NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Il Punto d'incontro dei Fans NBA di Play.it USA

Chi passa il turno?

Sondaggio concluso il 02/10/2020, 14:06

Los Angeles Lakers in 4
11
23%
Los Angeles Lakers in 5
10
21%
Los Angeles Lakers in 6
17
36%
Los Angeles Lakers in 7
1
2%
Miami Heat in 4
1
2%
Miami Heat in 5
1
2%
Miami Heat in 6
5
11%
Miami Heat in 7
1
2%
 
Voti totali: 47

Avatar utente
Noodles
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13559
Iscritto il: 07/09/2002, 0:40
Località: Pescara
1732
4826

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da Noodles » 12/10/2020, 17:33

datruth34 ha scritto: 12/10/2020, 17:30 State davvero parlando di ESPN canale televisivo? Sono una banda di pagliacci più o meno tutti. È Hollywood Immagine

Inviato dal mio moto g(7) plus utilizzando Tapatalk

meno male che sono hollywood...ci fosse na volta che ci vedono favoriti...penso manco durante l'epoca shaq&kobe :laughing: :laughing:



Avatar utente
datruth34
Pro
Pro
Messaggi: 4216
Iscritto il: 31/01/2007, 14:02
MLB Team: Red Sox
NFL Team: Patriots
NBA Team: Celtics
NHL Team: Bruins
31
354

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da datruth34 » 12/10/2020, 17:46

Ma espn non è un blocco unico, ci sono varie trasmissioni, vari protagonisti, una marea di cazzate sparate ogni settimana. Si cambia opinione tutti i giorni, si parla ogni santo giorno se The Goat sia LeBron James o Michael Jordan.
Ci sono i lebron hater di professione, ci sono i Celtics hater di professione, ci sono analisti tipo Pierce .
È tutto un teatrino. QSVS a stelle e strisce. Del gioco del basket non si parla praticamente mai.

Inviato dal mio moto g(7) plus utilizzando Tapatalk




lelomb
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 15050
Iscritto il: 14/10/2013, 18:50
MLB Team: dodgers
NFL Team: packers
NBA Team: lakers
NHL Team: devils
13651
4580

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da lelomb » 12/10/2020, 17:48

Quasi vero, peccato che mediaticamente impattino un pochetto di più di Qsvs



Avatar utente
Mich
Senior
Senior
Messaggi: 2578
Iscritto il: 11/11/2017, 16:49
MLB Team: Cubs
NFL Team: Bears
NBA Team: Bulls
618
338

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da Mich » 12/10/2020, 17:57

Vabbè, un video con qualche cazzata presa qua e là lo si potrebbe fare per ogni squadra ogni volta.

Però l'opinione generale dall'inizio è più o meno sempre stata che quest'anno sarebbe stato nel segno del derby di LA.



Avatar utente
Noodles
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13559
Iscritto il: 07/09/2002, 0:40
Località: Pescara
1732
4826

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da Noodles » 12/10/2020, 18:28

Contropelo ha scritto: 12/10/2020, 18:05
the pacer ha scritto: 12/10/2020, 13:38 James è nella lega dal 2003; ha mancato i playoffs nei primi due anni e nella scorsa stagione, influenzata pesantemente dall'unico infortunio serio della sua carriera.

Nelle restanti 14 stagioni è andato in finale 10 volte. Nelle prime 7 stagioni i Cavs non sono mai riusciti a fornire un supporting cast degno di competere per il titolo, senza andarci nemmeno vicino. La prima finale con gli Spurs va presa pertanto con la dovuta considerazione in quanto episodica, frutto di un momento storico in cui ad Est non c'erano candidate serie se non i Pistons (comunque in fase calante).

Ad oggi, l'unico vero inciampo della carriera di LBJ è stata la finale persa con i Mavs, non tanto per il fatto di essere partito con i favori del pronostico quanto per le sboronate della preseason con The Decision, Not One not two e via dicendo. E' l'unica stagione che i suoi detrattori gli possono effettivamente contestare, e su 17 mi sembra una % irrisoria.

Da quel momento, LBJ è maturato, ha vinto titoli, ne ha anche persi, ma sempre da sfavorito. Ha vinto un titolo miracoloso con Golden State, con un supporting cast degno ma sicuramente non di primo livello. Non mi risulta che nè Love nè Irving siano stati mai considerati tra i primi 10 giocatori della Lega (per me nemmeno tra i primi 20 forse).

Jordan, che considero ancora personalmente il GOAT, ha avuto anche il merito e la fortuna di avere gli anni migliori in un periodo contraddistinto dalla mancanza di legacy durature. Ha giocato le prime 4 finali sempre con squadre diverse, e non ha mai dovuto confrontarsi con squadre del livello degli Warriors per dire.

CUT... Lebron è figo ... CUT

#4

seguo il tuo discorso ma fino ad un certo punto.

e sinceramente continuo a non capire il perchè alcuni di voi lebroners non sopportino minimamente alcun tipo di critica denotando anche una certa frustazione, incomprensibile.

tutto quello che scrivi all'inizio del tuo discorso può essere condivisibile (a parte il fatto che jordan sia stato selezionato da una franchigia migliore, che non è così. Chicago era una merda, senza storia e senza prospettive di vittorie nel breve-medio termine molto simile alla cleveland che ha scelto James).

poi boh, vero e capisco che leggere delle insicurezze riguardo alcune parole estrapolate in un discorso di vittoria è sempre esercizio poco edificante. Molte volte superfluo.

ma non ho capito perchè non si possa discutere del resto.
siamo in un forum, e ti assicuro che 10/15 anni i toni erano molto meno moderati, e si parla non solo delle vittorie in senso tecnico.
ma del percorso di squadra e individuale.

non c'è niente di male nel sostenere che James queste vittorie se le è molto cercate in ambiti che non gli competono.
non c'è niente di male parlare dell'agenzia Klutch

siamo in un forum di sport e si parla di tutto.

Lui è forte, fortissimo, oramai siamo tutti d'accordo.

Bryant è stato chiamato stupratore per ennemila anni.
Shaq si è portato l'etichetta di mollaccione fino a quando ha vinto, ma anche dopo.
Jordan fu criticato all'inverosimile per delle scommesse che faceva con gli amici.
Magic per la sua sieropositività ha vissuto un inferno mediatico (quando invece era da apprezzare totalmente il gesto)

ti dò una notizia: NON portate nessuna cazzo di croce.

sollievo, è NBA , è entertainment

e così va vissuta.


mi sa che siete voi i primi che non vi godete il gioco.
 



Avatar utente
DAG6878
Rookie
Rookie
Messaggi: 214
Iscritto il: 25/09/2006, 13:04
106
50

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da DAG6878 » 12/10/2020, 19:30

Il fatto, per me, è che James è stato più sfortunato di quanto la sua carriera direbbe.
Scelto da Cleveland, purtroppo la "sua" Cleveland, quindi quasi costretto mentalmente a restare, dove non è stato mai allenato da un grande coach. Non ha forzato una trade immediata alla Francis o alla Bryant (che ricordo, anni dopo non fosse arrivato Gasol avrebbe chiuso, forse, a Chicago la carriera), perchè sotto mani più serie, vedasi a Miami con Riley, sarebbe cresciuto diversamente. Ha avuto la sfortuna di andare alle Finals "troppo presto", mediaticamente strapompato troppo presto, si è ritrovato squadroni fortissimi come i Celtics dei big3 e dall'altra parte avrebbe incontrato comunque dei Lakers con Kobe, Gasol, Odom, Artest ecc.. Va in finale con GS e gli si rompono il secondo e terzo violino, l'anno dopo vince e poi si ritrova Durant che va a GS rendendola praticamente ingiocabile. Diciamo che Leonard, ma anche Duncan sono stati più fortunati, giusto  per fare un esempio, senza voler fare alcuna rivisitazione alla carriera di Duncan, a cui mi inchino. Finire ai SA nell'anno di Robinson rotto, che per puro caso si ritrovano la 1 e sotto Popovich è un bel culo eh, come arrivare in finale ad Est e quelli che si rompono sono gli altri (Leonard).
Poi ovviamente non porta nessuna croce ci mancherebbe, è stato molto più umano nelle scelte fatte fuori che sul campo, e come tutti gli umani ha sbagliato tante volte per crescere.
Io sinceramente in questi 17 anni me lo sono proprio goduto, sia nelle sconfitte che nelle vittorie, proprio perche è un gioco, il più bello e lui ne è stato uno straordinario attore. Poi delle classifiche sul GOAT me ne sbatto abbondantemente, tutto troppo soggettivo.



PerKobe
Rookie
Rookie
Messaggi: 107
Iscritto il: 12/10/2020, 9:20
NFL Team: Brady
NBA Team: LA Lakers
11
15

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da PerKobe » 12/10/2020, 19:48

Secondo me, esiste un LeBron pre-finale con Dallas e un LeBron post-finale con Dallas.
Quello dopo la batosta con i Mavs lo trovo veramente difficile da criticare, ha capitalizzato ogni stagione dove ha avuto realmente la possibilità di vincere il titolo più la perla della rimonta da 1 a 3 con la corazzata Warriors.
Come parabola di maturità mi ricorda molto Hamilton pre-Rosberg e post-Rosberg: un cambio enorme in termini di concretezza e umiltà.
Non è un caso che abbiano vissuto un altro momento speciale nello stesso giorno.
Poi se sia più grande LeBron o Jordan, Hamilton o Schumacher, ma chi se ne importa? Sono leggende che hanno fatto la storia dello sport che hanno praticato.
 



Avatar utente
franzis
Pro
Pro
Messaggi: 9511
Iscritto il: 25/09/2009, 21:26
NBA Team: 2020 World Champions*
868
1215

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da franzis » 12/10/2020, 21:00

DAG6878 ha scritto: 12/10/2020, 19:30 Il fatto, per me, è che James è stato più sfortunato di quanto la sua carriera direbbe.
Scelto da Cleveland, purtroppo la "sua" Cleveland, quindi quasi costretto mentalmente a restare, dove non è stato mai allenato da un grande coach. Non ha forzato una trade immediata alla Francis o alla Bryant (che ricordo, anni dopo non fosse arrivato Gasol avrebbe chiuso, forse, a Chicago la carriera), perchè sotto mani più serie, vedasi a Miami con Riley, sarebbe cresciuto diversamente. Ha avuto la sfortuna di andare alle Finals "troppo presto", mediaticamente strapompato troppo presto, si è ritrovato squadroni fortissimi come i Celtics dei big3 e dall'altra parte avrebbe incontrato comunque dei Lakers con Kobe, Gasol, Odom, Artest ecc.. Va in finale con GS e gli si rompono il secondo e terzo violino, l'anno dopo vince e poi si ritrova Durant che va a GS rendendola praticamente ingiocabile. Diciamo che Leonard, ma anche Duncan sono stati più fortunati, giusto  per fare un esempio, senza voler fare alcuna rivisitazione alla carriera di Duncan, a cui mi inchino. Finire ai SA nell'anno di Robinson rotto, che per puro caso si ritrovano la 1 e sotto Popovich è un bel culo eh, come arrivare in finale ad Est e quelli che si rompono sono gli altri (Leonard).
Poi ovviamente non porta nessuna croce ci mancherebbe, è stato molto più umano nelle scelte fatte fuori che sul campo, e come tutti gli umani ha sbagliato tante volte per crescere.
Io sinceramente in questi 17 anni me lo sono proprio goduto, sia nelle sconfitte che nelle vittorie, proprio perche è un gioco, il più bello e lui ne è stato uno straordinario attore. Poi delle classifiche sul GOAT me ne sbatto abbondantemente, tutto troppo soggettivo.
Mah sfortuna parlando di certe carriere così lunghe e ininterrotte è sempre abbastanza relativo.
Per dire per me è stato sufficientemente fortunato a ritrovarsi per tanti anni in un east con poca concentrazione di talento pesante, come si puó pure intuire dalle selezioni per gli all nba team.


40 GAMES IN 40ENA
Ovvero come imparai a seguire e commentare l'NBA durante il coronavirus

Avatar utente
DAG6878
Rookie
Rookie
Messaggi: 214
Iscritto il: 25/09/2006, 13:04
106
50

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da DAG6878 » 12/10/2020, 21:13

Dai Franzis non puoi valutare la differenza tra conference in base agli all nba team, allora la squadra e lo staff non contano nnt? A sto punto controlliamo su nba2k i valori e facciamo prima. La carriera è lunga e tutto è relativo, ma allora ti potrei dire che sembrava scarso l'est perchè lui era fortissimo, visto che ha vinto ad ovest quest'anno e l'anno scorso prima di farsi male, e poi boicottare un possibile rientro per i playoff, era terzo o quarto senza Davis. Analizzavo solo, in maniera semplicistica, che dove finisci e con chi cresci incide non poco sullo sviluppo di un giocatore, e lui non è stato fortunatissimo in quel gulag che era Cleveland, nemmeno Jordan era in un posto terribille in quel modo, sia come città che come società, per rispondere al vate Noodles. A chicago scieglievano Pippen, Grant e Kukoc poi, a Cle Wagner, Waiters, Hickson... poi ripeto, non era per fare paragoni tra giocatori quanto tra realtà in cui puoi finire e quanto influenzano le scelte.



Avatar utente
Rajon9
Senior
Senior
Messaggi: 2740
Iscritto il: 19/10/2011, 20:24
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
306
320

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da Rajon9 » 12/10/2020, 22:27


Ma Jeanie Buss ha 59 anni? :shocking: :shocking:


“Let’s not talk too much about how the sausage was made,” D. Stern

Immagine

Avatar utente
franzis
Pro
Pro
Messaggi: 9511
Iscritto il: 25/09/2009, 21:26
NBA Team: 2020 World Champions*
868
1215

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da franzis » 12/10/2020, 23:58

DAG6878 ha scritto: 12/10/2020, 21:13 Dai Franzis non puoi valutare la differenza tra conference in base agli all nba team, allora la squadra e lo staff non contano nnt? A sto punto controlliamo su nba2k i valori e facciamo prima. La carriera è lunga e tutto è relativo, ma allora ti potrei dire che sembrava scarso l'est perchè lui era fortissimo, visto che ha vinto ad ovest quest'anno e l'anno scorso prima di farsi male, e poi boicottare un possibile rientro per i playoff, era terzo o quarto senza Davis. Analizzavo solo, in maniera semplicistica, che dove finisci e con chi cresci incide non poco sullo sviluppo di un giocatore, e lui non è stato fortunatissimo in quel gulag che era Cleveland, nemmeno Jordan era in un posto terribille in quel modo, sia come città che come società, per rispondere al vate Noodles. A chicago scieglievano Pippen, Grant e Kukoc poi, a Cle Wagner, Waiters, Hickson... poi ripeto, non era per fare paragoni tra giocatori quanto tra realtà in cui puoi finire e quanto influenzano le scelte.
Gli all nba team non saranno il parametro piú oggettivo possibile (e se ne hai uno migliore parliamone tranquillamente), ma sono sempre la selezione dei 15 giocatori piú forti della RS, non solo per talento ma anche per risultati delle relative squadre.

E cmq il ragionamento era solo per dare un altro punto di vista alla tesi "lbj sfortunato", che mi pare abbastanza arbitraria.

Per assurdo, trovo piú "sfortunata" la fase della carriera di KD a OKC, dove tra proprietà che cede harden per sfuggire alla luxury, infortuni suoi e di russellone, e l'essersi beccato i warriors delle 73 Ws nei playoff, forse è arrivato alle finals meno volte di quelle che avrebbe meritato.


40 GAMES IN 40ENA
Ovvero come imparai a seguire e commentare l'NBA durante il coronavirus

Avatar utente
DAG6878
Rookie
Rookie
Messaggi: 214
Iscritto il: 25/09/2006, 13:04
106
50

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da DAG6878 » 13/10/2020, 8:50

Ho detto più sfortunato di quello che la sua carriera direbbe, non che è la sfiga in persona, non è Brandon Roy per capirsi, cmq è una mia idea, certo che è arbitraria.
Sono anche convinto che di avere Presti ci avrebbe messo la firma. Gli Warriors se li so beccati entrambi anche con infortuni di squadra. Non so quale sia un parametro oggettivo per dare classifiche precise di conference, ammesso che esista, sono daccordo anche che l'ovest fosse più tosto dell'est, ma non cambia, per me, il fatto che la gestione di OKC fosse nettamente migliore di quella dei Cavs e che se fosse finito da giovane in un team più strutturato e meno permissivo alle sue stronzate,diciamo che il "post Dallas" sarebbe avrrivato prima ed oggi avrebbe vinto, forse, di più. Rimangono due fenomeni, mica svaluto il talento di KD ci mancherebbe pure. Ai Bulls non sono mai mancati Pippen e Rodman alle finals, avrebbe vinto lo stesso Jordan? Può darsi, ma non sono così sicuro, magari becchi il Malone che si stufa di perdere e va a rinforzare uno squadrone dell'ovest e oggi parleremmo di 4-2 per MJ e sarebbe tutto un altro storytelling. A volte basta un JR fumato per buttare una partita e di "dementi" come lui, uno come Phil Jackson avrebbe sentito la mancanza di neuroni a distaza di sicurezza. E per concludere e non sembrare un rosicone, visto che non me ne frega nnt apparte chiacchierare, ripeto che mi sento strafortunato di essermeli visti tutti, preferendone alcuni rispetto ad altri più per gusto personale ed affettivo che altro e senza mai usare la dicotomia vincente/perdente che trovo aberrante per sportivi di questo livello.
 



furiottego
Senior
Senior
Messaggi: 1089
Iscritto il: 22/04/2019, 8:21
24
101

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da furiottego » 13/10/2020, 9:01

La più grande fortuna di James è non essersi mai rotto in 17 stagioni (salvo giusto 1 mese e mezzo circa out la scorsa e abbiamo visto in che condizioni è rientrato, infatti).
Una cosa impensabile per atleti di quel livello e che fa tantissima differenza, probabilmente permettendogli anche di allungare la carriera, oltre che di mettere su numeri pazzeschi (infatti domina tutte le stats PO).

Questo viene sicuramente prima della squadra in cui ti trovi.
Poi chiaramente conta anche quello, come contano gli avversari. Ma più per i risultati sportivi che per la grandezza individuale.



Avatar utente
Noodles
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13559
Iscritto il: 07/09/2002, 0:40
Località: Pescara
1732
4826

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da Noodles » 13/10/2020, 9:21

DAG6878 ha scritto: 12/10/2020, 21:13 Dai Franzis non puoi valutare la differenza tra conference in base agli all nba team, allora la squadra e lo staff non contano nnt? A sto punto controlliamo su nba2k i valori e facciamo prima. La carriera è lunga e tutto è relativo, ma allora ti potrei dire che sembrava scarso l'est perchè lui era fortissimo, visto che ha vinto ad ovest quest'anno e l'anno scorso prima di farsi male, e poi boicottare un possibile rientro per i playoff, era terzo o quarto senza Davis. Analizzavo solo, in maniera semplicistica, che dove finisci e con chi cresci incide non poco sullo sviluppo di un giocatore, e lui non è stato fortunatissimo in quel gulag che era Cleveland, nemmeno Jordan era in un posto terribille in quel modo, sia come città che come società, per rispondere al vate Noodles. A chicago scieglievano Pippen, Grant e Kukoc poi, a Cle Wagner, Waiters, Hickson... poi ripeto, non era per fare paragoni tra giocatori quanto tra realtà in cui puoi finire e quanto influenzano le scelte.

A chicago sceglievano Pippen 3 anni DOPO Jordan.
scelta n. 8 e giocatore che non ha mai convinto nei primi anni.
forse è diventato così forte perchè ha giocato con Jordan?

chissà, Chicago all'epoca era zero.
prima di MJ veniva da 10 anni in cui una sola volta aveva superato 1 turno di playoff e ben 7 volte senza qualificarsi.

questo giusto per riportare il tutto ad un discorso storico e non emotivo.  :biggrin:

la eastern conference dove James ha dominato è stata per molti anni completamente inesistente, ad alti livelli.
non è mica un mistero, o si fa qualche tipo critica se si sostiene che la bilancia della nba del post mj si è inclinata pesantemente verso l'ovest. E' un fatto oggettivo.

anche il record di James lo testimonia, vinceva ad est a mani bassi mentre nelle finals ha perso 5 delle 8 finali che ha giocato contro squadre dell'ovest.
quindi non è che l'est sembrava scarso, l'est era scarso.

da quando Mj si è ritirato su 22 finali, 7 volte solamente ha vinto la eastern conference.
di cui una lo scorso anno molto influenzata dagli infortuni.

poi quest'anno è vero che ad ovest i clippers hanno fallito.
i warriors erano fuori per infortuni e all'improvviso è sembrata una conference più debole, ma temo sia stato solo un passaggio figlio anche di un momento particolare.

quindi la carriera di James non è stata sfortunata, semmai il fatto di aver giocato in un est poco competitivo ha accresciuto la sua stima e il suo mito. 
ad ovest trovarsi sempre contro Duncan e Bryant poteva avere inizialmente un impatto traumatico molto diverso.
in un momento di carriera in cui Lebron era davvero vulnerabile, talentuosissimo ma dal carattere fragile.

io credo che i risultati di James siano il massimo possibile che potesse raggiungere, forzando passaggi di squadra coadiuvato da top nba presi sul mercato, ha allungato tantissimo la sua competitività.
ogni volta che ha capito che quella squadra di più non poteva dargli (cleveland 1 - miami 1 - cleveland 2) ha cercato sempre nuove realtà che gli garantissero sicurezza e possibilità di vincere sempre.

e la chiamate sfortuna??! :laughing:


va a finire che siete gli stessi che poi vi siete lamentati della scelta di Durant.  :laughing:


io non vedo sfortuna, ma paraculismo.
in entrambi i casi.

ma oggi si chiamano 'scelte professionali' che vanno rispettate.

bene, accetto ma non comprendo...ma non parlate di sfortuna vi prego  :laughing:






 



Avatar utente
DAG6878
Rookie
Rookie
Messaggi: 214
Iscritto il: 25/09/2006, 13:04
106
50

Re: NBA Finals 2020*: Los Angeles Lakers vs. Miami Heat

Messaggio da DAG6878 » 13/10/2020, 9:45

Quindi giocare a Ovest con Shaq è sfiga, come mai Bryant non è andato ad est come da scelta? Finire a San Antonio con Popovich pure? E comunque ho capito che adorate prendere tutto alla lettera, ma era un paradosso, dire che è stato più sfortunato di quello che la sua carriera direbbe non significa che è stato sfigato dai... lo sai benissimo quello che intendevo. La decision, pessima nei modi e negli atteggiamenti, non è paragonabile alla scelta di Durant, sennò James sarebbe andato ai Celtics. Ma se tu sei Bryant ed hai West che ti prende e costruisce quello squadrone o se stai a Cle che al massimo prendono Shaq bollito, Wallace, Hughes, Jamison ecc,, non è la stessa cosa per me. Pippen scelto dopo tre anni? Ma hai visto chi sceglievano a Cle? Poi lo storico di una squadra incide fino ad un certo punto, pride permettendo :biggrin: , vedi i Clippers che cambiano proprietà e si ritrovano stranamente sulla mappa e subito competitivi.



Rispondi

Torna a “NBA”