Postseason: la formula perfetta

Il Punto d'incontro dei Fans MLB di Play.it USA
varrett
Newbie
Newbie
Messaggi: 34
Iscritto il: 13/06/2010, 17:48

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda varrett » 19/10/2012, 15:01

MarcoRVD ha scritto:Qualcosa mi dice che Varrett stia ancora rosicando dal 2011. Ma forse è solo un'impressione.
Potresti aver ragione...o forse no.Sono una persona sanguigna e un grande appassionato di calcio nonché tifoso juventino e quindi abituato a vedere più meritocrazia sportiva rispetto alla MLB.A che servono 162 partite se poi basta vincerne 83(edit 2006)per oscurare tutte le altre squadre?Perché i magnifici nationals di quest'anno non si son potuti giocare neanche il Pennant?Lo so,è il baseball anzi è il moneyball per dirla franca e forse tifando Cards vorrei vincere sempre così ma dire che è giusto sarebbe troppo di parte.Ergo,amo sempre quasto sport anche se ai playoff è un pò come comprare un gratta e vinci...io non vinco mai,ma c'è gente più FORTUNATA di me.



Beetlebum
Senior
Senior
Messaggi: 1446
Iscritto il: 31/01/2006, 23:02
MLB Team: Detroit Tigers/Arizona D-backs
NFL Team: Arizona Cardinals
Località: Montreal

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda Beetlebum » 19/10/2012, 15:49

rene144 ha scritto:
Dodgers fan #7 ha scritto:Stai sicuro che così i soldi non si perdono.
Ai PO no. Ma in RS si. Ci sarebbero 5 mesi circa di amichevoli e la gente non avrebbe motivo di seguire fino ad ottobre. E' vero che poi ottobre sarebbe incredibile, ma fino a quel momento seguirebbero sempre meno.
Infatti questo e' il motivo per cui nessuno si fila l'NBA fino alle finali di conference: cani e porci ai PO, non interessa a nessuno avere il primo o il terzo record di conference e centinaia di partite insignificanti fino a fine aprile...



Avatar utente
Hobbit83
Global Moderator
Global Moderator
Messaggi: 8061
Iscritto il: 08/11/2006, 12:01
MLB Team: Toronto Blue Jays
NFL Team: GreenBay Packers/Toronto Argos
NBA Team: Toronto Raptors
NHL Team: Toronto Maple Leafs
Località: Palasport Flaminio, RN / Stadio Renato Dall'Ara, BO

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda Hobbit83 » 19/10/2012, 16:23

Analizziamo il problema:

- 162 partite non si toccano. La RS non sarà diminuita per motivi statistici (vedi record da inseguire e battere)
- Il tempo è quello che è. Non si possono dilatare troppo i tempi, in nord america fa dannatamente freddo a novembre.
- le squadre ai PO non possono scendere dalle attuali 5 (il mio ideale era 4, ma da 5 non si scende)
- La MLB vuole dare valore ai campioni divisionali
- Ad oggi conta di più avere una division scarsa che una buona squadra.


2 leghe, entrambe con DH.
Ognuna ha 2 division, una da 7 e una da 8.
Ogni squadra gioca 162 partite. Ogni squadra affronta almeno una volta ogni altra squadra delle Major ogni anno.
Contro ogni avversario affrontato, la differenza tra gare giocate in casa e giocate in trasferta non può mai essere > 1.
Nelle division da 7, ogni squadra gioca 10 partite contro gli avversari divisionali (60), 9 contro le squadre dell'altra division (72), 2 contro ogni squadra dell'altra lega (30).
Nelle division da 8, ogni squadra gioca 10 partite contro gli avversari divisionali tranne una (a rotazione completa) contro cui ne gioca 9 (69), 9 contro le squadre dell'altra division (63), 2 contro ogni squadra dell'altra lega (30).

Ai playoff accedono per ogni lega le 2 squadre campioni di ogni division + 3 wild card decise dalla classifica della lega. Tie breaker per ogni eventuale parità sono:

1. record intra-lega
2. record della serie stagionale
(solo nel caso di serie con numero pari di partite
3. differenza punti intra-lega
4. differenza punti nella serie stagionale
5. miglior attacco intra-lega
6. miglior attacco nella serie stagionale
7. minor numero di tifosi sul forum di play.it
8. amicizia del proprietario con Bud Selig.)

Abolizione dei tie breaker game, non ne abbiamo il tempo. E una singola partita secca è talmente insignificante statisticamente che non è certo meglio dei criteri sopra.


Schema playoff per ogni divisione

Codice: Seleziona tutto

	       .Best++++---
2RWC+++		         | CC1****___
	      | WCa----+++
3RWC---

	      Worst++++---
		                 | CC2____***
	         1WC----+++


Best - Campione divisionale col miglior record
Worst- Campione divisionale col peggio record
pWC1/pWC2 - Sfidanti per il secondo posto d wild card
WC2 - Vincitore della sfida WC comprendente la miglior WC
WC1 - Miglior record tra le non campioni delle division
CC1 e CC2: sfidanti nelle Championship series

+ partite in casa
- partite in trasferta
* partite in casa della squadra col record di RS migliore
* partite in casa della squadra col record di RS peggiore

In casa della meglio piazzata si gioca una sfida in 3 partite con doubleheader il secondo giorno. Le sfide partono a distanza di un giorno l'una dall'altra (si cerca di sfalsare tra le 2 leghe invece che all'interno delle 2 leghe).

1 giorno di recuperi/ trasferimento e chi vince va alla serie contro i campioni divisionali (4 partite in casa del campione divisionale, giorno di trasferimento, 3 sfide in casa della WC)

1 giorno per recuperi/trasferimento (2 per l'altra lega, ad anni alterni) e World series con schema 2-3-2 cominciando in casa della squadra che nella miniserie stagionale è stata preferibile*. 1 giorno solo di riposo dopo le prime 5 partite.

[* Criteri:
- Record
- differenza punti
- miglior attacco
- appartenenza alla lega col miglior record di interlega.]

Benefici:
-si mantiene un valore per il campione divisionale (fattore campo), ma al tempo stesso si punta ad ampliare il campione statistico in cui si può trovare una squadra forte, perchè le division sono più grandi. Nel frattempo, si premiano le migliori squadre della regular grazie a un calendario molto più equilibrato e alla diminuzione delle squadre campioni.
-I giorni di riposo sono ridotti, per premiare la profondità del roster ed impedire playoffs giocati con 3 partenti.
-L'unica disparità di calendario è data prima delle WS, e la credo ineliminabile. La MLB tenta per quanto possibile di non giocare tutte le sfide sovrapposte nei primi giorni di PS per motivi di ascolti, e sfalsando le due leghe si limitano almeno le disparità tra i contendenti.
-Seconda e terza WC devono scalare una montagna per arrivare alle championship series

Ad altri evidenziare i difetti dell'idea. Di alcuni sono consapevole ma devo tornare a lavorare :D
Ultima modifica di Hobbit83 il 19/10/2012, 22:55, modificato 2 volte in totale.


Immagine

rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14576
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda rene144 » 19/10/2012, 17:03

Non mi dispiace. Un po' cervellotico e personalmente non disdegnerei in quel caso un'espansione a 32 squadre per motivi di simmetria assoluta, però potrebbe funzionare...



Avatar utente
louis
Senior
Senior
Messaggi: 1210
Iscritto il: 18/10/2007, 10:39
Località: Lodi

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda louis » 19/10/2012, 18:39

Hobbit83 ha scritto:Analizziamo il problema:



2 leghe, entrambe con DH.
.
.
.
letto questo mi sono fermato.
:nono: :nono: :nono:



Avatar utente
Sheasmylove
Rookie
Rookie
Messaggi: 620
Iscritto il: 16/09/2008, 9:29
MLB Team: New York Mets
NFL Team: apolide
NBA Team: Los Angeles Clippers
NHL Team: New York Islanders
Località: torino

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda Sheasmylove » 19/10/2012, 19:24

louis ha scritto:
Hobbit83 ha scritto:Analizziamo il problema:



2 leghe, entrambe con DH.
.
.
.
letto questo mi sono fermato.
:nono: :nono: :nono:
io ho continuato ma solo per il suo sbattimento che merita comunque un applauso...
ma il DH ... :nono: :nono: :nono:



Avatar utente
shilton
Premio Brett Favre
Premio Brett Favre
Messaggi: 15103
Iscritto il: 23/02/2007, 23:49
MLB Team: Kansas City Royals
NFL Team: Green Bay Packers
Località: Sondrio, valle di Lacrime

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda shilton » 19/10/2012, 19:49

Io pensavo di non essere a posto, ma il mio socio Hobbit ha bisogno di riposo.


Immagine

Avatar utente
Hobbit83
Global Moderator
Global Moderator
Messaggi: 8061
Iscritto il: 08/11/2006, 12:01
MLB Team: Toronto Blue Jays
NFL Team: GreenBay Packers/Toronto Argos
NBA Team: Toronto Raptors
NHL Team: Toronto Maple Leafs
Località: Palasport Flaminio, RN / Stadio Renato Dall'Ara, BO

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda Hobbit83 » 19/10/2012, 22:54

Non avevo notato che lo schema era illeggibile.... corretto.
Era perfettamente allineato, ma poi si vede male.... mah. Comunque almeno qualcosa si capsice ora.


Immagine

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9285
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda joesox » 20/10/2012, 0:35

rene144 ha scritto:
...

Il punto è che si può fare ciò che si vuole. E ciò che si vuole è guadagnare soldi.

...

C'è sempre solo un motivo per cambiamenti di questo genere: i soldi.

Più squadre entrano e più tifosi seguono. Più tifosi seguono e più soldi ci sono. Non solo, più squadre entrano e più squadre sono in corsa fino alla fine, coi riflettori puntati da ogni dove. I playoff sono così non per una questione di "giustizia". Ma perché vendono di più. E la partita secca fra WC è una conseguenza diretta degli ascolti clamorosi dei vari game 163 che ci sono stati. Un'autentica lotteria. Ed ora si giocano 162 partite... e poi un terzo delle squadre arriva ai playoff e si ricomincia da capo in un solo mese in cui domina l'entropia. Ma è giusto così, perché vende di più. E penso che abbiano anche trovato l'equilibrio. Non possono metterle tutte perché sennò nessuno si fila la RS. Un terzo permette di avere circa due terzi delle squadre in corsa fino a settembre e circa la metà fino alla fine o quasi. Selig ha svilito i contenuti sportivi della stagione, ma è riuscito ad estrarre ancora altri soldi da questa macchina stampa-banconote. E chi ci perde? Ci perde lo sport, il valore del "migliore". Ma la realtà è che non frega niente a nessuno. Non frega niente ai proprietari, che prendono più soldi. Non frega niente ai tifosi, che possono seguire le proprie squadre con più possibilità di entrare ai PO o comunque di essere in corsa fino alla fine. Non frega niente ai giocatori, che hanno più possibilità di arrivare alla post-season. Vincono davvero tutti. Poi non vince il migliore... e pazienza. Ci inventeremo qualche fesseria sulla clutchness per illuderci che sia così e tireremo avanti, più ricchi di prima.
Volenti o nolenti, è questa la verità, e la prova di ciò sta proprio nella storia. I Dodgers si trasferirono da Brooklyn a Los Angeles in cerca di un nuovo mercato, in pratica in cerca di soldi. Era l'inverno 1957-1958.
Non il 2012. Immagino sia nel cromo$oma americano, e non solo nel loro.

Nonostante il trasferimento ad ovest di Dodgers e Giants (verso San Francisco), le squadre rimasero otto per lega e quindi le World Series continuarono ad essere disputate dalle vincenti delle due leghe. Ciò garantiva che almeno una delle due partecipanti fosse la migliore del baseball professionistico. L'altra poteva - teoricamente - essere anche soltanto la nona migliore in assoluto, ma in realtà era comunque, probabilmente, tra le prime due-tre-quattro. Comunque entrambe avevano vinto la loro lega. Si erano guadagnate l'accesso alla finale (e non voglio insinuare che i Tigers non si siano guadagnati l'accesso alle World Series ieri sera, ma il percorso oggi è certamente diverso).

Poi arrivò l'espansione. In cerca di nuovi mercati...
Prima nel 1961-1962 con quattro squadre, due per lega. Dieci squadre per lega.
Poi nel 1969 con altre quattro squadre, due per lega. Dodici squadre per lega.
Ed a quel punto decisero di creare le due divisioni. Ed inventarono le LCS. Che restarono al meglio delle 5 fino al 1984.
Intanto c'era stata l'espansione del 1977.

Fortuna (il caso) volle che nel 1985 e nel 1986 (i primi due anni con le LCS al meglio delle sette gare) ci furono due postseason spettacolari con 20 partite giocate su 21 possibili in entrambi gli anni. E nel 1987 pure bene con 19 partite su 21 possibili.
Quando però si guardò al 1987, ed in particolare all'AL, qualcuno disse: Mmmmh, mi puzza.

1987 AL EAST
Detroit 98-64
Toronto 96-66
BrewCrew 91-71
Yanks 89-73
...

1987 AL WEST
Twins 85-77
KC 83-79
Oakland 81-81
...

I Twins erano andati alla postseason con il quinto miglior record della lega. E' vero che, una volta vinta la divisione, Minny aveva mollato perdendo le ultime sei partite (3 a Texas e 3 a KC), ma era anche vero che con un lineup normale, due assi (e tre scartine) ed un closer aveva vinto una divisione decisamente mediocre. Nessuno però fece alcuna contrazione, non si pensò di rivedere nulla. Le tre postseason con LCS e WS a 7 erano state talmente spettacolari (derby del Mo. nel 1985, i drammi di Buckner, Donnie Moore ed i 16 inning dell'Astrodome in garasei nel 1986 ed il rumore assordante del Metrodome nel 1987) che nessuno voleva fermare l'entusiasmo. Addirittura nessuno si lamentò del fatto che i Twins, nonostante il peggior record di tutte le campioni divisionali, ebbero - per la storia dell'alternanza - il fattore campo sia nelle ALCS che nelle WS. Andarono 6-0 in casa e 2-4 fuori. Immagino che rating tv, interessi, media, in sostanza i soldi contassero di più.

Quando invece si corse ai ripari?
Quando si pensò di dare valore al merito sportivo, o quantomeno, così si volle vendere la cosa.
Avvenne nel 1994 con l'introduzione della terza divisione e della wild card.

Vi erano stati due eventi.
1. L'espansione del 1994 aveva portato anche nella NL le due divisioni a sette squadre. Come era già nella AL dal 1977.
2. Ma soprattutto, nel 1993, Atlanta aveva vinto la NL West con 104 vittorie, mentre San Francisco era arrivata seconda con 103. Braves alla postseason, Giants no. I Phillies avevano vinto la NL East con 97 vittorie ed affrontarono i Braves nelle NLCS. Si disse che non era possibile non mandare alla postseason una squadra con 103 vittorie. E si crearono le tre divisioni, tra l'altro sbilanciate, 5-5-4 e la wild card per "premiare" la migliore delle seconde, ma introducendo la possibilità Padres 2005.
Infatti:

2005 NL EAST
Atlanta 90-72
Phillies 88-74
Marlins 83-79
Mets 83-79
Nats 81-81

2005 NL CENTRAL
Cards 100-62
Astros 89-73
BrewCrew 81-81
...

2005 NL WEST
Padres 82-80
DBacks 77-85
...

Nel 2005 i Padres andarono 82-80 e con il settimo record della lega si qualificarono per la postseason vincendo 5 delle ultime 6 in regular season ed evitando così di avere addiritttura il nono record della lega e di qualificarsi comunque! Con Peavy, Hoffman, una stagione "monstre" di Brian Giles (15 HR) e poco altro.

Il 1993 resterà l'unico anno con 28 squadre e 4 divisioni. Nel 1994 allora tutti pronti, tre divisioni e wild card.
Però, nonostante questa potenziale manna del passaggio da tre a ben sette serie di postseason, nel 1994 ci fu la serrata/sciopero.
Tutto fu "curato" dagli steroidi e dalle corse ai record di fuoricampo. Immagino sempre di soldi si possa parlare.


Sul post di Renè mi sento di puntualizzare solo su una cosa.

A qualcuno però frega, magari a pochissimi shilton e joe, persi nell'etere da qualche parte. Magari a qualche vecchio tradizionalista. Magari a qualche altro rimbambito, me incluso, che vorrebbe abolire il DH. Vero, lo sport non è diventato business nel 2012, ma molto prima. Però, a volte, si esagera. Ma questo è un altro discorso.

Credo solo che a qualcuno possa infastidire vedere certe cose come le serie 2-3, o il fattore campo scassinato. O magari vedere un domani una squadra alla postseason con un record negativo. Ma soprattutto credo possa infastidire coloro che, dopo decenni di avg-HR-RBI e di W-L ed ERA, ci hanno educato alla avg-obp-slg, alla FIP ed alla BABIP. Finalmente si chiariscono tante cose e si danno i meriti a chi se li... merita. Ma, paradossalmente, quando sempre più addetti ai lavori usano le nuove statistiche, le diffondono e la gente incomincia ad apprezzarle, il premio finale ora viene consegnato quasi a caso.
Secondo me, è un vero peccato.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Pixi89
Pro
Pro
Messaggi: 6982
Iscritto il: 14/10/2006, 0:46
MLB Team: Seattle Mariners
NFL Team: Seattle Seahawks
NBA Team: Seattle SuperSonics

Re: Postseason: la formula perfetta

Messaggioda Pixi89 » 20/10/2012, 1:56

Con le division si rischia di vedere record negativi ai playoff.. Ecco se magari le division fossero quattro per lega, però non penso che nel baseball ci si arriverà come è successo per i seahawks nel football. Detto questo a mio avviso la cosa che preferirei di più sono le vecchie world series dirette tra le due vincenti di due sole leghe, ma con così tante squadre sarebbe motivo di noia assoluta per più del 50% dei team.

Propongo un altro tema che magari va un po OT, ma secondo voi perché questo non si fa nel calcio europeo?
Oddio ho detto calcio in questa sezione.. :-) sarebbe forse più adatto in un topic nella sezione calcio questa discussione, ma credo ne verrebbe fuori un discorso diciamo troppo accesso..

Ps se i mod ritengono insensato questa mia seconda parte di post possono bloccare subito la discussione.. :-)




Torna a “MLB”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron