Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

la pallacanestro europea ed italiana
Avatar utente
Nas
Pro
Pro
Messaggi: 7082
Iscritto il: 05/09/2009, 10:55
NBA Team: New York Knicks
Località: Nasir Jones from Queensbridge

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda Nas » 15/09/2014, 0:22

Finale dominata giocando una partita a tratti perfetta,mondiale dove non hanno mai avuto problemi sostanzialmente.


I never sleep, cause sleep is the cousin of death

Avatar utente
Statistician
Rookie
Rookie
Messaggi: 184
Iscritto il: 17/09/2006, 13:34
MLB Team: Chicago Cubs
NBA Team: Utah Jazz
Località: Oslo

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda Statistician » 15/09/2014, 10:42

mario61 ha scritto:penso che la ex-jugoslavia, con i due Dragic, Saric, il Bogdanovic serbo e Tomic aggiunti ai serbi avrebbe potuto dare filo da torcere agli USA

edit.
senza dimenticare Pekovic Antic Teletovic ecc.
Ma, invece di guardare al passato, non sarebbe il caso di presentarci almeno ai mondiali di pallacanestro come Unione Europea, almeno non si saprebbe fin dall'inizio chi vince la competizione?



Avatar utente
Brian_di_Nazareth
Premio Tranquillo
Premio Tranquillo
Messaggi: 20764
Iscritto il: 11/11/2009, 17:42
NFL Team: Philadelphia Eagles
NBA Team: Philadelphia 76ers
Località: giù al nord
Contatta:

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda Brian_di_Nazareth » 15/09/2014, 10:44

Statistician ha scritto:
mario61 ha scritto:penso che la ex-jugoslavia, con i due Dragic, Saric, il Bogdanovic serbo e Tomic aggiunti ai serbi avrebbe potuto dare filo da torcere agli USA

edit.
senza dimenticare Pekovic Antic Teletovic ecc.
Ma, invece di guardare al passato, non sarebbe il caso di presentarci almeno ai mondiali di pallacanestro come Unione Europea, almeno non si saprebbe fin dall'inizio chi vince la competizione?
Sarebbe un torneo molto corto però... :gogogo:



Avatar utente
darioambro
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13158
Iscritto il: 13/07/2005, 15:57
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New York Jets
NBA Team: New York Knicks
NHL Team: Detroit Red Wings
Località: Pistoia, ma Fiorentino di nascita
Contatta:

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda darioambro » 15/09/2014, 17:31

che partita, nei primi 5 minuti ci eravamo illsui che la Serbia potesse per un pò impensierire gli ammerigani, invece è stato sufficiente chiudere la porta in difesa e mettere ogni singolo canestro, un parziale di 15-0 in 5 minuti con un Irving infallibile per termianre la partita nel primo quarto, onore comuneui ai serbi che ne hanno messi 92 contro gli USA, subendone però 129.


IGNOTO SEPARATISTA NFL
if you don't believe in yourself, nobody's will.
"All the way from Tampa, Florida, ....Obituary"

https://www.youtube.com/watch?v=k5aNq2fjdEw
let me tell you something, I don't need no doctor, all I need is my L.O.V.E machine (WASP)

Avatar utente
Statistician
Rookie
Rookie
Messaggi: 184
Iscritto il: 17/09/2006, 13:34
MLB Team: Chicago Cubs
NBA Team: Utah Jazz
Località: Oslo

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda Statistician » 15/09/2014, 21:08

Brian_di_Nazareth ha scritto:
Statistician ha scritto:Ma, invece di guardare al passato, non sarebbe il caso di presentarci almeno ai mondiali di pallacanestro come Unione Europea, almeno non si saprebbe fin dall'inizio chi vince la competizione?
Sarebbe un torneo molto corto però... :gogogo:
Eheh, assolutamente vero, ma almeno la finale sarebbe più lunga di 5 minuti... :forza:



Fearless
Rookie
Rookie
Messaggi: 551
Iscritto il: 11/08/2010, 13:42
Località: Portus Naonis

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda Fearless » 16/09/2014, 16:52

Vedere gli stati uniti con tutti i loro top (durant, kobe, james) contro un quintetto: Parker-Teodosic-Batum-Nowitzki-P. Gasol con G.Dragic-Diaw-M. Gasol-Gallinari-Gortat-Navarro-Noah dalla panchina, sarebbe una esperienza incredibile. Ma non merita da sola di snaturare un evento in cui si vedono 15 giorni di grande basket, pur giocando 31 squadre per arrivare seconde. Che la organizzino in pre-season NBA con una sfida andata e ritorno a Londra e New York. Sarebbe sicuramente un evento con un ritorno di immagine mostruoso.


Fearless, già MavsMANIAC.

iL_jAsOne
Pro
Pro
Messaggi: 3866
Iscritto il: 28/02/2005, 15:26
NBA Team: Miami Heat
Località: bologna
Contatta:

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda iL_jAsOne » 17/09/2014, 11:15

La mia anche se non interessa e non richiesta


Immagine

frog
Pro
Pro
Messaggi: 6411
Iscritto il: 08/09/2002, 20:28
NBA Team: l.a. Lakers
Località: Trento

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda frog » 17/09/2014, 11:34

iL_jAsOne ha scritto:La mia anche se non interessa e non richiesta

non buttarti giù così dai :thumbup:

Comunque concordo, livello bassino



Avatar utente
T-Time
Pro
Pro
Messaggi: 9532
Iscritto il: 24/02/2008, 17:53
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Chicago Bulls
Località: Milano

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda T-Time » 17/09/2014, 16:01

iL_jAsOne ha scritto:La mia anche se non interessa e non richiesta
Storpiato le ali? :nonsa:

:gogogo:


23/06/2017: "Worst culture in the league. I met drug dealers with better morals than their GM"
(Travelle Gaines) :enchante:

FriendlyGhost
Rookie
Rookie
Messaggi: 363
Iscritto il: 19/08/2014, 14:42

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda FriendlyGhost » 17/09/2014, 17:22

iL_jAsOne ha scritto:La mia anche se non interessa e non richiesta
Livello bassino, vero, specie per i tanti assenti, e gli Stati Uniti si sono potuti permettere il lusso di fare rodaggio in un girone modesto e pescando molto bene anche agli ottavi, però non definirei bollite squadre come la Lituania e la Serbia, specie quella della seconda metà del torneo, che ha tirato fuori alcune partite di lusso (specie contro la Francia). Semplicemente la superiorità degli Stati Uniti è stata netta, in finale hanno giocato praticamente la partita perfetta.

Sulla questione del gap che si starebbe riallargando ho letto tanto in questi giorni, alcuni commenti mi sembrano un po' troppo netti, roba del tipo "sono di nuovo inarrivabili", "hanno impiegato dieci anni, ma sono tornati di nuovo alieni" etc. Imho non si possono fare commenti così drastici, avessero giocato contro la Spagna avrebbero potuto perdere e comunque probabilmente sarebbe stata una partita più aperta. Né giudizi su cose simili si possono trarre da una singola competizione. Secondo me il divario sta effettivamente crescendo di nuovo, ma non perché gli USA abbiano dominato questi mondiali, semplicemente perché, se si va a vedere i giocatori extra-USA, i migliori di oggi sono gli stessi che erano i migliori 10-15 anni fa: Nowitzki, Parker, Gasol. Forse quando sono venuti fuori tutti assieme Nowitzki, Stojakovic, Gasol, Yao, Parker, Ginobili, Turkoglu, chi più ne ha più ne metta, abbiamo esagerato a pensare che l'oceano si stesse ridimensionando, senza cogliere che probabilmente si trattava di una nidiata unica ed irripetibile. Sta di fatto però che si è saltata una generazione e non c'è stato un adeguato ricambio, si, sono venuti fuori tanti giocatori di ottimo livello, i vari Marc Gasol, Dragic, Pekovic, Batum, ma non c'è stata né la stessa abbondanza né gli stessi picchi. E anche un giocatore come Marc Gasol ormai va per i 30. E' vero che alcuni dei prospetti europei più quotati si sono persi per strada: Milicic, Aleksandrov, Korolev, Andriuskevicius. Però si potrebbe fare lo stesso ragionamento per tanti americani, specie se si va a guardare i ranking RSCI (relativi ai prospetti high school) dal 1998 al 2005 e a vedere quanti prospetti estremamente quotati in quel periodo (pressapoco lo stesso in cui si è formata la generazione di "internationals" che hanno fatto pensare ad un aggancio) hanno avuto carriere estremamente deludenti e si siano bruciati.

Che l'oceano si stia nuovamente allargando si nota perché mentre gli USA comunque continuano a dare seguito ad altissimo livello, per cui ad una generazione di superstars ne segue un'altra (dopo Kobe, Garnett, Duncan, Iverson, Allen, McGrady, Carter abbiamo avuto i LeBron, Wade, Carmelo, Stoudemire, Howard, CP3, Deron Williams, cui stanno seguendo i Durant, Curry, Love, Westbrook, Rose, Griffin, Harden etc), in molte altre nazionali non c'è stato ricambio e sembra non essercene nel futuro più immediato. L'Argentina dopo la generazione d'oro non ha prodotto praticamente nulla; la Germania dietro Nowitzki praticamente ha il vuoto; noi dietro la generazione di Bargnani, Gallinari, Beli e Datome non sembriamo avere granché, almeno nell'immediato; il Brasile ha ora qualche prospetto interessante, ma sembra aver saltato una-due generazioni dopo quella dei Varejao, Splitter, Leandrinho, Marcelinho; la Russia è piombata nell'oblio. La Spagna e in parte la Francia sono le uniche ad avere avuto una certa continuità e comunque sono aggrappate ancora ai Gasol, Parker e Diaw, ma almeno hanno avuto anche tanti altri in mezzo ed hanno prospettive interessanti per il futuro. La Croazia ha tanti prospetti giovani, ma per ora ha dimostrato di essere rimasta un passo indietro. La Lituania è messa così così.

Quanto ai mondiali stessi, secondo me c'è anche una lettura tattica, che spiega il perché gli USA, presentatisi con la loro squadra C, dopo aver vinto alcune partite a fatica nel 2012 e nel 2008 con il meglio del meglio, sbaragliano tutti con 33 punti medi di distacco, vincendo tutte le partite di almeno 20 punti, come non succedeva dal 1994. Per quanto modesti siano stati gli avversari degli USA resta una cosa che comunque fa impressione. Mia personale spiegazione: non è solo una questione di talento, la selezione USA del 2002 aveva tanto talento, quelle del 2006 idem, quella del 2004 poi non ne parliamo, era una fuoriserie. Se la mettiamo in termini di talento puro, qualsiasi selezione USA che abbia 12 giocatori Nba di livello alto, anche se non di primissimo piano, è più dotata di qualsiasi altra nazionale. Il fatto è che nel basket conta anche altro, quanto i vari talenti individuali siano fra loro compatibili, quanta organizzazione di squadra c'è, quanta preparazione si fa.

Ora, il primo e vero Dream Team era sicuramente una squadra inarrivabile, la più forte di sempre etc, ma anche quella era una squadra fatta scegliendo più o meno i migliori, senza troppo riguardo per la compatibilità, senza fare granché preparazione sulle altre squadre e senza mai giocare assieme o avere chissà quale organizzazione. Andavano in campo e giocavano come giocherebbe un all star team. Altrimenti non poteva essere, era gente che non aveva mai giocato assieme, che aveva 2 settimane ad andare larghi di allenamenti insieme. Molte delle critiche fatte ai team USA di recente potevano essere fatte anche a quella squadra: non avevano un gioco a metà campo particolarmente strutturato, cercavano soprattutto di andare in campo aperto ad ogni occasione, giocavano semplici che più non si potrebbe. La differenza rispetto ad oggi è che le altre nazionali avevano minore preparazione ed in generale lo scouting e l'organizzazione tattica erano molto meno sofisticati e facevano meno la differenza. Per di più, quasi nessun giocatore europeo giocava nella Nba ed aveva idea di cosa significasse reggere l'urto dell'atletismo, della pressione e della fisicità di Team USA. A quella squadra, senza avere grandissima organizzazione, bastava piazzare 5 minuti di pressione per uccidere la partita ed infliggere parziali irrecuperabili. Per 15-20 anni gli USA hanno vissuto con l'idea che nelle competizioni internazionali bastasse fare quello, piazzare dieci minuti di pressione forsennata per compensare tutti gli inevitabili limiti di organizzazione offensiva, di minore continuità e preparazione rispetto alle altre nazionali. Per una decina d'anni è bastato, ma quando è salito il livello tecnico delle avversarie, quando preparazione e scouting hanno iniziato a farsi sempre più avanzati ed efficaci, quando sempre più avversari avevano familiarità con il basket giocato nella Nba, le cose sono cambiate. In parte anche per l'accentuazione delle differenze fra basket Nba e quello FIBA per via delle diversità regolamentari, in parte anche per arroganza e scarso impegno degli americani, ma non solo. Non è un caso che 20 anni dopo, un team che, pur non essendo magari allo stesso livello, aveva talento come poche altre volte si è visto, ha faticato contro Spagna e Lituania. Le altre squadre sono ormai più abituate a quel genere di gioco e, non riuscendo a fare la differenza in difesa, i limiti offensivi contro la zona e la mancanza di continuità offensiva venivano messi a nudo. La nazionale del 2012 era emblematica in questo perché pur essendo un colabrodo in difesa aveva un potenziale offensivo talmente elevato che sostanzialmente facevano canestro in qualche modo, anche quando non attaccavano in maniera particolarmente brillante. Hanno tirato il 44% da tre nel torneo tirando il doppio di tutti gli altri.

Questa nazionale però ha cambiato qualcosa in difesa e qui secondo me si spiega in gran parte la differenza ed il perché Thibodeau è a mio avviso il vero MVP di questo mondiale. Gli Stati Uniti hanno implementato alcuni dei principi difensivi del coach di Chicago, forzando il palleggiatore sul lato, concedendo il tiro in sospensione della media, collassando sul lato debole per riempire l'area, cosa ancora più efficace con il regolamento FIBA, in assenza di 3 secondi difensivi. Rispetto al loro stile classico di difesa a uomo tradizionale, con qualche folata di pressione a tutto campo ed ondate estemporanee di aggressività, questo genere di difesa, come ho spiegato qualche post fa, lavora più ai fianchi la squadra avversaria, facendola in un certo senso giocare, ma mandandola in ragnatele in cui costringe spesso a decisioni difficili, o a soluzioni poco efficienti ed in generale richiede agli avversari un enorme dispendio di energie fisiche e mentali. L'atleta medio europeo non è abituato a giocare contro una difesa simile, specialmente non contro quei corpi e quegli atleti. Per di più il fatto che coach K utilizzasse rotazioni allargate praticamente a 10-11 uomini permetteva di tenere i suoi costantemente freschi, mentre gli altri, già più soggetti alla fatica per le ragioni di cui sopra, spesso potevano contare su rotazioni di 8 uomini, se non volevano far calare drasticamente il livello. Questo secondo me ha fatto di nuovo la differenza ed ha permesso di compensare alcuni limiti degli americani, sia come costruzione del roster (mancanza di lunghi in grado di aprire il campo, quintetti con problemi di spaziature e poco tiro o con troppi difensori modesti), sia in fase offensiva, dove ovviamente non possono avere un attacco strutturato fatto di esecuzioni precise non avendo mai giocato assieme ed avendo 10-15 di allenamenti al massimo alle spalle.



lebronpepps
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 18051
Iscritto il: 05/09/2008, 16:00

Re: Fiba Wolrd Cup 2014 - Spagna

Messaggioda lebronpepps » 17/09/2014, 18:39

http://inzonacesarini.com/2014/09/15/no ... -stagione/" onclick="window.open(this.href);return false;

anche io nel mio piccolissimo, e senza l'esperienza di Jas (era la prima volta che scrivevo qualcosa), ho provato a buttare giù due righe, enjoy! :thumbup:




Torna a “Basket FIBA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron