London calling. LONDON 2012 [topic generale]

l'evento sportivo dell'estate
Bloccato
boantos
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 11615
Iscritto il: 17/05/2004, 12:50
NBA Team: Detroit Pistons
Località: Courbevoie

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da boantos » 13/08/2012, 0:19

johnOJ ha scritto:
boantos ha scritto:Comunque neanche 4 anni fa in Cina, la squadra di casa era stata aiutato così tanto.
65 medaglie per la Gran Bretagna mi sembrano un pò tante.
Un pò ridicola sta tendenza.
Che poi il fatto che il paese organizzatore abbia più medaglie del solito che motivo ha dietro? gli atleti si impegnano di più? arrivano più preparati? tutto merito delle decsioni arbitrali? Questa cosa non me la spiego un granchè.
Sicuramente alcuni arrivano più motivati e sono sostenuti dal pubblico in delirio per loro. Questo inciderà parecchio alla fine.
Ma altre medaglie sono invece regalate. Oggi quello che è successo a Cammarelle è una cosa bruttissima.



Avatar utente
Gerry Donato
Allenatore nel pallone
Allenatore nel pallone
Messaggi: 6977
Iscritto il: 11/06/2006, 20:44
Località: Varese - Djerry - Nonno Papero - Legro - Taek - Numero uno dei non venuti al forum

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da Gerry Donato » 13/08/2012, 0:21

shilton ha scritto:Dai Gerry vai con il programma di domani

http://www.rio2016.org/

-1453 giorni
E tra 24 ore mancheranno solo 1452 giorni! :yahoo:

Intanto mi registro alla newsletter, hai visto mai.

Poi adesso mi è venuta voglia di seguire in questi 4 anni tutti gli Europei, i Mondiali o le coppe del Mondo degli sport olimpici per arrivare preparatissimo su ogni singola specialità, ovvero come non far finire mai le Olimpiadi.

Devo solo massimizzare il tempo liberandomi dei vari pesi (lavoro, famiglia, spasimanti) o mettendo a rischio le precedenti certezze (amicizie, calcio, basket USA, golf, cinema, pratica sportiva, spasimanti tramutatesi in fidanzate).

Si può fare. :ok:



Avatar utente
Radiofreccia
Pro
Pro
Messaggi: 9539
Iscritto il: 12/08/2009, 22:39
NBA Team: Los Angeles Lakers
Località: Napoli

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da Radiofreccia » 13/08/2012, 0:23

Storicamente, qual è lo sport principale dell'Olimpiade? La maratona?


Pensa con leggerezza di te stesso e con profondità del mondo - Miyamoto Musashi
I legami sono il motivo per cui siamo qui. Sono ciò che danno uno scopo e un senso alle nostre vite - Brené Brown

Avatar utente
Leviathan
Pro
Pro
Messaggi: 9122
Iscritto il: 30/12/2004, 19:35
MLB Team: New York Yankees
NFL Team: Philadelphia Eagles
NBA Team: Philadelphia 76ers
Località: Brianza

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da Leviathan » 13/08/2012, 0:25

shilton ha scritto:Dai Gerry vai con il programma di domani

http://www.rio2016.org/

-1453 giorni
http://www.sochi2014.com/en/?langid=en

In compenso a questi manca di meno :forza:



Avatar utente
lele_warriors
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 24771
Iscritto il: 05/07/2007, 7:48

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da lele_warriors » 13/08/2012, 0:26

Gerry Donato ha scritto: Intanto mi registro alla newsletter, hai visto mai.

Poi adesso mi è venuta voglia di seguire in questi 4 anni tutti gli Europei, i Mondiali o le coppe del Mondo degli sport olimpici per arrivare preparatissimo su ogni singola specialità, ovvero come non far finire mai le Olimpiadi.
tranquillo che fra una settimana(e mi tengo largo)sta voglia ti sarà già passata :ok: :icon_paper:

ti manca tanta "In Nae" :fischia:



Avatar utente
MP3
Senior
Senior
Messaggi: 2655
Iscritto il: 26/09/2004, 21:36
NFL Team: NE Patriots
NBA Team: PHX Suns
NHL Team: LA Kings
Contatta:

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da MP3 » 13/08/2012, 0:29

francilive ha scritto: il mio grazie personale va a coloro che da domani non sapremo più chi siano, dove siano nè cosa facciano, ma a londra ci hanno regalato grandi emozioni, medaglie e fatto suonare il nostro inno.
il grazie lo deve dire tutto il movimento sportivo italiano... perchè è grazie a loro ed ai loro sacrifici(di solo sport non vivono o non hanno le strutture adeguate) che portiamo a casa un bel po' di medaglie anzi direi il grosso delle medaglie... mi perdonerete se non considero la scherma che merita un discorso a parte
johnOJ ha scritto: Che poi il fatto che il paese organizzatore abbia più medaglie del solito che motivo ha dietro? gli atleti si impegnano di più? arrivano più preparati? tutto merito delle decsioni arbitrali? Questa cosa non me la spiego un granchè.
su questo penso che i fattori siano più di uno:
sono qualificati in tutte le discipline e quindi con più atleti le possibilità di medaglia aumentano
a questo si può aggiungere che non dovendosi qualificare la loro preparazione è finalizzata all' olimpiade senza passare per tappe intermedie che appunto possono modificare la preparazione
e poi, come spiegherà meglio rene più in basso, c'è la programmazione del movimento ovvero investire in strutture e atleti per preparali al meglio
ed infine direi il fattore psicologico che può portare ad un maggiore impegno spinti anche dal pubblico o cose simili
Ultima modifica di MP3 il 13/08/2012, 1:11, modificato 1 volta in totale.


se i videogiochi avessero realmente influenzato la nostra esistenza, ora vivremmo in enormi stanzoni bui, mangiando pillole ascoltando musica elettronica ripetiva
"il culo è ripartito malissimo tra gli esseri umani" (cit.)

Avatar utente
Fede_
Rookie
Rookie
Messaggi: 812
Iscritto il: 12/12/2006, 20:41
MLB Team: washington nationals
Località: settimo torinese

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da Fede_ » 13/08/2012, 0:33

MP3 ha scritto: e poi direi il fattore psicologico che può portare ad un maggiore impegno spinti anche dal pubblico o cose simili
vai Renè ... scatenati :forza: :forza: :forza: :forza:



Avatar utente
MP3
Senior
Senior
Messaggi: 2655
Iscritto il: 26/09/2004, 21:36
NFL Team: NE Patriots
NBA Team: PHX Suns
NHL Team: LA Kings
Contatta:

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da MP3 » 13/08/2012, 0:56

dai! non ditemi che per un professionista, o comunque atleta abituato ad avere un pubblico numeroso intorno, non sia gasante avere il tifo di casa
non sarà determinante ma per qualcuno conterà


se i videogiochi avessero realmente influenzato la nostra esistenza, ora vivremmo in enormi stanzoni bui, mangiando pillole ascoltando musica elettronica ripetiva
"il culo è ripartito malissimo tra gli esseri umani" (cit.)

rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14586
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da rene144 » 13/08/2012, 1:01

johnOJ ha scritto: Che poi il fatto che il paese organizzatore abbia più medaglie del solito che motivo ha dietro? gli atleti si impegnano di più? arrivano più preparati? tutto merito delle decsioni arbitrali? Questa cosa non me la spiego un granchè.
Si tratta anche di investimenti. La Cina per esempio nel 2004 ha vinto 63 medaglie (5 più del 2000) ma in vista di Pechino 2008 aveva iniettato una marea di soldi nella formazione di atleti olimpici. Ed ha vinto 100 medaglie. Ma quest'anno non è tornata a 58-63 come nel 2000-2004... gli atleti ormai ci stanno ed infatti hanno vinto 87 medaglie. 13 naturalmente non sono eccessivamente significative ed il gap è facilmente spiegato da favoritismi e fattore campo. Il talento però c'è e credo che siano lì per rimanerci ormai.

L'effetto-onda olimpico si nota anche altrove e non è necessariamente sempre post-olimpico, ma vede il suo picco nelle Olimpiadi casalinghe.

Spagna: prima delle loro Olimpiadi avevano vinto 6, 5 e 4 medaglie rispettivamente. Nel 1992 22, poi 17, 11, 19, 18 e quest'anno 17. Le Olimpiadi hanno completamente cambiato il loro target. Quello che stona è l'11 del 2000 (ma un'edizione ottima o pessima può capitare sempre), per il resto si è capito che grazie al 1992 sono passati da circa 5 a circa 18, col picco delle Olimpiadi casalinghe. Loro hanno sfruttato le Olimpiadi casalinghe per cambiare in maniera duratura il proprio status.

Australia: nel loro caso è ancora più lampante. L'effetto "onda" è iniziato prima ancora delle Olimpiadi casalinghe a testimonianza di una preparazione che parte da lontano: 24, 14, 27 fino al 1992, poi 41 nel 1996 (quando già sapevano di avere le Olimpiadi casalinghe), 58 e poi sono scesi nuovamente a 49, 46, 35. Si vede chiaramente l'onda, col picco casalingo. Adesso la generazione del 2000 è finita e c'è stato un saltello verso il basso, di una decina di medaglie.

Grecia: nel loro caso non c'è un'onda "post-olimpica", ma c'è pre-olimpica. 1 nel 1988, 2 nel 1992, 8 nel 1996, 13 nel 2000, 16 nel 2004, 4 nel 2008, 2 quest'anno. Loro hanno avuto il picco nel 2000 forse, come movimento, proprio a testimonianza del fatto che stessero preparando le Olimpiadi casalinghe. Nel loro caso niente post-Olimpiadi.

Non è insomma un effetto di un'unica edizione, che potrebbe essere attribuito a fattori intangibili, ma c'è qualcosa di concreto che vede sempre il picco in casa. Per concludere infatti vediamo la Gran Bretagna: la gente fa paragoni col 2008, ma quello di cui non si rende conto forse è che già il 2008 fu un chiaro picco rispetto al periodo precedente.
2000: 28 medaglie
2004: 30
2008 (consci di avere l'edizione successiva): 47 (+57%)
2012: 65 (+38%)

Sono saliti di più a Pechino, in proporzione. Ed anche in totale hanno registrato +17 e poi +18. In poche parole vediamo i risultati di una programmazione concreta, che li porta ad avere più atleti in più discipline. Hanno più infrastrutture, oggi sentivo su Sky che hanno investito 9 milioni di sterline nella formazione di giovani talenti del ciclismo negli ultimi anni. Nel 2016 caleranno, ma non mi aspetto che tornino a 28-30. A seconda di come proseguirà questa generazione potrebbero scendere sulle 55... in caso di crollo magari potrebbero tornare sulle 45-47, ma non oltre. E per loro è già uno status diverso rispetto alle edizioni precedenti. Poi devono vedere loro se essere una Spagna (effetto duraturo) o un'Australia (effetto limitato alle 2-3 Olimpiadi attorno a Sydney), ma il trend che si sviluppa è chiaro. Le nazioni che devono ospitare fanno un'attenzione diversa allo sviluppo dello sport partendo spesso da 6-7 anni prima, ossia da quando la candidatura è garantita. L'effetto onda a volte è visibile anche nelle grandi competizioni extra-olimpiche che si tengono negli anni accanto alle Olimpiadi casalinghe (vai a vedere i medaglieri dei mondiali di nuoto e di atletica in corrispondenza delle Olimpiadi e vedrai risultati migliori da parte degli atleti che saranno di casa coi cinque cerchi). A questo aggiungiamo i vantaggi del fattore campo vero e proprio ed hai il mix completo.

Direi che organizzare le Olimpiadi costituisca un'opportunità per rifondare lo sport localmente. Però non tutti la sfruttano adeguatamente (vedi la Grecia, che si è letteralmente fermata a 2000 e 2004, tornando subito nei ranghi) ed io ho sempre il timore che l'Italia sia uno di quei paesi mordi e fuggi da questo punto di vista. Servono comunque investimenti ed i soldi incassati dall'organizzazione possono e devono servire anche a questo.

Non ho voluto raccogliere l'invito di Fede :forza: Anche perché psicologicamente non sappiamo che caspita abbiano in testa. Possono esserne favoriti o essere schiacciati dalle pressioni. Però è vero quanto detto sulla preparazione finalizzata all'evento e la quantità di atleti presenti e qualificati: sono un altro vantaggio concreto evidente.

Non mi piacciono le risposte buone per le narrative superficiali. Io cerco di trovare motivazioni concrete, che come si vede esistono e sono tangibili non solo per le Olimpiadi di casa. Anche se chiaramente parlare degli intangibili costituisce la narrativa più semplice. Ma pensateci: quanti dei britannici medagliati sono venuti fuori dal nulla e non avrebbero avuto chance di medaglia a livello teorico, vincendola solo ed esclusivamente con la spinta del pubblico? Semplicemente, avevano più candidati alle medaglie. Con la Grecia si vede facilmente, visto che hanno avuto così poche medaglie. Come detto, faticano a vincerne più di 2-3, ma nel 2000-2004 hanno prodotto nomi fortissimi per più tempo come Kenteris, Dimas, Kelesidou, Maniani-Tzelili, Tambakos, Thanou, Kaklamanakis, Devetzi, Tsoumeleka, Khalkia. Gente famosa e conosciuta da chiunque, che non hanno avuto prima e non hanno avuto dopo. Molti nell'atletica, con sospetti di doping (ma ahimé immagino che anche quello sia un modo per preparare la generazione olimpica), ma non certo gente che ha fatto l'exploit della vita e niente altro.

Se 4 settimane fa avessero deciso di tornare ad Atene, senza dare tempo per preparare una nuova generazione olimpica di atleti, probabilmente avrebbero vinto più di 2 medaglie, ma non credo più di 6-7, attribuibili ad altre versioni del fattore campo (vedi l'inevitabile oro di Tambakos negli anelli nel 2004), perché il materiale umano non è lì e non possono inventarsi medaglie dal nulla e dalla cazzimma derivante dal pubblico.
MP3 ha scritto:dai! non ditemi che per un professionista, o comunque atleta abituato ad avere un pubblico numeroso intorno, non sia gasante avere il tifo di casa
non sarà determinante ma per qualcuno conterà
Gasante? Sicuro. Ma io non vinco una medaglia ugualmente. Inoltre non è necessariamente vero che abbia un effetto positivo. Può creare pressioni ed aspettative che danno alla testa.
Poi ti contraddici: se dici che non sarà determinante, come fai ad attribuire a quello i picchi estremi di medaglie olimpiche? Io sono di parte chiaramente, ma credo che la mia spiegazione sia più probabile, anche perché altrimenti come si spiega l'evidente effetto onda? Ah, già che ci siamo: il Brasile ha fatto il suo record all-time di medaglie in queste Olimpiadi.



Avatar utente
MP3
Senior
Senior
Messaggi: 2655
Iscritto il: 26/09/2004, 21:36
NFL Team: NE Patriots
NBA Team: PHX Suns
NHL Team: LA Kings
Contatta:

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da MP3 » 13/08/2012, 1:06

se sei scarso puoi essere esaltato all' inverosimile ma più di tanto non fai, questo è certo
ma ad esempio un bolt, secondo me si impegna più ad una olimpiade che durante uno dei tanti allenamenti o "piccole" gare con blake
ho detto bolt ma vale anche per quegli atleti a cui è sempre mancato quel famoso centesimo e che lo trovano nello stadio di casa
non ci vinci 10 medaglie ma 2 o 3 per me sì anche perchè non parlo di ori ma di medaglie in generale
Ultima modifica di MP3 il 13/08/2012, 1:18, modificato 2 volte in totale.


se i videogiochi avessero realmente influenzato la nostra esistenza, ora vivremmo in enormi stanzoni bui, mangiando pillole ascoltando musica elettronica ripetiva
"il culo è ripartito malissimo tra gli esseri umani" (cit.)

Avatar utente
Fede_
Rookie
Rookie
Messaggi: 812
Iscritto il: 12/12/2006, 20:41
MLB Team: washington nationals
Località: settimo torinese

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da Fede_ » 13/08/2012, 1:06

rene144 ha scritto: Direi che organizzare le Olimpiadi costituisca un'opportunità per rifondare lo sport localmente. Però non tutti la sfruttano adeguatamente (vedi la Grecia, che si è letteralmente fermata a 2000 e 2004, tornando subito nei ranghi) ed io ho sempre il timore che l'Italia sia uno di quei paesi mordi e fuggi da questo punto di vista. Servono comunque investimenti ed i soldi incassati dall'organizzazione possono e devono servire anche a questo.

Per curiosità a Torino com'era andata ??



Avatar utente
johnOJ
Pro
Pro
Messaggi: 3698
Iscritto il: 07/12/2009, 15:28
MLB Team: Giants
NFL Team: Bills/49ers
NHL Team: Sabres
Località: Kearny Street

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da johnOJ » 13/08/2012, 1:10

Renè ottimo come sempre :notworthy:



rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14586
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da rene144 » 13/08/2012, 1:23

Fede_ ha scritto: Per curiosità a Torino com'era andata ??
Ecco, appunto. Dolori.

1994: 20 medaglie
1998: 10
2002: 13
2006: 11

Ma... 2010: 5

A Torino abbiamo fatto peggio delle Olimpiadi precedenti. Ma visto il risultato del 2010 viene da chiedersi se in realtà non abbiamo mascherato un calo che ci sarebbe stato ugualmente. In effetti anche nel nostro caso sembra che una volta sfiorita la generazione di Belmondo-Tomba-Compagnoni-Di Centa, abbiamo avuto un piccolo avanzamento nel 2002 quando sapevamo che avremmo avuto le Olimpiadi del 2006, poi nel 2006 abbiamo sostanzialmente confermato il tutto prima di sparire nel 2010.

...o forse l'effetto onda esiste solo nelle Olimpiadi estive. C'è anche da sottolineare che nelle Olimpiadi invernali, essendoci meno competizioni, si è più legati ai risultati di qualche stella. Nel 1994 la Di Centa da sola ha portato 5 medaglie per esempio.

Noi non siamo stati in grado di creare dei nuovi atleti. Ma la spinta delle Olimpiadi casalinghe c'è stata ugualmente. Basta vedere che fra chi ha portato quelle 11 medaglie, c'erano una MAREA di ultratrentenni: Di Centa, Piller Cottrer, Sanfratello, Fulvio Valbusa, Zoggeler, Zorzi, Confortola, Haselrieder, Plankensteiner, Paruzzi, Sabina Valbusa, Weissensteiner. Alcuni in squadra ovviamente. Solo 4 a medaglia sotto i 25 anni (ed alcuni in squadra): Fabris, Anesi, Katia Zini ed Arianna Fontana.

Nel 2010 invece ha debuttato la nuova generazione, quella "mai creata" e le medaglie sono arrivate da Piller Cottrer, Zoggeler (ancora!), Arianna Fontana, Razzoli e Pittin.

Insomma, abbiamo fallito. L'unica cosa a cui è servita l'Olimpiade casalinga è stata quella di prolungare la carriera di alcuni fenomeni, che si sono preparati sin dall'edizione precedente, ma poi hanno smesso o hanno avuto un logico calo dovuto all'età.

Il Canada è passato da 13-15-17 a 24 nel 2006 (quando sapevano di avere Vancouver 2010) e poi 26 in quelle casalinghe. Il salto l'hanno avuto a Torino.
Il Giappone invece ha avuto un picco di 10 nel 1998, ma poi 2 nel 2002 e comunque non hanno una grande tradizione invernale.
Gli USA non fanno testo, perché non hanno avuto un salto ad Atlanta in quelle estive e quindi non mi aspetto niente neanche da quelle invernali. Poi ci siamo noi.

Insomma, siamo riusciti a non sfruttare le Olimpiadi. Unici a farlo. O forse le abbiamo sfruttate... come detto abbiamo mascherato e ritardato un crollo che si è verificato a Vancouver, 4 anni più tardi.



Avatar utente
mr.kerouac
Pro
Pro
Messaggi: 5139
Iscritto il: 25/01/2005, 5:32
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Golden State Warriors
Località: Chapel Hill, N.C.

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da mr.kerouac » 13/08/2012, 1:28

Gerry Donato ha scritto:
shilton ha scritto:Dai Gerry vai con il programma di domani

http://www.rio2016.org/

-1453 giorni
E tra 24 ore mancheranno solo 1452 giorni! :yahoo:

Intanto mi registro alla newsletter, hai visto mai.

Poi adesso mi è venuta voglia di seguire in questi 4 anni tutti gli Europei, i Mondiali o le coppe del Mondo degli sport olimpici per arrivare preparatissimo su ogni singola specialità, ovvero come non far finire mai le Olimpiadi.

Devo solo massimizzare il tempo liberandomi dei vari pesi (lavoro, famiglia, spasimanti) o mettendo a rischio le precedenti certezze (amicizie, calcio, basket USA, golf, cinema, pratica sportiva, spasimanti tramutatesi in fidanzate).

Si può fare. :ok:
puoi iniziare con l'eliminare il calcio italiano che tanto ha ormai poco senso...


Ci sono squadre che a certe temperature si squagliano, altre che lievitano. Classe, storia: Milan.
"mr.kerouac [...] sa essere cattivo con pochissime parole". (Angyair)

rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14586
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: London calling. LONDON 2012 [topic generale]

Messaggio da rene144 » 13/08/2012, 1:31

Ah, iniziano le Paralimpiadi. Ma non le seguirà nessuno, purtroppo, a cominciare da me.



Bloccato