Cinema: Quotes & Anecdotes

Rispondi
Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 02/10/2013, 16:35

Cinema Anecdotes

26 Registi e i loro Film preferiti



Steven Spielberg

- Lawrence d’Arabia (1962) di David Lean
- Fantasia (1940) di Walt Disney
- Quarto Potere (1941) di Orson Welles
- La vita è meravigliosa (1946) di Frank Capra
- 2001 Odissea nello Spazio (1968) di Stanley Kubrick
- Joe il pilota (1947) di Victor Fleming
- La guerra dei mondi (1953) di Byron Haskin e George Pal
- Psycho (1960) di Alfred Hitchcock
- Effetto notte (1973) di François Truffaut
- Il Padrino (1972) di Francis Ford Coppola


Bernardo Bertolucci

- La regola del gioco (Renoir, 1939)
- L’intendente Sansho (Mizoguchi, 1954)
- Germania Anno Zero (Rossellini, 1947)
- Fino all’ultimo respiro (Godard, 1959)
- Ombre rosse (Ford, 1939)
- Velluto Blu (Lynch, 1986)
- Luci della città (Chaplin, 1931)
- Marnie (Hitchcock, 1964)
- Accattone (Pasolini, 1961)
- L’infernale Quinlan (Welles, 1958)


Luis Buñuel (1900-1983)

- Le notti di Chicago (Sternberg)
- La febbre dell’oro(Chaplin)
- Ladri di biciclette (De Sica)
- La corazzata Potëmkin (Eisenstein)
- Il ritratto di Jennie (Dieterle)
- Cavalcade (Lloyd)
- White Shadows in the South Seas (Van Dyke)
- Incubi notturni ( Alberto Cavalcanti, Charles Crichton, Basil Dearden e Robert Hamer)
- L’Age d’Or (Buñuel)
- Io sono un evaso (Le Roy)


Vittorio De Sica (1901-1974)

- L’uomo di Aran (Flaherty)
- Il Monello (Chaplin)
- La Chienne (Renoir)
- Il milione (Clair)
- L’Atalante (Vigo)
- La tragedia della miniera (Pabst)
- Storm Over Asia (Pudovkin)
- La corazzata Potëmkin (Eisenstein)
- Hallelujah! (Vidor)
- La kermesse eroica (Feyder)


Pedro Almodóvar

- La morte corre sul fiume
- La regola del gioco
- Eva contro Eva
- Femmina folle
- Intrigo internazionale
- Le catene della colpa
- A qualcuno piace caldo
- L’infernale Quinlan
- Senso


Carl Dreyer (1889-1968)

- La nascita di una nazione (Griffith)
- Sir Arne’s Treasure (Stiller)
- La corazzata Potëmkin (Eisenstein)
- La febbre dell’oro (Chaplin)
- Sotto i tetti di Parigi (Clair)
- Il porto delle nebbie (Carnè)
- Breve incontro (Lean)
- Enrico V (Olivier)
- La foresta pietrificata (Mayo)
- Roma città aperta (Rossellini)


Elia Kazan (1909-2003)

- La corazzata Potëmkin (Eisenstein)
- Aerograd (Dovzhenko)
- La febbre dell’oro (Chaplin)
- La carne e il diavolo (Brown)
- Roma città aperta (Rossellini)
- Ladri di biciclette (De Sica)
- Charlot soldato (Chaplin)
- Target for Tonight (Watt)
- La moglie del fornaio (Pagnol)
- Marius, Fanny, Cesar (Pagnol)


David Lean (1908-1991)

- Intolerance (Griffith)
- Variety - Jealousy (DuPont)
- La folla (Vidor)
- Luci della città (Chaplin)
- White Shadows in the South Seas (Van Dyke)
- A me la libertà (Clair)
- La grande illusione (Renoir)
- Amanti perduti (Carne)
- Alba tragica (Carne)
- Quarto potere (Welles)


Sidney Lumet (1924-2011)

- I migliori anni della nostra vita (Wyler)
- Fanny e Alexander (Bergman)
- Il Padrino (Coppola)
- Furore (Ford)
- Intolerance (Griffith)
- La passione di Giovanna d’Arco (Dreyer)
- Ran (Kurosawa)
- Roma (Fellini)
- Cantando sotto la pioggia (Kelly, Donen)
- 2001: Odissea nello spazio (Kubrick)


Sydney Pollack (1934-2008)

- Casablanca (Curtiz)
- Quarto potere (Welles)
- Il conformista (Bertolucci)
- Il Padrino parte II (Coppola)
- La Grande Illusione (Renoir)
- Il Gattopardo (Visconti)
- C’era una volta in America (Leone)
- Toro Scatenato (Scorsese)
- Il settimo sigillo (Bergman)
- Viale del tramonto (Wilder)


Carol Reed (1906-1976)

- Luci della città (Chaplin)
- Ninotchka (Lubitsch)
- Amanti perduti (Carne)
- Via col vento (Fleming)
- Il piacere e l’amore (Ophuls)
- Niente di nuovo sul fronte occidentale (Milestone)
- La kermesse eroica (Feyder)
- Variety (DuPont)
- La moglie del fornaio (Pagnol)
- Pigmalione (Asquith)


Orson Welles (1915-1985)

- Luci della città (Chaplin)
- Rapacità (von Stroheim)
- Intolerance (Griffith)
- Nanuk l’eschimese (Flaherty)
- Sciuscià (De Sica)
- La corazzata Potëmkin (Eisenstein)
- La moglie del fornaio (Pagnol)
- La grande illusione (Renoir)
- Ombre rosse (Ford)
- Nostro pane quotidiano (Vidor)


Billy Wilder (1906-2002)

- La corazzata Potëmkin (Eisenstein)
- Rapacità (von Stroheim)
- Variety (DuPont)
- La febbre dell’oro (Chaplin)
- La folla (Vidor)
- La grande illusione (Renoir)
- Il traditore (Ford)
- Ninotchka (Lubitsch)
- I migliori anni della nostra vita (Wyler)
- Ladri di biciclette (De Sica)


Milos Forman

- Amarcord (Fellini)
- American Graffiti (Lucas)
- Quarto potere (Welles)
- Luci della città (Chaplin)
- Il cacciatore (Cimino)
- Amanti perduti (Carnè)
- Il gigante (Stevens)
- Il padrino (Coppola)
- Miracolo a Milano (De Sica)
- Toro scatenato (Scorsese)


Krzysztof Kieslowski (1941-1996)

- La Strada
- Kes
- A Comdemned Man Escaped
- I quattrocento colpi
- Quarto potere
- Il monello
- L’infanzia di Ivan
- The Musicians (Karabasz)
- Carrozzella per bambini (Widerberg)
- Intimate Lighting (Passer)


Sam Fuller (1912-1997)

- Il traditore
- Febbre dell’oro
- La corazzata Potëmkin
- Rashomon
- Quarto potere
- Il bandito delle ore undici
- I 400 colpi
- L’ultimo imperatore
- La Dolce Vita
- Breve incontro


Stanley Kubrick

- I Vitelloni (Fellini, 1953)
- Il posto delle fragole (Bergman, 1957)
- Quarto potere (Welles, 1941)
- Il tesoro della Sierra Madre (Huston, 1948)
- Luci della città (Chaplin, 1931)
- Enrico V (Olivier, 1944)
- La notte (Antonioni, 1961)
- Un comodo posto in banca (Cline, 1940)
- Condannatemi se vi riesce! (Wellman, 1942)
- Gli angeli dell’inferno (Hughes, 1930)


Martin Scorsese

- 2001: Odissea nello spazio (Kubrick, 1968)
- 8 ½ (Fellini, 1963)
- Cenere e diamanti (Wajda, 1958)
- Quarto Potere (Welles, 1941)
- Il Gattopardo (Visconti, 1963)
- Paisà (Rossellini, 1946)
- Scarpette rosse (Powell/Pressburger, 1948)
- Il fiume (Renoir, 1951)
- Salvatore Giuliano (Rosi, 1962)
- Sentieri selvaggi (Ford, 1956)


Woody Allen

- I quattrocento colpi (Truffaut, 1959)
- 8 ½ (Fellini, 1963)
- Amarcord (Fellini, 1972)
- Ladri di biciclette (de Sica, 1948)
- Quarto Potere (Welles, 1941)
- Il fascino discreto della borghesia (Bunuel, 1972)
- La grande illusione (Renoir, 1937)
- Orizzonti di gloria (Kubrick, 1957)
- Rashomon (Kurosawa, 1950)
- Il settimo sigillo (Bergman, 1957)
- I racconti della luna pallida d’agosto (Mizoguchi, 1953)
- La donna che visse due volte (Vertigo) (Hitchcock, 1958)


Francis Ford Coppola

- L’appartamento (Wilder, 1960)
- Cenere e diamanti (Wajda, 1958)
- I cattivi dormono in pace (Kurosawa, 1960)
- I migliori anni della nostra vita (Wyler, 1946)
- I Vitelloni (Fellini, 1953)
- Re per una notte (Scorsese, 1983)
- Toro scatenato (Scorsese, 1980)
- Cantando sotto la pioggia (Donen/Kelley, 19510)
- Aurora (Murnau, 1927)
- La sfida del samurai (Kurosawa, 1961)


Quentin Tarantino

- Apocalypse Now (Coppola, 1979)
- Che botte se incontri gli “Orsi” (Ritchie, 1976)
- Carrie (de Palma, 1976)
- La vita è un sogno (Linklater, 1993)
- Il buono, il brutto, il cattivo (Leone, 1966)
- La grande fuga (Sturges, 1963)
- La signora del venerdì (Hawkes, 1939)
- Lo Squalo (Spielberg, 1975)
- E dopo le uccido (Vadim, 1971)
- Rolling Thunder (Flynn, 1977)
- Il salario della paura (Friedkin, 1977)
- Taxi Driver (Scorsese, 1976)


Edgar Wright

- 2001: Odissea nello Spazio (Kubrick, 1968)
- Un lupo mannaro americano a Londra (Landis, 1981)
- Carrie (de Palma, 1976)
- Abbasso le donne (Enright/Berkeley, 1934)
- A Venezia… un dicembre rosso shocking (Roeg, 1973)
- La guerra lampo dei Fratelli Marx (McCarey, 1933)
- Psycho (Hitchcock, 1960)
- Arizona Junior (Coen, 1987)
- Taxi Driver (Scorsese, 1976)
- Il mucchio selvaggio (Peckinpah, 1969)


Guillermo del Toro

- 8 ½ (Fellini, 1963)
- La bella e la bestia (Cocteau, 1946)
- Frankenstein (Whale, 1931)
- Freaks (Browning, 1932)
- Quei bravi ragazzi (Scorsese, 1990)
- Rapacità (von Stroheim, 1925)
- I figli della violenza (Bunuel, 1950)
- Tempi Moderni (Chaplin, 1936)
- Nosferatu (Murnau, 1922)
- L’ombra del dubbio (Hitchcock, 1943)


Lena Dunham

- Fish Tank (Arnold, 2009)
- I giorni del cielo (Malick, 1978)
- Dentro la notizia (Brooks, 1987)
- Weekend (Haigh, 2011) a pari merito con La pointe courte, Cléo dalle 5 alle 7, Il verde prato dell’amore, Vagabond (Varda) a pari merito con Il matrimonio di Maria Braun, La paura mangia l’anima (Fassbinder)
- Picnic ad Hanging Rock (Weir, 1975) a pari merito con Cane di paglia (Peckinpah, 1971) e Inseparabili (Cronenberg, 1988)
- Come in uno specchio (Bergman, 1961)
- The War Room (Hegedus/Pennebaker, 1993)


Christopher Nolan

- Vendetta (Frears, 1984)
- La parola ai giurati (Lumet, 1957)
- La sottile linea rossa (Malick, 1998)
- Il testamento del dottor Mabuse (Lang, 1933)
- Il lenzuolo viola (Roeg, 1980)
- Furyo (Merry Christmas Mr. Lawrence) (Oshima, 1983)
- For All Mankind (Reinert, 1989)
- Koyaanisqatsi (Reggio, 1983)
- Rapporto confidenziale (Welles, 1955)
- Rapacità (von Stroheim, 1925)


Rian Johnson

- 8 ½ (Fellini, 1963)
- Brazil (Gilliam, 1985)
- F come falso (Welles, 1975)
- Amarcord (Fellini, 1972)
- Fanny e Alexander (Bergman, 1982)
- Le vacanze di Monsieur Hulot (Tati, 1953)
- Scene da un matrimonio (Bergman, 1973)
- Il terzo uomo (Reed, 1949)
- I cattivi dormono in pace (Kurosawa, 1960)
- (Daunbailò) Down by Law (Jarmusch, 1986)



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 02/10/2013, 16:45

Cinema Anecdotes

Marcello Mastroianni


- Nato il 28 settembre 1924 a Fontana Liri, Lazio.

- Morto il 19 dicembre 1996 a Parigi per cancro del pancreas

- Vero nome: Marcello Vincenzo Domenico Mastrojanni

- Altezza: 1,76 m

- Durante la seconda guerra mondiale fu imprigionato in un campo tedesco ma riesce a fuggire e si nasconde a Venezia.

- Ha avuto un storia d’amore con Silvana Mangano.

- Si è sposato una sola volta, con Flora Carabella dal 1950 al 1970, si sono separati ma non hanno mai divorziato ufficialmente. Hanno avuto una figlia, Barbara.

- Nel 1971 Marco Ferreri lo dirige in La cagna e sul set conosce Catherine Deneuve: iniziano una storia d’amore fino al 1975 e nascerà una figlia, Chiara.

- E’ il fratello maggiore del montatore Ruggero Mastroianni, che ha curato molti dei film di Federico Fellini.

- Ha detto che Federico Fellini lo aveva scelto per La dolce vita (1960) perché aveva un “volto terribilmente ordinario”.

- Federico Fellini sul set di La dolce vita (1960) lo soprannominò “Snaporaz”. 20 anni dopo, il personaggio di Marcello in La Città Delle Donne (1980) era proprio “Snàporaz”

- Al Festival di Venezia c’è il Premio Marcello Mastroianni, nato nel 1998, dato al giovane attore/attrice.

- È sepolto nel Cimitero Monumentale del Verano a Roma.

- Durante i suoi studi presso il Centro Universiatio Teatrale conosce Luchino Visconti.

- Le sue tre nomination agli Oscar sono un record per un artista in un film in lingua straniera.

- Ha vissuto con Faye Dunaway per due anni [1968-1970], dopo essersi conosciuti sul set di Amanti (1968).

- Ha vissuto anche con Anna Maria Tatò [1976-1996].

- Ha ricevuto 2 onorificenze: Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana e Grande ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

Quotes:

“Non capisco perché questi americani devono soffrire così tanto da identificarsi con i loro personaggi. Io recito. E’ molto divertente. Non c’è sofferenza”.

“Esisto solo quando sto lavorando ad un film”.

“La donna è il sole, una creatura straordinaria. La donna è anche l’elemento di conflitto”.


Sul suo ruolo in La notte (1961): “Ero un po’ deluso, perché ho sentito che il personaggio, questo scrittore in crisi, era un po’ convenzionale. Forse avrei preferito che fosse più arrabbiato, più cinico, ma poi probabilmente non sarei stato in grado di interpretarlo. Ma avevo un esempio di scrittore: il mio amico, Ennio Flaiano. E in qualche modo, non so perché, sentivo che questo scrittore doveva essere come lui, il che ovviamente non era quello pensato da Antonioni. Quindi c’è stata una sorta di incomprensione tra me e il regista. Avrei voluto essere più vicino ad Antonioni ma non è stato possibile. Non so se è stata colpa mia o se perché lui (ed è una cosa che ha sempre detto) preferisce non avere molta interazione con gli attori”.

“Non ho nulla contro Hollywood. Ma i migliori film di oggi sono stati fatti in Italia. Quindi, perché dovrei lasciare Roma?”


[Riferendosi a Robert De Niro in Toro scatenato (1980)] “Per natura l’attore è una sorta di meraviglia che può permettersi di cambiare personalità. Se non sai come fare questo, è meglio cambiare mestiere. Penso che sia ridicolo che per interpretare un tassista o un pugile si devono spendere mesi e mesi per ’studiare’ la vita dei tassisti e il peso dei combattenti”.

Honors:

Nomination Premi Oscar

- 1988 Nomination Miglior attore per Oci ciornie (1987). Vinse: Michael Douglas - Wall Street. Gli altri candidati erano: William Hurt - Dentro la notizia, Jack Nicholson - Ironweed, Robin Williams - Good Morning Vietnam.
- 1978 Nomination Miglior attore per Una giornata Particolare (1977). Vinse: Richard Dreyfuss - Goodbye amore mio! Gli altri candidati erano: Woody Allen - Io e Annie, Richard Burton - Equus, John Travolta - La febbre del sabato sera.
- 1963 Nomination Miglior attore per Divorzio all’italiana (1961). Vinse: Gregory Peck - Il buio oltre la siepe. Gli altri candidati erano: Burt Lancaster - L’uomo di Alcatraz, Jack Lemmon - I giorni del vino e delle rose, Peter O’Toole - Lawrence d’Arabia.

David di Donatello
- 1964 - Miglior attore protagonista per Ieri, oggi e domani
- 1965 - Miglior attore protagonista per Matrimonio all’italiana
- 1983 - Premio alla carriera
- 1986 - Miglior attore protagonista per Ginger e Fred
- 1986 - Medaglia d’oro del comune di Roma
- 1988 - Miglior attore protagonista per Oci ciornie
- 1995 - Miglior attore protagonista per Sostiene Pereira
- 1997 - Premio alla carriera

Nastri d’argento
- 1955 - Miglior attore protagonista per Giorni d’amore
- 1958 - Miglior attore protagonista per Le notti bianche
- 1961 - Miglior attore protagonista per La dolce vita
- 1962 - Miglior attore protagonista per Divorzio all’italiana
- 1986 - Miglior attore protagonista per Ginger e Fred
- 1988 - Miglior attore protagonista per Oci ciornie
- 1991 - Miglior attore protagonista per Verso sera
- 1997 - Nastro d’Argento Speciale alla carriera

Globi d’oro
- 1977 - Miglior attore per Una giornata particolare
- 1984 - Miglior attore per Enrico IV
- 1986 - Miglior attore per Ginger e Fred
- 1991 - Miglior attore per Verso sera

Ciak d’oro
- 1988 - Miglior attore protagonista per Oci ciornie

BAFTA
- 1963 - Miglior attore internazionale per Divorzio all’italiana
- 1964 - Miglior attore internazionale per Ieri, oggi e domani.

Festival di Cannes
- 1970 - Prix d’interprétation masculine per Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca
- 1987 - Prix d’interprétation masculine per Oci ciornie

Golden Globe
- 1963 - Miglior attore in un film commedia o musicale per Divorzio all’italiana
- 1965 - Henrietta Award

Festival di Venezia
- 1989 - Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile per Che ora è?
- 1990 - Leone d’Oro alla carriera
- 1993 - Coppa Volpi per il miglior attore non protagonista per Uno, due, tre, stella!

Premio Felix
- 1988 - Premio Felix alla carriera



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 04/10/2013, 11:24

Cinema Anecdotes

C'era una volta in America:


- La pellicola è tratta dal libro "Mano Armata" di David Aaronson. Harry Gray, pseudonimo dell’autore, lui stesso un ex gangster, lo aveva scritto mentre scontava la sua pena a Sing Sing. Leone lo incontrò a fine anni Sessanta e rimase affascinato da questo ex malvivente, che rispondeva a monosillabi (”Sì, no, forse” fu tutto quello che riuscì strappargli), che non aveva nulla della gloria dei banditi raccontati da Hollywood e che condivideva con lui il medesimo immaginario, formatosi nelle sale cinematografiche. Leone capì che The Hoods gli avrebbe consentito di lavorare non più su personaggi mitici ma sul Mito stesso: sulla sua trasmissione, sui generi cinematografici e sulle loro filiazioni, sull’infanzia del Novecento, in una specie di Ricerca del tempo perduto collettiva.

- I diritti cinematografici del romanzo non erano disponibili e dopo molti e inutili tentativi sarà Alberto Grimaldi, già produttore di Leone, ma anche di Fellini, Pasolini, Bertolucci, a riuscire a ottenerli e a chiedere a Norman Mailer di scrivere una prima sceneggiatura. Leone però non trovò interessante quella prima stesura, e per scrivere si circondò di uno straordinario gruppo di sceneggiatori italiani: Kim Arcalli (geniale collaboratore di Bertolucci), Enrico Medioli (autore di sette sceneggiature per Visconti), Leo Benvenuti e Piero De Bernardi (che conAmici miei erano stati capaci di raccontare il tema dell’amicizia in maniera totalmente nuova). Al gruppo si aggiunse in un secondo momento un giovane critico, Franco Ferrini (e molto più tardi, nella fase finale di stesura dei dialoghi inglesi, Stuart Kaminsky).

- Durante i nove mesi di riprese, realizzati a Cinecittà e nella campagna di Pietralata a Roma, a Parigi, sul lago di Como, nella Brooklyn Newyorkese, Miami, nel New Jersey, a Montreal, e nella Venezia della scena del ristorante dove cenano Noodles e Debora, lo scenografo Carlo Simi, la costumista Gabriella Pescucci, il direttore della fotografia Tonino Delli Colli hanno hanno lavorato all’atmosfera di tre epoche.

- Il produttore Arnon Milchan è anche il protagonista di un cameo, recitando nel ruolo dell’autista che rifiuta i soldi da Noodles/De Niro dopo che questi ha violentato Deborah/Elizabeth McGovern.

- Il primo assemblaggio del film era lungo dieci ore. Sergio Leone riesce a ridurlo a sei, considerando la possibilità di farne due episodi di tre ore l’uno, prima di adattarsi a farne un film di quattro. Milchan e la Warner si aspettavano però un film di non oltre 160 minuti, quindi ingaggiarono il montatore Robert BrownRobert Brown per ridurre ulteriormente il film.

- Milchan, preoccupato della eccessiva durata del film (236 minuti, poco meno di Via col vento…) e dalla frammentazione temporale della storia, decise di operare di taglio e di montaggio e, dopo la presentazione della versione originale al Festival di Cannes, fece in modo che negli Stati Uniti ne uscisse una versione tagliata di almeno un’ora e mezza, con le scene del De Niro vecchio e dell’infanzia dei ragazzi completamente eliminate. Il risultato fu un film “messo in ordine” temporale, ma del tutto incomprensibile, e perciò un vero flop al botteghino.

- La prima proiezione del film si tenne a New York il 17 febbraio 1984, in Italia il 6 luglio dello stesso anno, vietata ai minori di 18 anni in Spagna, Regno Unito, Francia, Irlanda, Finlandia, Norvegia e Brasile; ai minori di 16 in Germania, Olanda e Nuova Zelanda; di 15 in Svezia; di 14 in Italia e negli Stati Uniti; di 13 in Canada.

- Alla fine delle controversie la versione americana, con le scene rimontate in senso cronologico, dura 1 ora e 34 minuti e non viene firmata da Leone; la versione europea, presentata a Cannes nel maggio del 1984, dura 3 ore e 49 minuti.

- Per Sergio Leone, che aveva lottato su quel progetto per 13 anni, fu un colpo letale e non sono pochi coloro che affermano che lo stress vissuto per C’era un volta in America fu alle origini della malattia che lo portò via pochi anni dopo, a soli sessant’anni.

- In ogni caso C’era una volta in America in Italia e in Europa venne mantenuto nel suo formato iniziale e benché avesse una durata che non permettesse più di due spettacoli al giorno, fu comunque uno dei grandi successi della stagione. Molti anni dopo, grazie anche alle pressioni delle figlie di Leone (intervistate negli extra del DVD) il film fu ripresentato anche in America in una versione di 227 minuti, reinserendo sequenze eliminate

- Per un problema burocratico dovuto dalla distribuzione statunitense la colonna sonora di Ennio Morricone non riuscì a candidarsi ad un Oscar che aveva parecchie probabilità i vincere.

- Leggenda vuole che Robert De Niro, dopo la lavorazione del film, avesse fatto incidere su dei medaglioni la scritta: “Complimenti per essere sopravvissuti alle riprese di C’era una volta in America”.

- Clint Eastwood, che Leone aveva lanciato con "Per un pugno di dollari", si arrabbiò moltissimo fino a litigare amaramente con il regista per non essere stato scelto nel ruolo del protagonista.



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 28/10/2013, 12:14

Cinema Anecdotes

Scandali:



Woody Allen sposa la figliastra

Woody Allen ha letteralmente scioccato il mondo nel 1992. Allen aveva una relazione con Mia Farrow sin dal 1980, ed insieme avevano dei figli adottivi. Nel 1992 Farrow scoprì alcune foto compromettenti di Woody con una delle figliastre di 20 anni e si scatenò l’inferno. Allen lasciò Mia e si sposò con Soon-Yi Previn il 22 dicembre del 1997. Sono insieme da allora.


Il video scandalo di Rob Lowe

Una delle prime persone ad essere bruciata da un sex tape fu l’attore Rob Lowe, che raccolse due ragazze alla Democratic National Convention 1988 ad Atlanta, le portò nella sua stanza d’albergo e filmò i rapporti sessuali. Tra l’altro una delle ragazze era minorenne ed hanno cercato di utilizzare il nastro per estorcere denaro all’attore. Rob Lowe ha praticamente inaugurato l’era dello scandalo dei sex tape delle celebrità.


La morte di Natalie Wood

Nel 1981 Natalie Wood andò in barca con il marito, l’attore Robert Wagner, e con Christopher Walken. L’attrice scomparve ed il suo cadavere venne trovato la mattina dopo. La sua morte è stata dichiarata un incidente, ma molti avevano sospetti su Wagner. Ancora adessso non si sa la verità.


La morte di David Carradine

Nel 2009 David Carradine si era recato in Thailandia per girare il dramma francese “Stretch”. E’ stato trovato morto nella sua camera al Swissotel Nai Lert Park hotel di Bangkok, appeso nudo nell’armadio con una corda intorno al collo. In origine, la morte di Carradine fu dichiarata un suicidio. Ma in seguito venne scoperto che si trattò di un incidente, l’attore era morto per un’asfissia autoerotica. Dopo la morte, le ex-mogli hanno parlato pubblicamente delle sue insolite inclinazioni sessuali.


Ingrid Bergman e Roberto Rossellini

Nel 1949 Ingrid Bergman incontrò il regista italiano Roberto Rossellini sul set di “Stromboli” e si innamorarono. Ingrid rimase incinta ma Rossellini era già sposato. Lo scandalo risultante decimò la carriera di Bergman e la vide diffamata dalla stampa. Il Senatore Edwin C. Johnson la rimproverò pubblicamente per “turpitudine morale”.


Roman Polanski e la violenza sessuale

Nel 1977 Roman Polanski è stato accusato di aver violentato Samantha Gailey, 13 anni, dopo un servizio fotografico. Il giudice riconobbe che non c’era stata violenza sessuale, ma che Polanski “avesse approfittato di una minorenne, compiendo un atto sessuale non lecito, ma non uno stupro”.


La malattia di Margot Kidder

Margot Kidder ha sofferto a lungo di Disturbo bipolare, che è riuscita a nascondere fino ad un terribile episodio del 1996 quando fu ritrovata nuda in un bosco con diversi denti rotti. Fu ricoverata in una clinica psichiatrica e cominciò delle cure. Qualche anno fa ha dichiarato di non aver più avuto attacchi.


Mel Gibson e l’antisemitismo

Mel Gibson è stato sorpreso nel 2006 a guidare ubriaco ed ha colto l’occasione per lanciarsi in una filippica contro quei “F*****i Ebrei” davanti al perplesso poliziotto.


Fatty Arbuckle e Virginia Rappe

Nel 1921 Roscoe “Fatty” Arbuckle, noto attore comico del cinema muto, ha trascorso una notte in un hotel di San Francisco, con alcune giovani donne tra cui un’aspirante attrice, Virginia Rappe. Durante la notte Rappe morì e un suo amico accusò Arbuckle di averla aggredita sessualmente, persino con una bottiglia. Arbuckle fu processato per il reato tre volte, finì nella Lista Nera di Hollywood e i suoi ultimi film, non ancora distribuiti, vennero distrutti. Alla fine fu dichiarato innocente.


Il suicidio di Paul Bern

Uno degli uomini più potenti di Hollywood nel 1930 era Paul Bern, produttore della MGM. Il 2 luglio del 1932 sposò Jean Harlow ma si suicidò pochi mesi dopo, il 5 settembre 1932. Si dice che si sia ucciso perché soffriva di impotenza.


La morte di Virginia Rappe

Nel settembre del 1921, Roscoe “Fatty” Arbuckle affittò una serie di camere in un hotel di San Francisco per una festa. Tra i presenti c’era Virginia Rappe, giovane e per lo più sconosciuta attrice, che morì. La stampa accusò Arbuckle di stupro e omicidio colposo, ed è stato processato e condannato dai giornali, prima ancora del processo (e nonostante il patologo avesse negato traccia di violenza sessuale). La carriera di Arbuckle era finita, anche se fu prosciolto (con tanto di scuse della giuria).


La morte di Thomas H. Ince

Thomas Harper Ince è stato un regista, produttore e sceneggiatore. La sua morte è ancora avvolta nel mistero: Ince era sullo yacht di di William Randolph Hearst, il 16 novembre 1925, insieme a (tra gli altri) l’amante di Hearst (e attrice) Marion Davies, Charlie Chaplin, e l’editorialista Louella Parsons. La causa ufficiale della morte è stato un attacco di cuore ma le voci di corridoio di Hollywood dicono che Hearst gli sparò per gelosia (la donna contesa era ovviamente Marion Davies). Alcune voci dicono invece che Hearst scambiò Ince per Chaplin (l’uomo era convinto che Marion avesse un flirt con lui).


L’omicidio di William Desmond Taylor

Taylor era un prolifico attore e regista, ma è soprattutto ricordato per la sua misteriosa morte nel 1922. E’ stato trovato nel suo bungalow, e un medico sulla scena parlò di emorragia allo stomaco. Poi qualcuno girò il corpo e scoprì la ferita da arma da fuoco. Aveva del denaro con sè e indossava gioielli preziosi, quindi la rapina fu esclusa; anche se nessuno fu mai accusato del delitto, la teoria più affascinante è che l’omicidio era legato al mondo della cocaina. Il caso è tuttora irrisolto.


La sparatoria di Courtland S. Dines

Il giorno di Capodanno del 1924, Mabel Normand e l’amica Edna Purviance (una delle attrici preferite di Chaplin) si stavano godendo un cocktail pomeridiano con il petroliere Courtland S. Dines. Per motivi non chiari, quando l’autista di Normand venne a prenderla, quella sera, si convinse che fosse in pericolo o che le donne fossero detenute contro la loro volontà, e sparò a Dines per tre volte, con la pistola di Normand. Dines sopravvisse all’incidente, ma Normand si ritirò dal cinema e morì nel 1930, a soli 37 anni.


La morte di Wallace Reid

Bello, carismatico, e coraggioso, Reid era una star del cinema, che presto divenne noto per spericolati thriller. Durante un incidente sul set del film The Valley of the Giants (1919) gli venne prescritta la morfina contro il dolore. All’inizio la usava per poter continuare a lavorare, ma è rapidamente diventata una dipendenza. Morì nel 1922 dopo essere stato in coma.


La morte di Thelma Todd

Divertente, e dolorosamente bella, Thelma “Hot Toddy” Todd era una comica eccezionale. Aveva solo 30 anni quando morì nel 1935 per avvelenamento da monossido di carbonio. Ma era un suicidio improbabile perché sul corpo fu trovato del sangue: alcuni parlarono di un bersaglio di Lucky Luciano, che aveva voluto coinvolgere il successo della sua caffetteria Thelma Todd’s Sidewalk Cafè nelle sue operazioni di gioco d’azzardo illegale. Altri hanno puntato il dito contro il suo amante possessivo, il regista Roland West. Il mistero è ancora irrisolto.


Le spose bambine di Charlie Chaplin

Chaplin era il più amato di tutte le stelle del cinema muto. Ma aveva anche una predilezione per donne molto giovani. La sua prima moglie, Mildred Harris, aveva solo 17 anni (e Chaplin 29), quando si sono sposati nel 1918 per una gravidanza: hanno divorziato nel 1921. Chaplin ha poi sposato la sedicenne Lita Grey nel Messico, a causa di una gravidanza. La sua terza moglie, Paulette Goddard, aveva 21 anni quando hanno iniziato a frequentarsi, ma la sua quarta e ultima moglie, Oona O’Neill (nella foto sopra), aveva 18 anni (al lui 54) quando si sposarono. I due si sposarono il 16 giugno del 1943 e rimasero insieme fino alla morte di lui, il 25 dicembre del 1977.


La vita sociale di Clara Bow

Splendida, carismatica, ed elettrizzante sullo schermo, Clara Bow è stata una dei primi sex symbol del cinema. Daisy Devoe, segretaria e confidente di Clara, ha cercato di ricattare la star con la minaccia di rivelare i suoi segreti alla stampa. Bow ha sporto denuncia, ma nel processo Devoe ha dichiarato che l’attrice era una donna ubriaca di facili costumi. I tabloid di gossip colsero la palla al balzo e pubblicarono una serie di articoli scandalosi, in cui sostenevano che Bow beveva, si drogava, e dormiva con uomini, donne e persino (!!!) cani. Ci furono accuse di sesso a tre, sesso pubblico, esibizionismo, malattie veneree, incesto, e anche un’orgia con una squadra di calcio.


Il suicidio di Peg Entwistle

La famosa scritta Hollywood sulle colline all’inizio era Hollywoodland ed era stata realizzata per pubblicizzare uno sviluppo immobiliare del 1923. Doveva stare lì solo per un anno e mezzo ma piacque talmente tanto che c’è ancora adesso… Il 16 settembre 1932, Peg Entwistle salì sulla “H” e si lanciò di sotto. Lasciò un biglietto di addio: “Ho paura, sono una vigliacca. Mi dispiace per tutto. Se avessi fatto questo molto tempo fa, avrei risparmiato un sacco di dolore”.



Avatar utente
ripper23
Pro
Pro
Messaggi: 3871
Iscritto il: 09/05/2004, 22:16
NBA Team: New York Knicks

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da ripper23 » 04/11/2013, 11:04

Immagine

Primi anni 80.



Avatar utente
PENNY
Pro
Pro
Messaggi: 5867
Iscritto il: 06/04/2004, 13:30
NBA Team: New York Knicks
Località: Cagliari

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da PENNY » 05/11/2013, 19:46

David Cronenberg va di fioretto :forza:

“Penso di essere un regista più intimo e personale di quanto Kubrick lo sia mai stato. Questo è il motivo per il quale penso che Shining non sia un gran film. Non credo che Kubrick comprendesse il genere horror. Non credo che sapesse cosa stesse facendo. C’erano alcune immagini impressionanti nel libro e le ha riprodotte, ma non credo che le sentisse veramente.”

“In un modo strano, nonostante sia venerato come un artista del cinema ad alto livello, credo che la sua mente fosse guidata molto più dall’aspetto commerciale, e cercasse qualcosa che avesse appiglio e potesse essere finanziato. Credo fosse veramente ossessionato da tutto questo, in un modo in cui io non lo sono. O in cui non lo erano neanche Bergman o Fellini.”


A proposito di Fellini, qualche citazione sua:

“Nel mito del cinema, Oscar è il premio supremo”.

“I nostri sogni sono la nostra vita reale. Le mie fantasie e ossessioni non sono solo la mia realtà, ma la materia di cui sono fatti i miei film”.

“Non perdete mai il vostro entusiasmo infantile per tutto il viaggio che è la vita”.

“E’ più facile essere fedeli ad un ristorante che ad una donna”.

“Tutta l’arte è autobiografica”.

“Dirigo sempre lo stesso film”.

“La felicità è semplicemente una condizione temporanea che precede l’infelicità. Fortunatamente per noi, funziona anche il contrario”.

“Penso che Akira Kurosawa sia il più grande esempio di tutto ciò che un autore del cinema dovrebbe essere”.

“Io sono solo un narratore, e il cinema sembra essere il mio mezzo. Mi piace perché ricrea la vita in movimento, si allarga, la esalta, la distilla. Per me è molto più vicino alla creazione miracolosa della vita che, per esempio, un dipinto o la musica. Non è solo una forma d’arte, in realtà è una nuova forma di vita, con i suoi ritmi, cadenze, prospettive e trasparenze. E’ il mio modo di raccontare una storia”.

“Il visionario è l’unico vero realista”.



frog
Pro
Pro
Messaggi: 6488
Iscritto il: 08/09/2002, 20:28
NBA Team: l.a. Lakers
Località: Trento

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da frog » 07/11/2013, 15:34

Hank Luisetti ha scritto:Cinema Anecdotes

Scandali:


cut
Al fornitissimo elenco aggiungerei senz'altro la vita di Frances Farmer, a cui tra l'altro vennero dedicati alcuni film biografici.
Cobain chiamò la figlia Frances in suo onore, il che già lascia intuire che non si sia trattato di un personaggio dei più tranquilli :forza:



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 08/11/2013, 8:33

Cinema Anecdotes

Terribili incidenti sul set:


- Brandon Lee/ Il Corvo: figlio di Bruce Lee, nato nel 1965. Il 31 marzo 1993 stava girando Il Corvo e durante una scena uno dei malviventi avrebbe dovuto sparare a Lee con una pistola caricata a salve. L’arma era difettosa e non venne controllata. C’era una distanza troppa corta e la pressione sbloccò un proiettile che colpì Brandon all’addome e la spina dorsale. Brandon morì a 28 anni. Fu sepolto accanto a suo padre. Michael Massee, l’attore che sparò, non fu accusato di omicidio e la morte fu dichiarata un tragico incidente.

- Eric Morecambe: il comico inglese è morto a 58 anni subito dopo uno show. Durante la sua carriera ha subito due attacchi di cuore ed il terzo gli è stato fatale. Era il 28 maggio 1984 e si trovava sul palco. Lo show era finito ma lui era così amato dal pubblico che è stato richiamato sul palco per ben sei volte. Alla sesta si è incamminato dietro le quinte dicendo: “Meno male che è finita” ed è crollato a terra.

- Jon-Erik Hexum: era un attore e modello nato nel 1957 a Beverly Hills. Ha interpretato delle parti in diversi programmi televisivi americani, prima di ottenere il suo grande ruolo principale nella serie Cover Up del 1984 dove era un agente della CIA esperto di armi. Durante le riprese con una pistola si è verificato un problema tecnico e la scena è stata fermata. Hexum si è preso una pausa e al risveglio dal sonnellino ha iniziato a giocare con l’arma. I testimoni dicono che stava giocando alla roulette russa quando è partito un colpo. L’incidente è avvenuto il 12 ottobre 1984, e, nonostante le 5 ore di intervento chirurgico, Hexum è morto 6 giorni dopo a causa della forte emorragia nel cervello. La pallottola era a salve ma ha creato una pressione così forte sul cranio che dei pezzi di ossa si conficcarono nel cervello.

- Tommy Cooper: era un mago e comico, famoso per il fez rosso che indossava sempre. Cooper è morto il 15 aprile 1984 durante una esibizione live in televisione in uno spettacolo di varietà intitolato Live From Her Majesty. Durante uno sketch è crollato a terra, il pubblico si mise a ridere e il suo assistente credette che fosse un parte improvvisata. Tuttavia, col passare dei minuti, era evidente che qualcosa era andato storto. La gente dietro le quinte ha cercato di rianimarlo ma ormai non c’era più nulla fa fare. L’attacco di cuore l’aveva ucciso. Aveva 63 anni. E’ polemica sul fatto che il video della morte sia visibile ancora su YouTube.

- Edith Webster: l’attrice stava recitando a teatro in una piece intitolata The Drunkard. Dopo la frase: “Per favore non parlate di me dopo che me ne sono andata” ha avuto un attacco di cuore ed è crollata a terra. Il pubblico iniziò ad applaudire perché il suo personaggio doveva morire proprio per un collasso e credettero fosse una grande prova di recitazione. In seguito il pubblico rimase seduto in silenzio per quasi un’ora dopo l’interruzione della performance.

- Il Mago di Oz: Dopo aver ottenuto il ruolo dell’Uomo di latta nel film del 1939 Il Mago di Oz, l’attore Buddy Ebsen scoprì che era allergico al trucco utilizzato per il suo costume, e dopo aver inalato la sostanza argentea per dieci giorni di riprese, è finito in ospedale con un polmone collassato. Soffrì di problemi di respirazione per il resto della sua vita, e Jack Haley ha preso il suo posto.

- Harry Potter e i doni della morte: Durante le riprese del film Harry Potter e i Doni della Morte, David Holmes (controfigura di Daniel Radcliffe) è rimasto paralizzato dopo una caduta che ha gravemente ferito la spina dorsale.

- Cyborg: Durante le riprese di una scena di lotta per il film del 1989 “Cyborg”, Jean-Claude Van Damme ha accidentalmente pugnalato la sua co-star Jackson “Rock” Pinckney nell’occhio. Pinckney ha perso una vista all’occhio e ha citato in giudizio Van Damme: ha ricevuto 487.500 dollari di danni.

- La passione di Cristo: L’attore Jim Caviezel è rimasto ferito con lesioni multiple quando interpretava Gesù nel film La Passione di Cristo. La sua schiena si squarciò durante la scena della fustigazione, ha sofferto di ipotermia ed è stato colpito da un fulmine.

- xXx: Harry L. O’Connor, controfigura di Vin Diesel per il film xXx è stato ucciso durante le riprese. Doveva atterrare su un sottomarino, invece si è schiantato ed è morto nell’impatto.

- Syriana: George Clooney ha detto di aver contemplato il suicidio dopo un grave incidente durante le riprese del film Syriana. Ha subìto un infortunio alla colonna vertebrale e il dolore si dimostrò veramente atroce per l’attore.

- Jumper: Lavorando per il film Jumper - Senza confini, un arredatore di nome David Ritchie è rimasto ucciso quando fu schiacciato sotto i detriti congelati durante lo smantellamento di un set.

- The Eagle: Durante le riprese di una scena in un fiume per il film The Eagle, un membro dell’equipaggio ha accidentalmente versato acqua bollente su Channing Tatum, che si è bruciato la punta del pene.

- Fuori in 60 secondi - 2: Il film Fuori in 60 secondi ha quasi avuto un sequel, ma il secondo film è stato fermato dopo la prematura scomparsa del regista H. B. Halicki. Una torre d’acqua che doveva cadere accidentalmente, ha colpito invece un palo che è poi piombato su Halicki. E’ morto sul colpo.

- The last lion: Sul set del film sudafricano “The Last Lion”, un tecnico del suono di nome James Chapman è stato ucciso, sbranato da un leone.

- Brivido: Durante le riprese del film Brivido, un tosaerba radiocomandato ha schizzato delle schegge di legno in faccia al direttore della fotografia Armando Nannuzzi, che ha perso un occhio a causa dell’incidente. Ha continuato a citare in giudizio Stephen King per 18 milioni di dollari. La causa si concluse con un accordo stragiudiziale.

- The Squeeze: Lo stuntman Victor Magnotta è morto durante le riprese del film “The Squeeze”. Magnotta annegò intrappolato all’interno di una vettura che era caduta nel fiume Hudson.

- The Sword of Tipu Sultan: Il maggior numero di morti su un set cinematografico è avvenuto durante le riprese del film per la tv “The Sword of Tipu Sultan” nel 1989. Lo studio cinematografico ha preso fuoco e 62 persone sono rimaste intrappolate e sono morte. Il regista e attore Sanjay Khan è rimasto in ospedale per 13 mesi e ha dovuto subire 72 interventi chirurgici per le terribili ustioni riportate.

- Ai confini della realtà: L’attore Vic Morrow, insieme a Mynca Dinh Le di 7 ​​anni e Renee Shin-Yi Chen di 6, sono morti quando un elicottero si è schiantato a terra.



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 08/11/2013, 11:34

Cinema Anecdotes

Machete Kills: curiosità


- Mel Gibson interpreta un cattivo da Payback del 1998.

- E’ il primo film di Charlie Sheen in cui viene accreditato con il suo vero nome, Carlos Estevez.

- E’ l’undicesima collaborazione di Robert Rodriguez con Danny Trejo.

- Il film è stato girato in 29 giorni.

- Alexa Vega ha una sola battuta per tutto il film.

- E’ il primo film per Lady Gaga .

- La pistola a forma di pene utilizzata da Sofia Vergara è praticamente la stessa di quello utilizzata da Tom Savini in Dal tramonto all’alba e da Antonio Banderas in Desperado, entrambi con la regia di Robert Rodriguez .

- Conto dei cadaveri: 101.

- A Michelle Williams è stato offerto il ruolo di Miss San Antonio, ma ha rifiutato. Il ruolo è andato a Amber Heard.

- Mel Gibson ha completato il suo ruolo in una settimana.

- La storia è di Robert e Marcel Rodriguez. La sceneggiatura è di Kyle Ward.

- La tagline originale è “Trained to kill. Left for dead. Back for more”.

- Il film è stato Rated R per una forte violenza, sangue, linguaggio e contenuto sessuale.

- Le riprese sono state effettuate in Texas e negli Troublemaker Studios di Austin, Texas.

- Machete Cortez è doppiato da Saverio Moriones. Il doppiatore del film Machete (2010), Claudio Fattoretto, è morto il 30 giugno 2013.



Avatar utente
Bluto Blutarsky
Pro
Pro
Messaggi: 6014
Iscritto il: 07/12/2011, 15:05
Contatta:

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Bluto Blutarsky » 08/11/2013, 11:49

Hank Luisetti ha scritto: - A Michelle Williams è stato offerto il ruolo di Miss San Antonio, ma ha rifiutato. Il ruolo è andato a Amber Heard.
Direi che sono caduti in piedi

Immagine


"La verità è come l'acqua: una piccola quantità ti disseta e ti tiene pulito, ma se è troppa può farti affogare"

Immagine

Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 08/11/2013, 18:09

Decisamente!!!


Inviato da mio iPhone utilizzando Tapatalk


"The point was not to score, but to win"

Immagine

"I Scream, You Scream, We All Scream for Ice Cream"

Dazed and Confused: "Se rinasco, voglio rinascere Hank."

Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 19/11/2013, 9:41

Cinema Anecdotes

Gli 11 film horror più spaventosi di tutti i tempi per Martin Scorsese:

1- Gli invasati (The Haunting, 1963) di Robert Wise
2- Il vampiro dell’isola (Isle of the Dead, 1945) di Mark Robson con Boris Karloff
3- La casa sulla scogliera (The Uninvited, 1944) di Lewis Allen
4- The Entity (1981) di Sidney J. Furie
5- Incubi notturni (Dead of Night, 1945) di Alberto Cavalcanti, Charles Crichton, Basil Dearden e Robert Hamer
6- The Changeling (1980) di Peter Medak
7- The Shining (1980) di Stanley Kubrick
8- L’esorcista (The Exorcist, 1973) di William Friedkin
9- La notte del demonio (Night of the Demon (UK), Curse of the Demon (US), 1957) di Jacques Tourneu
10- Suspense (The Innocents, 1961) Jack Clayton
11- Psycho (1960) di Alfred Hitchcock



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 02/12/2013, 14:45




Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Re: Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 11/02/2014, 9:53

Cinema Anecdotes

- Quando Matt LeBlanc si presentò al provino per il cast di Friends, aveva in banca poco più di 11 dollari Quando il cast ebbe la sua prima busta paga, la prima cosa che Courteney Cox si compro' fu una macchina; Matt invece il suo primo pasto caldo.

- El Mariachi fu girato con un budget di soli $7000. Il regista Rodriguez finanzio' personalmente il film con ben $3,000 dei $7,000 offrendosi come cavia da laboratorio. Fu utilizzato su di lui un farmaco per ridurre il colesterolo, pagato 100 $al giorno per 30 giorni; e scrisse la maggior parte dello script nel mentre era chiuso nel laboratorio. La maggior parte dei $7,000 fu spesa per la Videocamera.
Approsimatamente il film guadagno $1 million.



Hank Luisetti
Senior
Senior
Messaggi: 2371
Iscritto il: 16/12/2007, 14:27
Località: SanFrancisco/Vaiano

Cinema: Quotes & Anecdotes

Messaggio da Hank Luisetti » 22/07/2014, 12:54

Cinema[\i] Anecdotes: Toro Scatenato[\b]

- Nel 1978 Martin Scorsese fu ricoverato in ospedale per depressione e problemi di salute. Robert De Niro lo andò a trovare e gli propose di girare Toro Scatenato. All’inizio il regista rifiutò perché non gli piacevano i film sportivi ma alla fine si convinse. Molti sostengono (e lo sostiene anche Scorsese) che De Niro gli ha salvato letteralmente la vita e la carriera.

- Robert De Niro e Joe Pesci si sono davvero presi a pugni nel film. In più De Niro ha accidentalmente rotto una costola a Joe Pesci durante una scena di combattimento. Questo scena appare nel film, quando Robert colpisce Joe al fianco.

- Per prepararsi al ruolo, Robert De Niro si è allenato duramente, ha partecipato a tre incontri di boxe e ne vinti due.

- Quando il vero Jake LaMotta ha visto il film si è chiesto se era stato davvero così terribile. Ha chiesto alla vera Vicki: “Ero veramente così?”. Lei rispose: “Peggio”.

- Robert De Niro per ingrassare 27 kg per esigenze di copione, si trasferì per qualche mese in italia dove andò a mangiare, in quantità esagerate, nello stesso ristorante dove era cliente fisso ai tempi di 900.


Inviato da mio iPhone utilizzando Tapatalk


"The point was not to score, but to win"

Immagine

"I Scream, You Scream, We All Scream for Ice Cream"

Dazed and Confused: "Se rinasco, voglio rinascere Hank."

Rispondi