo essere additato, lui per primo, come uno scherzo di natura. Ne deriva una discreta caratterizzazione psicologica che è cosa abbastanza estranea al genere.


 

Ho fatto il tuo stesso percorso, iniziando dopo aver visto la serie.

Sono al terzo libro e devo dire che mi piace molto. Ho fatto fuori il secondo e quasi tutto il terzo in pochissimo tempo. Oltre ad un universo fantastico che crea lo scrittore è proprio il modo in cui ha caratterizzato i personaggi, anche quelli secondari, in modo molto preciso.



Avatar utente
Teo
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 16963
Iscritto il: 09/09/2002, 8:57
MLB Team: Atlanta Braves
NFL Team: Buffalo Bills
NBA Team: Utah Jazz
NHL Team: Colorado Avalanche
Località: padova
225
1496
Contatta:

Re: Libri

Messaggio da Teo » 21/12/2020, 23:46

Io metto una valanga di libri in versione Kindle sulla lista Amazon, poi mia moglie mi regala o fa regalare i cartacei...

Inviato dal mio Redmi Note 8T utilizzando Tapatalk



 ImmagineImmagineImmagine

Avatar utente
Whatarush
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 12116
Iscritto il: 09/12/2005, 19:13
MLB Team: Pirates
NFL Team: Steelers
NHL Team: Penguins
7262
3147

Re: Libri

Messaggio da Whatarush » 22/12/2020, 8:03

hispanico82 ha scritto: 21/12/2020, 17:39
Whatarush ha scritto: 19/08/2019, 10:58 Spinto dal trailer di una serie Netflix - The Witcher - sono tornato prepotentemente al fantasy, con la mega saga del polacco Andrzej Sapkowski da cui è appunto tratta. La saga vera e propria - di 5 tomi - è preceduta da due antologie di racconti (alcuni davvero belli) in cui inizi a prendere confidenza coi personaggi e col mondo in cui interagiscono.
Ed è particolare anche il personaggio principale, Geralt di Rivia, un umano mutato/potenziato la cui professione è quella di ammazzare "mostri" su commissione salvo essere additato, lui per primo, come uno scherzo di natura. Ne deriva una discreta caratterizzazione psicologica che è cosa abbastanza estranea al genere.




Ho fatto il tuo stesso percorso, iniziando dopo aver visto la serie.

Sono al terzo libro e devo dire che mi piace molto. Ho fatto fuori il secondo e quasi tutto il terzo in pochissimo tempo. Oltre ad un universo fantastico che crea lo scrittore è proprio il modo in cui ha caratterizzato i personaggi, anche quelli secondari, in modo molto preciso.

Se il genere ti attizza, dopo sono passato alle trilogie di Robin Hobb incentrate sul personaggio di Fitzchevalier Lungavista. Si comincia con "L'apprendista assassino" e dopo NOVE libroni vorresti che non finisse mai. Siamo ai massimi livelli del fantasy, imo.
 



Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 18210
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors
1504
2515

Re: Libri

Messaggio da pinopao » 27/12/2020, 13:27

Nel 2021 Mondadori pubblica tutto Dick, se non ho capito male
Con nuove traduzioni
Per chi l'ha letto, com'erano le edizioni Fanucci?
Perché probabilmente si troveranno nei remainder almeno a metà prezzo se non meno...



Avatar utente
BomberDede
Pro
Pro
Messaggi: 4630
Iscritto il: 01/06/2008, 13:27
171
1607

Re: Libri

Messaggio da BomberDede » 27/12/2020, 19:45

John Doe ha scritto: 19/12/2020, 21:11 Posto qui perché il topic della cucina è sepolto da oltre due anni :forza:

Libri sulla lievitazione? Tipo una roba tipo la bibbia del pane fatto in casa, il must have se vuoi imparare a lievitare gli impasti. Non so se esiste una roba del genere

Arrivo in ritardo
Comunque: “come si fa il pane” di Emmanuel Hadjiandreou.
Noi abbiamo fatto partire il lievito madre da lì e da allora pizza e pane fatto in quantità esagerate. Fatto benissimo



Avatar utente
PENNY
Pro
Pro
Messaggi: 8247
Iscritto il: 06/04/2004, 13:30
NBA Team: New York Knicks
Località: Cagliari
2962
2773

Re: Libri

Messaggio da PENNY » 12/01/2021, 17:22

Qualche lettura degli ultimi mesi:

Paul Auster (La musica del caso), (Il libro delle illusioni): 2 libri di Paul Auster dopo che la "Trilogia di New York" mi aveva entusiasmato. Aspettative solo in parte mantenute, il primo è un romanzo che mi ha incuriosito e appassionato molto pur nella sua particolarità, i personaggi gli ho trovati irresistibili così come la storia, mentre il  secondo è stata una bella delusione, con una serie di clichè che mi hanno innervosito fin dall'inizio quasi, pregiudicandomi il resto del romanzo.

Tokyo Express di Seicho Matsumoto: se vi piacciono i gialli, i treni e il giappone è il libro della vostra vita. A parte gli scherzi, io non  sono affatto un giallista, ne leggo troppo pochi per dare un giudizio affidabile credo, ma mi ha divertito e non sono rimasto deluso. Interessante il cambio di punto di vista della narrazione della prima parte e l'incredibile intreccio macchiavellico messo in piedi grazie all'orario ferroviario (ho letto che l'autore ha utilizzato quello reale, non c'è nulla di inventato). Lo stile è quello classico minimalista orientale che a me piace sempre molto, sicuramente recupererò altro di Matsumoto. Consigliato

Endurance. L'incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud di Alfred Lansing: che bellezza, un libro che mi ha riportato indietro di 10 anni per il senso di avventura e la genuina voglia di scoprire come sarebbe andata a finire. La vicenda narrata è incredibile ma reale ovviamente, ed è molto nota, io da buon ignorante non la conoscevo, quindi me lo son goduto come fosse un romanzo, ma con l'irresistibile gusto di sapere che si trattava di una storia vera e senza andarmi a spoilerare il finale. Scritto in maniera coinvolgente e con stralci dei diari dei sopravvissuti, vi farà sentire bagnati e infreddoliti anche se doveste leggerlo sulla sdraio in spiaggia a metà luglio.

Sono quasi a metà di Il più grande uomo scimmia del Pleistocene di Roy Lewis, gustosissimo per ora.



Avatar utente
John Doe
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 11135
Iscritto il: 09/12/2011, 17:18
NFL Team: Indianapolis Colts
NBA Team: Toronto Raptors
503
3216

Re: Libri

Messaggio da John Doe » 06/03/2021, 21:47

Finito pastorale americana, ma penso di averci messo mesi.
Non dico deluso, ma mi aspettavo di più, mi ha lasciato abbastanza indifferente



Avatar utente
John Doe
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 11135
Iscritto il: 09/12/2011, 17:18
NFL Team: Indianapolis Colts
NBA Team: Toronto Raptors
503
3216

Re: Libri

Messaggio da John Doe » 08/03/2021, 10:24

@BruceSmith 
invece di lasciare like nell'ombra (semicit.) concordi? fammi sentire meno solo in questo mondo che lo considera un capolavoro assoluto :forza:



BruceSmith
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 21589
Iscritto il: 06/05/2004, 15:03
Località: Milano
2985
9598
Contatta:

Re: Libri

Messaggio da BruceSmith » 08/03/2021, 10:37

John Doe ha scritto: 08/03/2021, 10:24  

 
BruceSmith ha scritto: aprile 19, 2018, 17:50:37 A proposito di annientamento.
 
BruceSmith ha scritto: dicembre 05, 2017, 21:36:58 qualcuno ha letto Pastorale Americana?
mi incuriosiva ma temo un poco il mattone.

A 3 mesi da questo post, sto ancora leggendo PA.
100 pagine, un altro libro, 100 pagine, un altro libro, 100 libro and counting.

Adesso è partita un'altra digressione.

E appena parte la digressione comincio a vagare per amazon e a guardare i libri che giacciono vergini in salotto.
come vedi, concordo pienamente con te.
ma sono anche l'unico.
quindi ci sono altissime probabilità che il problema siamo noi. :forza:



Avatar utente
Birdman
Pro
Pro
Messaggi: 4783
Iscritto il: 01/03/2009, 13:19
NBA Team: Miami Heat
Località: Parcheggio del Millerntor-Stadion
2581
1642

Re: Libri

Messaggio da Birdman » 03/04/2021, 11:14

Con il lockdown sono tornato a leggere con un ritmo che non avevo dai tempi del liceo. Butto lì un po' di recensioni su alcuni dei titoli più interesanti/curiosi/deludenti che ho letto in questi ultimi mesi:

Kazuo Ishiguro: The Remains of the Day - 5/5
Libro che non credo di poter definire con alcun altro termine se non unico. Ho comprato questo libro in maniera del tutto casuale, senza sapere nulla dell'autore ne del libro specifico. Mi ci sono quindi avvicinato senza alcuna aspettativa. Beh, che dire: raramente mi è capitato di essere così preso per un libro ambientato nell'Inghilterra vittoriana che parla di... quali sono le qualità che contraddistinguono i maggiordomi di alta qualità da quelli mediocri. :forza: La capacità dell'autore di rappresentare la psiche dei vari personaggi è incredibile. Al livello del miglior Camus.

Ernst Jünger: Storm of Steel - 2/5
Libro che parla della prima guerra mondiale raccontata dal punto di vista di un giovane soldato tedesco che scala la gerarchia militare fino ad assumere un ruolo di un certo rilievo. Mi aspettavo una specie di versione tedesca di "Un anno sull'altopiano", che è un libro che ho adorato, ma non ci ho trovato nulla di simile. Mentre il libro di Lussu era spiazzante nella sua sincerità e umanità che traspirava da ogni pagina, questo mi è sembrato un libro scritto da un invasato eroe di guerra e intento a raccontare le sue prodezze con una spruzzata di falsa modestia qua e là.

George R. R. Martin: A game of Thrones (5 volumi) - 4+/5
Una delle grandi saghe fantasy, al pari del signore degli anelli o Dune. Un po' troppo prolisso in alcune parti, ma tutto sommato godibilissimo. Potrebbe aspirare ad un 4.5 o un 5 qualora la serie venisse completata. :forza:

Aldous Huxley: Island - 1.5/5
Una sega mostruosa. Libro che rientra pienamente nei canoni della narrativa utopica, a cui credo avrei dato un voto ben più alto qualora lo avessi letto a 15 anni. Narrativamente parlando è piattissimo. La trama è poco di più che un pretesto per esporre un manifesto per una civiltà ideale non particolarmente originale. Non prende 0/5 solo per le ultime 10-15 pagine e per alcuni dialoghi che sono abbastanza divertenti/interessanti.

Stuart J. Ritchie: Science Fictions - 3.5/5
Descrizione di tutto ciò che non va nel moderno ambiente accademico / società scientifica. Nonostante esponga una serie di idee non banali, rimane sempre molto scorrevole alla lettura, anche grazie a svariati aneddoti curiosi e divertenti. Non un libro che diventerà un classico dell'epistemologia scientifica, ma comunque una lettura interessante senza risultare pesante.

Judea Pearl: The Book of Why - 4++/5
If correlation is not causation, then what is it? Libro di divulgazione scientifica che introduce il moderno filone di analisi statistica di "Causal Inference". Libro estremamente profondo ma che rimane accessibile anche al lettore non tecnico. L'autore soffre un po' della sindrome di Taleb (detto in maniera più prosaica: tende all'essere un insofferente rompicazzo) ma comunque ad un livello nettamente inferiore del buon Nassim. Qua e là è un po' pedante, ma nel complesso è un libro che consiglio vivamente. Uno di quei libri che ti cambia il modo di vedere/analizzare le cose.

William Poundstone: Prisoner's Dilemma - 4/5
Libro che intreccia la biografia di John Von Neumann*, uno dei matematici/fisici più influenti del ventesimo secolo, con il racconto di come sia nato lo studio della cosiddetta "Game Theory" durante il periodo della guerra fredda. Lo sviluppo del libro sui due piani riesce molto bene all'autore, che da un lato espone in maniera molto accessibile qualche dettaglio tecnico sulla materia, dall'altra mischia eventi storici interpretati in chiave "Game Theory".
*tra varie altre cose: l'individuo a cui più di tutti si deve l'invenzione del computer moderno, uno dei contributori di spicco al Manhattan Project e uno dei fondatori della "Game Theory" stessa.

Robert Pirsig: Zen and the Art of Motorcycle Maintenance - 4+/5
Come il primo libro della lista, anche quest'ultimo è assolutamente unico nel suo genere. Racconta il viaggio in moto di padre e figlio, che partendo dal Minnesota arrivano in California passando per il Montana. Durante il racconto ci sono parecchie escursioni filosofiche che toccano argomenti disparati che variano dal diverso rapporto che le persone hanno con la tecnologia alla filosofia della scienza. Alcune di queste digressioni mi sono risultate un po' troppo prolisse, ma la maggior parte le ho trovate assolutamente pungenti. Uno di quei libri in cui ti fermi a metà pagina a riflettere su quello che hai letto e su come si applica alla tua storia personale e ai tuoi atteggiamenti. Oltre al valore di queste digressioni, la parte narrativa è di assoluto livello, e mi ha messo una scimmia pazzesca di andare a fare un escursione sulle montagne del Montana. Consigliatissimo.

Dopo aver faticosamente finito Island, adesso mi butto nell'ultimo di Ishiguro: Klara and the Sun.



Rispondi

Torna a “Off Topic - La Piazza di Play.it”