Libri

E' il luogo in cui potete parlare di tutto quello che volete, in particolare di tutti gli argomenti non strettamente attinenti allo sport americano...
maffu
Senior
Senior
Messaggi: 1052
Iscritto il: 22/06/2007, 18:46
NBA Team: New Orleans Pelicans
Località: Pisa

Re: Libri

Messaggioda maffu » 01/12/2016, 13:55

Wonderboy ha scritto:Qualcuno sta leggendo "La scuola cattolica"? Io mi sono lanciato nell'impresa ad Agosto e sono intorno a pagina 700....trovo sia più un saggio sulla borghesia italiana (e romana in particolare) che un romanzo. Che ne pensate?
Io, sono circa al 25% sul Kindle, non so a quante pagine corrispondano.
Al momento sembra più un flusso di coscienza continuato dell'autore, mi sembra molto poco centrato anche sulla borghesia italiana. Ci sono dei passaggi interessanti, quello sì. Ma si annacquano un po' nel resto, per quanto mi riguarda.


- Vincitore del FantaMondiale 2010 -

Dietto
Pro
Pro
Messaggi: 6073
Iscritto il: 10/10/2011, 14:17
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: New York Knickerbockers

Re: Libri

Messaggioda Dietto » 01/12/2016, 14:30

Vorrei solo far notare che oggi Amazon regala eBook per il 5o anniversario di Kindle, 5 per anno, e fra i 5 più venduti del 2013 c'è un certo "immagina i corvi"



Avatar utente
The goat
Moderator
Moderator
Messaggi: 5886
Iscritto il: 03/11/2002, 21:58

Re: Libri

Messaggioda The goat » 01/12/2016, 19:01

Dietto ha scritto:Vorrei solo far notare che oggi Amazon regala eBook per il 5o anniversario di Kindle, 5 per anno, e fra i 5 più venduti del 2013 c'è un certo "immagina i corvi"
dietto, mio agente!!! :forza:


Prendete Maradona.
Potenziatelo fisicamente, rendetelo un atleta.
Dategli il destro.
E otterrete... Pelè.


https://luigisorrenti.blogspot.it

Dietto
Pro
Pro
Messaggi: 6073
Iscritto il: 10/10/2011, 14:17
NFL Team: Minnesota Vikings
NBA Team: New York Knickerbockers

Re: Libri

Messaggioda Dietto » 05/12/2016, 16:36

The goat ha scritto:
Dietto ha scritto:Vorrei solo far notare che oggi Amazon regala eBook per il 5o anniversario di Kindle, 5 per anno, e fra i 5 più venduti del 2013 c'è un certo "immagina i corvi"
dietto, mio agente!!! :forza:
:stralol: :forza: :forza:



Avatar utente
Bluto Blutarsky
Pro
Pro
Messaggi: 5433
Iscritto il: 07/12/2011, 15:05
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda Bluto Blutarsky » 13/01/2017, 10:49

Immagine

Niente, io con Bukowski continuo ad avere un problema. Non so come dire, è come se il suo personaggio fosse molto più interessante dei suoi libri. Ci avevo provato tempo fa con Hollywood, Hollywood! (mollato dopo poche decine di pagine), e anche questa raccolta di racconti - che almeno ho finito - non regge la lunga distanza. Ogni due pagine scopa e si bronza. Divertente per i primi tre racconti, poi alla lunga lo stile volutamente sciatto, il nichilismo totale e il preteso fascino da poeta maledetto diventa ripetitivo, e finisce per annoiare.

Nonostante questo, devo ammettere che talvolta, in un racconto intero (Sei pollici o Animali in libertà sono piccoli capolavori) o anche solo in una frase, in una trovata, dimostra di avere dei colpi di genio folgoranti. Per usare un'ardita e coltissima metafora, leggere Bukowski è come vedere giocare Recoba: a certi livelli non ci può stare, scostante com'è, ma talvolta ti tira fuori la giocata che ti fa innamorare perdutamente.


"La verità è come l'acqua: una piccola quantità ti disseta e ti tiene pulito, ma se è troppa può farti affogare"

Immagine

BruceSmith
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13769
Iscritto il: 06/05/2004, 15:03
Località: Milano
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda BruceSmith » 13/01/2017, 11:13

Bluto Blutarsky ha scritto: leggere Bukowski è come vedere giocare Recoba
questo è uno dei peggiori insulti che abbia mai letto sul forum.



Avatar utente
Whatarush
Pro
Pro
Messaggi: 8610
Iscritto il: 09/12/2005, 19:13
MLB Team: Pirates
NFL Team: Steelers
NHL Team: Penguins

Re: Libri

Messaggioda Whatarush » 25/02/2017, 14:27

Immagine

Un altro giallo? Ebbene sì.
Però ambientato in un paese - la Mongolia - che non credo sia mai stato oggetto di narrazione.
Insomma, oltre a seguire il protagonista e i suoi sodali nell'intricato plot poliziesco, si impara qualcosa di un mondo a noi totalmente estraneo.
Ah dimenticavo: dovrebbe essere il primo di una trilogia. E l'autore è un francese di origine armena (credo). Che macello!! :dohut0:



Avatar utente
pinopao
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 10966
Iscritto il: 12/03/2008, 17:02
MLB Team: Toronto Blue Jays
NBA Team: Toronto Raptors

Re: Libri

Messaggioda pinopao » 26/02/2017, 20:22

sembra figo!



Avatar utente
Brian_di_Nazareth
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 17793
Iscritto il: 11/11/2009, 17:42
NFL Team: Philadelphia Eagles
NBA Team: Philadelphia 76ers
Località: giù al nord
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda Brian_di_Nazareth » 27/02/2017, 18:25

Appena finito di leggere la strada di McC.
Il messaggio alla fine è profondo, asciutto e meraviglioso allo stesso tempo.
Però m'ha messo addosso una tristezza come pochi.
Alla fine del libro mi sentivo sporco ed umido pure io.
Bello stile narrativo. Differente, ma mi ha ricordato un po' la Kristof



BruceSmith
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13769
Iscritto il: 06/05/2004, 15:03
Località: Milano
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda BruceSmith » 27/02/2017, 18:33

Brian_di_Nazareth ha scritto:Appena finito di leggere la strada di McC.
Il messaggio alla fine è profondo, asciutto e meraviglioso allo stesso tempo.
Però m'ha messo addosso una tristezza come pochi.
Alla fine del libro mi sentivo sporco ed umido pure io.
Bello stile narrativo. Differente, ma mi ha ricordato un po' la Kristof
capolavoro.
anche se ho dovuto ricominciarlo due-tre volte perché mi impastavo nelle prime pagine.

ma è il miglior libro 'recente' che mi sia capitato di leggere.



BruceSmith
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13769
Iscritto il: 06/05/2004, 15:03
Località: Milano
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda BruceSmith » 27/02/2017, 19:11

Immagine

Fallada racconta di poveri eroi. Anna e Otto Quangel, lui caporeparto lei casalinga, come tutti i loro pari soli e addormentati e poco prima ancora abbagliati dal Führer, conoscono un risveglio dopo la notizia della morte del figlio al fronte, e cominciano a riempire alcuni caseggiati della loro Berlino con cartoline vergate in modo incerto di appelli ingenui di ribellione. Lo fanno per comportarsi con decenza fino alla fine, ben sapendo che morranno e sicuri che nel vicino incontreranno più facilmente il delatore


Per quel che ne posso capire, questo è un altro capolavoro



Avatar utente
azazel
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 12841
Iscritto il: 07/09/2002, 2:57
MLB Team: Chicago Cubs
NFL Team: Dallas Cowboys
NBA Team: Washington Wizards
NHL Team: Florida Panthers

Re: Libri

Messaggioda azazel » 20/03/2017, 13:50

Sono un lettore molto lunatico, oltre a dimenticami il finale della gran parte dei libri che leggo :biggrin: , ultimamente però preso da un senso di rimorso ho letto un libro scritto da un mio amico sui corvi (Sorrenti, non so se conoscete) e di slancio ho deciso di leggermi anche qualcos'altro, sono partito dall'ultimo di Carrisi (di cui avevo letto già alcuni libri anni fa e scrittore che apprezzo particolarmente) che mi era stato regalato da mio fratello per compleanno poche settimane fa (e che mia zia mi aveva prestato mesi fa :biggrin: ):
Bonaz ha scritto:Carrisi non sbaglia mai un colpo. Buono anche la ragazza della nebbia
Buono e per certi versi illumimante, ho trovato un po' troppo forzata però la rivelazione finale sul psichiatra, capisco la volontà di chiudere tutti i cerchi aperti, ma questa boh. Peraltro a proposito della volontà di chiudere tutti i cerchi: il furgone bianco sempre presente, i peli del gatto ok sono indizi e non prove, ma poi vengono lasciati cadere così nel nulla solo perché c'era già stato un altro mostro anni prima?

Prima di rinchiudermi nuovamente su netflix :biggrin: volevo leggermi ancora altro, scorrendo la pagina in cui ho trovato il giudizio su "la ragazza della nebbia" di Bonaz, ho visto citare Breaking News da dario, che nel periodo che ho passato nella biblioteca comunale mi aveva attirato già di suo, penso mi butterò su quello: mi ero regalato anche "la notte della repubblica" e mi avevano regalato quello di McEnroe, insomma argomenti piuttosto diversi, qualcuno di voi l'ha già letti? Due domande a riguardo: il primo è molto pesante sullo stile di quelli editi da chiarelettere o riesce ad essere comunque letto con una certa scorrevolezza? Sul secondo: ho letto Open di Agassi che è meraviglioso, un confronto tra i due?



Avatar utente
Angyair
Pro
Pro
Messaggi: 6407
Iscritto il: 06/07/2003, 19:24
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Chicago Bulls
NHL Team: San Josè Sharks
Località: http://www.quelchepassalosport.it/
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda Angyair » 20/03/2017, 14:51

azazel ha scritto:mi ero regalato anche "la notte della repubblica" e mi avevano regalato quello di McEnroe, insomma argomenti piuttosto diversi, qualcuno di voi l'ha già letti? Due domande a riguardo: il primo è molto pesante sullo stile di quelli editi da chiarelettere o riesce ad essere comunque letto con una certa scorrevolezza? Sul secondo: ho letto Open di Agassi che è meraviglioso, un confronto tra i due?
Come ben sai quello del buon John l'ho iniziato da poco e per ora mi sta piacendo: come qualità al momento rimane sotto quello di Agassi, ma non è un cruccio perchè quello è veramente di alto livello, ma essendo la storia di McEnroe, e anche il suo rapporto con il tennis e lo sport in generale, diverso rispetto a quello di Andrè sono due prodotti alla fine diversi, certamente più sofferto e combattutto quello, più "allegro" e irriverente questo.



BruceSmith
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13769
Iscritto il: 06/05/2004, 15:03
Località: Milano
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda BruceSmith » 28/04/2017, 22:50

PENNY ha scritto:
22/11/2016, 9:14
La versione di Barney di Mordecai Richler: da tempo non mi capitava tra le mani un libro così entusiasmante, unico rammarico aver visto il film anni fa e quindi essermi spoilerato da solo la storia, ma è stata una lettura drammaticamente divertente, prossimo acquisto sarà indubbiamente l'opera precedente di Mordecai "Solomon Gursky è stato qui"
la segnalazione di penny è stata la spinta (definitiva) a leggere questo libro che avevo in lista da un po' di anni.
non posso che quotare, splendido.

unici problemi:
per esperienza, sapevo già che uno dei primi sintomi dell'alzheimer è l'incapacità di ricordare il nome di oggetti di uso comune. la scena iniziale del mestolo mi aveva già fatto capire qualcosa.
il libro, poi, è di mio padre e ci ha tenuto a chiarirmi le idee quando ero ancora a metà.
- pa', ti è piaciuto la versione di barney?
- non credo di averlo letto.
- strano.. l'ho preso da casa tua
- ah si, è quello con il protagonista che perde la memoria.

:nonsa:

devo recuperare il film.

ps. finale di una tristezza infinita. quando ho letto l'epilogo di mike mi sono quasi commosso. ma ero in autobus, tra una signora con un cartone di pizza da asporto fumante e un tipo che probabilmente non si lavava dai tempi del governo Prodi e sono riuscito a trattenermi.



Avatar utente
darioambro
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 12386
Iscritto il: 13/07/2005, 15:57
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New York Jets
NBA Team: New York Knicks
NHL Team: Detroit Red Wings
Località: Pistoia, ma Fiorentino di nascita
Contatta:

Re: Libri

Messaggioda darioambro » 29/04/2017, 11:15

Dopo due mesi di agonia, ho terminato "il Primo Cerchio" di Solženicyn, che fatica :dash2:

Il titolo del romanzo è ispirato al primo cerchio dell’Inferno di Dante, dove si trova il limbo (a cui viene appunto paragonata la šaraška, “campo di prigionia leggera” rispetto ai normali centri di detenzione staliniani). Nell’opera di Solženicyn vengono rievocati tre giorni della vita degli ospiti della šaraška di Marfino (una località tra Lobnya e il centro di Mosca), in cui venivano detenuti e lavoravano svariati scienziati e tecnici sovietici arrestati sulla base dell’articolo 58 del Codice penale sovietico durante il periodo staliniano, subito dopo la Seconda guerra mondiale. Diversamente dagli altri campi di prigionia dell’universo dei gulag, i detenuti della šaraška venivano adeguatamente nutriti e godevano di buone condizioni di lavoro (al contrario degli altri campi, infatti, non ci si dedicava a lavori molto pesanti all’aperto). I detenuti lavoravano a progetti tecnici di supporto agli organi di sicurezza dello Stato e di salvaguardia dei poteri costituiti, voluti dai paranoici sospetti di Stalin. Nel romanzo si evidenzia il dilemma angoscioso dei detenuti, che da una parte erano ben consapevoli della loro migliore condizione di vita rispetto agli ospiti degli altri gulag; d’altra si rendevano conto che con il loro lavoro favorivano la sopravvivenza proprio di quel regime che causava tante sofferenze. Alla fine del romanzo, parecchi, incluso il protagonista Gleb Nerzhin, scelgono di smettere di collaborare anche se questo significa essere espulsi dalla šaraška ed essere inviati in campi di concentramento ben più duri. Al riguardo Solženicyn scrive «Il lupo ha ragione, il cannibale no!». Infatti nel lupo l’istinto di conservazione domina costantemente ogni manifestazione e la sopravvivenza è il risultato finale della costante lotta della bestia contro tutto quello che possa recarle danno. Se può essere opinabile l’applicazione dello stesso principio da parte dell’uomo, nel rapporto con la natura, è da condannare la sua determinazione di applicarlo nel rapporto coi propri simili. A questo punto “l’uomo cannibale” non ha più ragione.


IGNOTO SEPARATISTA NFL
if you don't believe in yourself, nobody's will.
"All the way from Tampa, Florida, ....Obituary"

https://www.youtube.com/watch?v=k5aNq2fjdEw
Forza Vecchio Cuore Granata


Torna a “Off Topic - La Piazza di Play.it”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bonaz, PLATOON e 6 ospiti