Profondo Baseball

Il Punto d'incontro dei Fans MLB di Play.it USA
Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 27/11/2012, 19:07

Marvin Miller si è spento oggi a 95 anni.

Da sindacalista dei lavoratori dell'acciaio passò a rappresentare i giocatori di baseball nel 1966. Nel 1968 creò il primo contratto tra giocatori e proprietari (CBA), nel 1970 creò l'arbitration, nel 1974 sostanzialmente inventò la free agency. Creando la free agency aprì le porte allo sport professionistico come lo conosciamo oggi.

Nel 1981 un giovane giornalista inseguì Marvin - durante i negoziati tra giocatori e proprietari - e gli fece una domanda. Miller rispose soltanto: "Io lavoro per l'associazione giocatori e devo ottenere il meglio per loro."
Grande negoziatore non fece però mai saltare le World Series. Ma ottenne tantissimo per i giocatori.
Durante il suo tempo come leader dell'associazione giocatori il salario medio passò da 19 mila a 241 mila dollari.

I proprietari non lo hanno mai amato.

Non è mai (ancora) stato introdotto nella Hall of Fame.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 15/04/2013, 20:42

1947 Jackie Robinson debuts in the Major Leagues
1954 Brown vs. Board of Education sentence, segregated public school are unconstitutional
1955 Rosa Parks says ‘I don’t feel like going to the back of the damn bus today.’
1963 Martin Luther King makes his 'I have a dream speech'
2009 Barack Obama becomes 44th president of the United States

That was the start, man! Are you listening?


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 10/11/2013, 21:40

Immagine

Tutto cominciò con Larry.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
Rocky
Pro
Pro
Messaggi: 7500
Iscritto il: 20/03/2004, 3:48
MLB Team: Yankees
NFL Team: Steelers
NBA Team: 76ers
NHL Team: Penguins
Località: The U
Contatta:

Re: Profondo Baseball

Messaggioda Rocky » 07/08/2014, 15:45




garylarson
Senior
Senior
Messaggi: 1422
Iscritto il: 10/02/2007, 9:50
Località: bologna

Re: Profondo Baseball

Messaggioda garylarson » 07/09/2014, 14:00

:forza:
http://video.corriere.it/baseball-altru ... af8bd37951" onclick="window.open(this.href);return false;
un paio di considerazioni :
1)sembrerebbe un tifoso dei blue jays,
2)cosa non si farebbe fin da piccoli per guadagnarsi quel minimo di sesso
3 ) dopo i video sui gattini carini, il baseball, ......at the last of the top



Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 18/10/2014, 0:01

Mi sovviene, e magari non interessa a nessuno, che il 17 ottobre di dieci anni fa eravamo letteralmente a pezzi. È solo narrativa*, ma visto che dal 30 settembre ad oggi tutto quello al quale stiamo assistendo viene definito frutto di una mal-organizzata casualità (che poi i giornalisti trasformano in narrativa), beh… almeno questa sembra vera e propria narrativa.

Sono passati dieci anni, e ne erano passati diciotto prima del 2004, e 86 prima ancora. Ma io non c’ero nel 1918 o nel 1919, lo giuro.

Il 1919 in effetti fu un anno orribile per la città. Iniziò male e finì peggio. La bomba di melassa. Il 15 gennaio esplose un serbatoio di melassa che conteneva due milioni e mezzo di galloni della sostanza appiccicosa. Sembra una roba da cartoni animati. Chi ha incastrato Roger Rabbit, ma fu davvero un autentico disastro. Il serbatoio, davvero enorme, esplose ed un fiume di melassa si riversò in Commercial Street e da qui in tutto il North End a 60 km all'ora, un'onda alta 7-8, forse 10 metri. Morirono 21 persone e 150 restarono ferite. Case furono divelte dalle loro fondamenta, un treno deragliò, la ferrovia sopraelevata si incrinò. Fu una punizione severa per la città di Boston. La melassa serviva per fare l’alcool. Il serbatoio era stato riempito da poco. Ma, e sembra incredibile (narrativa?), il giorno dopo, il 16 gennaio 1919§, iniziava il Proibizionismo. Per davvero!

E la melassa? Serviva anche per fare alcool per uso industriale.

Il 26 dicembre 1919 HF vendette Babe Ruth agli Yankees. Aveva battuto 29 home run, un record incredibile. Per davvero! E lui lo vendette. Per soldi.
E così non erano andati alle World Series fino al 1946. Distrutta una franchigia (con undici trade tutte verso New York). Undici! E costruita una dinastia. Mai fidarsi dei New York Yankees.

Dopo una imbarazzante sconfitta per 19-8, i Red Sox (sotto 3-0 nell’ALCS contro gli Yankees) scendevano in campo a Fenway con Tito che diceva “Cominciamo con il vincere questa sera” e Kevin Millar che diceva a Yawnessy “Non lasciateci vincere questa sera perché abbiamo Petey domani, e Schill in gara sei. In garasette tutto può succedere. Possiamo mettere te in seconda base in garasette.” E Yawnessy prendeva nota. HAHAHAHA!

Millar batteva il pugno nel guantone e diceva “Don’t let the Sox win this game! Don’t let the Sox win this game!”
Della serie una partita alla volta. Ma lui pensava già a garasette.

Ed io ci credevo? Forse? Non lo so.

So che erano state lunghissime nottate. Specie quella di garatre. Crederci? Aspettarsi la rimonta impossibile? Certo, dopo il 19-8 era davvero dura. Ma domani si gioca. Baseball. Si gioca sempre. Ci si appende a quello. Ed è pur sempre 50-50, sempre.

Dopo la vittoria in garaquattro (rubata e punto di Roberts, salvezza bruciata da Rivera e walk-off di Big Papi) c’era almeno la certezza di giocarsi un’altra carta. E dopo la quinta (ancora punto di Roberts, ancora salvezza bruciata da Rivera ed ancora walk-off di Big Papi), c’era un po’ di tensione, anche positiva, in certi frangenti. Che faranno con la caviglia di Schilling? La cucirono. Come le ricamatrici dell’isola di Burano. E forzarono garasette.

Prima di garasette l’unico pensiero che mi sosteneva era: pensa come si sentono gli Yankees adesso! Li spazzarono via con una serie di fuoricampo. Quattro vittorie in quattro giorni.

Io tifavo, quello era importante, io ho sempre tifato dall’estate 1986 in poi. E sognavo rimonte impossibili. Sullo 0-3 andai a rivedere la stagione regolare. E trovai che ne avevano vinte quattro in fila. A luglio forse, tre contro gli White Sox ed una contro gli Yankees, credo. Non guardo neppure, ma so che ne vinsero quattro in fila ad un certo punto, quindi era ri-fattibile.

E poi, dopo garasette, gli scribi non sapevano che cosa scrivere. Non era previsto sovvertire l’inevitabile.

Mi spiace un po’ per chi non era tifoso dei Sox prima del 2004. Ma almeno non sono vecchi come me.


E mi sovviene che quando iniziai a seguire il baseball, i campioni del mondo in carica erano i Royals.

E quindi speriamo si ripetano.


https://www.youtube.com/watch?v=n8Rh40ciRlU" onclick="window.open(this.href);return false;

*narrativa: Schilling – Schill in Game Six – Bloody SCHILLinGameSix
I am Schilling, you are schilling, he is schilling, we are schilling, you are schilling, they are schilling.

§il 16 gennaio 1919 il Nebraska divenne il trentaseiesimo stato a ratificare il proibizionismo, garantendo così il passaggio a legge federale, che il Congresso votò il 28 ottobre. Il 17 gennaio del 1920 il proibizionismo era in vigore in tutti gli Stati Uniti.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
Jonna79
Rookie
Rookie
Messaggi: 857
Iscritto il: 04/09/2005, 19:00
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
Località: Ranica, Bergamo

Re: Profondo Baseball

Messaggioda Jonna79 » 18/10/2014, 11:48

Mi mancava proprio questo Joe! :notworthy:

Manny, Big Papi, Pedro, Jason, Curt e Johnny, mi sono avvicinato al baseball grazie a loro e l'anno prossimo quando anche il 34 si ritirerà si chiuderà ipoteticamente un'era...emozioni...



Avatar utente
shilton
Administrator
Administrator
Messaggi: 15081
Iscritto il: 23/02/2007, 23:49
MLB Team: Kansas City Royals
NFL Team: Green Bay Packers
Località: Sondrio, valle di Lacrime

Re: Profondo Baseball

Messaggioda shilton » 18/10/2014, 12:41

:appl: :appl: :appl: :appl: :appl: :appl:


Immagine

The Goods
Pro
Pro
Messaggi: 8990
Iscritto il: 14/10/2011, 7:17
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Los Angeles Lakers
NHL Team: Pittsburgh Penguins

Re: Profondo Baseball

Messaggioda The Goods » 18/10/2014, 20:55

Four Days in October visto e rivisto decine di volte.
E' sempre emozionante come la prima.
Kevin Millar trascinatore emozionale quasi irripetibile.
Big Papi, Curt, Derek Lowe, Dave Roberts, Pedro.
Mi sarebbe piaciuto viverlo in diretta, penso ci fosse un clima clamoroso.
Grazie Joe per il regalo immenso.



Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 22/10/2014, 3:47

World Series 2014

Il bello delle serate e delle nottate estive del baseball sono le dieci-quindici partite in contemporanea. Segui principalmente la tua squadra e magari la tua diretta avversaria, ma c’è sempre qualcosa che accade da qualche altra parte. A Cleveland Kluber sta lanciando un no-hitter, a Milwaukee Goldschmidt ha battuto un gran salami, a Pittsburgh hanno girato un triplo gioco nella parte alta dell’ottavo. E poi mentre i closer salgono sui monti ad oriente, iniziano le partite sulla costa occidentale. Tutto il baseball inning per inning.

Invece nella postseason le partite si riducono drasticamente di numero. Sono molto più scrutinate. Ci si concentra. Ogni lancio passa sotto ad un immaginario microscopio. Nelle World Series si arriva al culmine. I tifosi delle due squadre partecipanti vivono in una sorta di mondo irreale. Davvero i miei Royals sono alle World Series? Sono i Giants per la terza volta in cinque anni quelli lì in campo? I tifosi delle altre ventotto invece pensano: avremmo potuto esserci noi al loro posto. E per molti è anche un pensiero veritiero. Ed intanto colpiscono con la mannaia.

Eroismi ed aberrazioni vengono amplificate. Errori e three run homer inaspettati creano capri espiatori e miti inverosimili. Chi c’è all’appello per queste World Series numero 110?

I Giants di San Francisco, squadra antichissima che profuma tanto di National League. Vapori e fantasmi del Polo Grounds ed immagini più moderne ma storiche allo stesso tempo del palazzo di oggi e delle canoe nella baia. Giocano all’AT&T Park.

I Royals di Kansas City, squadra di nascita più recente, cha sa molto di Anni Ottanta e che viene da una tipica città del Midwest che fu casa dei Monarchs e, per un breve periodo, anche degli Athletics. Giocano al Kauffman Stadium.

E così…

I Giants sono La Squadra degli Assenti, giustificati, in marina, in infermeria o su una sorta di Aventino: Tim Lincecum, Matt Cain, Angel Pagan, Marco Scutaro e Dan Uggla. Dove sono costoro? Chi li ha portati qui? Madison Bumgarner, Pablo “Panda” Sandoval, Buster Posey, il baby-face catcher, i pazzi Hunter “two” Pence, Mike Morse, Brandon Belt, Brandon Crawford. Il manager è il soldato, sergente per la precisione, francese, Bruce Bochy, ormai veterano di tante battaglie post-stagionali.

I Royals sono La Squadra delle Promesse Non del Tutto Mancate: Lorenzo “yes he” Cain, Eric Ho(s)mer, Mike Moustakas, Salvador Perez ed Alex Gordon. Non del tutto All Star, non del tutto scarsi, non del tutto guidati da Ned Yost. Ned “ma che ci faccio qui” Yost. L’uomo che ha vinto il premio Nobel per il bunt. Più che un manager, una figurina. E spazziamo subito il campo dai dubbi. Appunto. I dubbi li lasciamo tutti a Ned. Ed in campo solo i giocatori. A fare un po' ciò che vogliono.

Negli anni futuri leggeremo i nomi di questi giocatori e ci porremo delle domande ovvie. Ma chi erano? Ma come hanno fatto? Due squadre con meno di 90 W? Sembra quasi che la regular season sia servita solo come riscaldamento e come prima scrematura. Poi in un uragano di tre settimane di partite emergono miracolosamente i due contendenti finali. Kansas City arriva a garauno con un record di 8-0, San Francisco con un record di 8-2. Caldissimi e caldi.

E ora la prima sfida. Non so perché sono convinto che vadano alla settima, forse per definitivamente salutare questa stagione allungandola al massimo, forse per vedere ancora una sessantina di inning. Vedo un 1-1, un 2-2, un 3-3. E poi una drammatica garasette. O magari un 11-0 come nel 1985.

Who knows? Only the go(o)ds. This is crazy!


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 22/10/2014, 20:48

Gara Uno

È la notte che appartiene a MadBum. Dopo tanti drammatici finali e partite a basso punteggio in questo folle 2014 ecco le World Series che, per il momento, sorridono ai Giants. Madison Bumgarner fa il Tim Lincecum 2010 o il Matt Cain/Barry Zito 2012 e mette in gabbia i Royals.

Un mare di blù reale circonda il penta-campo verde smeraldo. C’è grande attesa nel Mizzou. Dopo 29 anni i Royals sono nuovamente al Fall Classic. James Shields, lo scudiero, sale sul monte. Ha navigato il vascello di Kansas City attraverso Los Angeles e Baltimora. Ora deve affrontare questa banda di pirati; vengono da una baia della California settentrionale; sono giganti, e non se ne rendono neppure conto. Barbuti, cappelloni, immagino braccia e petti tatuati sotto le divise grigie e arancio. Li guidano un sergente francese, forse un ex legionario, ed un catcher dalla faccia di bambino, Buster “Peter Pan” Posey. Forse il migliore della National League nel 2014.

Le mazze dei Giants sono caldissime. Riprendono a sventolare da dove hanno smesso in gara cinque della serie per il pennant della National League contro i Cardinals. Apre le danze Gregor Blanco e Lorenzo Cain non ci arriva. Che sia un segno. Sulla bomba al centro di Joe Panik, Blanco parte, tocca la prima ed è salvo in seconda. Aggressivi gli uomini del sergente! Singolo netto di Peter Pan. Panda invece la batte forte e lunga. Vola alta sopra la testa di Norichiko Aoki. Blanco cammina a casa, corre invece all’impazzata Posey. Giants intanto 1-0. Peter Pan però, forse memore di devastanti scontri a casa base (nacque allora “the Posey rule”), diventa Campanellino e non va in scivolata. Out a casa. Ci pensa Hunter Pence a fare 3-0 sbattendola sulle tribune centrali. Dopo un'altra valida di Brandon Belt, finalmente Shields chiude l’inning mandando K Mike Morse, oggi DH.

Shields finalmente esce dal primo ma il danno è fatto. Negozierà con difficoltà secondo e terzo (cinque out su sei vengono da secche linee che non cadono per fortuna e difesa), e si vedrà subito che non è la sua serata.

Anche MadBum intanto deve lavorare sodo. Ben 18 lanci per lui per uscire dal primo. Due linee, una di Aoki che Bumgarner infilza all’altezza della tempia ed una di Eric Hosmer spenta da una gran presa al centro di Blanco, sono le cose pericolose che gli passano vicino. Cain colpito al piede era stato il primo uomo in base dei Royals.

La prima valida dei Royals arriva dalla mazza di Billy Butler. Ma Salvador Perez batte una schifezza verso Bumgarner che tira in seconda dove i Giants girano il doppio gioco chiudendo il secondo.

Nel terzo, come detto, legnate. Panda la batte però altissima e Cain la raccoglie quasi al muro. Resta 3-0. E nella parte bassa l’errore di Brandon Crawford sulla velenosa rimbalzante di Omar Infante apre un problema. Mike Moustakas la incoccia bene. Vola lunga verso destra. Come Infante non segni… mah. Uomini comunque in seconda e terza, zero out. Yost non può chiamare il bunt, infatti i due corridori sono già in seconda e terza. Questa cosa forse lo sconvolge. MadBum e Peter Pan organizzano due strikeout vitali su Alcides Escobar ed il nipponico Aoki, regalano la base a Cain che riempie i sacchetti e vengono graziati da Hosmer che gira una porcheria sul primo lancio. È forse il turno chiave dell’intera partita. Nel quarto infatti i Giants allungano.

Doppio lungo linea di Pence, poi lancio pazzo, base su ball a Belt, singolo di Morse, 4-0.

Ci sono sere in cui alla fine, nel quarto o nel quinto un pitcher ritrova se stesso, trova la sua groove. Non e’ ilm caso di Shields di oggi. Nel quarto (dopo 70 lanci) suona l’ora della doccia. Entra Danny Duffy che non è un personaggio di Walt Disney. E Bruce Bochy sorprende anche i bookmakers chiamando il primo bunt di queste World Series. Addiruttura chiama dalla panchina un pinch hitter, Juan Perez che viene da Santiago, stato di New York. Yost ora è decisamente offeso. Duffy perde la bussola, Crawford e Blanco camminano ed entra così il 5-0. Molto pazienti questi ragazzi di San Francisco. Panik va K e Posey la alza innocua, ma Aoki trema per raccoglierla.
Terzo e quarto K per Bumgarner nel quarto basso. Sta tagliando l’erba. Tranquillo finalmente anche un inning per i lanciatori di Kansas City, è il quinto alto chiuso da un K su Belt. Ma l’attacco dei Royals nulla può contro MadBum, arriva il quinto K su Moustakas su una palla che sparisce e due out su volate. Pure Duffy si comporta bene.

Siamo al sesto, sempre 5-0. Inning di mezzo senza grandi emozioni, relativamente parlando, sono sempre le World Series! Sono 17 out in fila. Felino il balzo di MadBum sulla palla sbrecciata da Hosmer, corre verso casa, raccoglie, si gira e tira in prima. Hosmer infastidito.

Al settimo i Giants la chiudono. Duffy si perde Blanco e Aoki si perde la linea di Panik che diventa così un triplo. Entrano le seconde linee del bullpen di KC. Entra il 7-0 sul singolo del Panda. Il mancino Tim Collins lancia il suo lancio pazzo e regala la prima a Pence, ma non ci sono ulteriori danni.

Dopo sette inning Salvador Perez, che come catcher i lanci dovrebbe conoscerli, finalmente risolve il puzzle MadBum, home run a sinistra, ma è “too little, too late” come dicono negli USA. Il 7-1 resterà il risultato finale.

Javier Lopez e Hunter Strickland spreparano e lavano le ultime stoviglie. C’è spazio anche per un errore di Mike Moustakas e per un inning per Jason Frasor, ma è finita. Il tuttofare Josh Willingham da Florence, Alabama, ha l’onore di chiudere la partita inviato nel box da un incredulo Yost.

Giants 1-0.
Oggi garadue.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 22/10/2014, 20:55

Oggi appunto Jake Peavy contro Yordano Ventura.

Se Ventura mette la curva e se KC va in vantaggio Kansas City farà 1-1.

Se invece Peavy si inventa quattro-cinque inning di belle cutter velenose e se Bochy poi ha il coraggio (ce l'ha) di toglierlo per andare con il suo bullpen fresco la serie potrebbe addirittura finire nella baia durante l'weekend.

Credo che la chiave sarà proprio andare in vantaggio ed usare il bullpen.
Domani riposano, quindi tutti disponibili.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 23/10/2014, 5:48

Gara Due

George Brett con il first pitch, il reale per eccellenza, vuole riportare lo spirito del 1985 a Kansas City. Il solito mare di tanti colori del blù ci circonda. Vogliono la W. Sanno che 0-2 sarebbe pesante.

Si parte col botto, è Gregor Blanco a fare 1-0 spedendo l’ottava fastball consecutiva di Yordano Ventura (primo dominicano a partire in una gara delle World Series dal 2009, tale Pedro Martinez per i Phillies – i due anche si assomigliano) oltre la recinzione. Mmmh interessante, paprika per colazione. Ventura deve mettere la curva. I Giants possono fare danni. Ventura sembra ubbidire alle idee. Seguono tre out. Incluso un K a Peter Pan.

La prima vera esplosione del Kauffmn è nella parte bassa del primo. Dopo che Alcides Escobar arriva in prima e va out tentando di rubare, Lorenzo Cain, con un out, batte un doppio. Eric Hosmer cammina e Billy “Cheeseburger” Butler fa 1-1 con un singolo netto. Ecco i tifosi di KC!

Ventura tocca 99 con la sua veloce nel secondo e trova il suo secondo K, concede un singolo a Morse, ma nulla di più.

Nel secondo basso ecco il vantaggio Royals. Jake Peavy sta navigando, come suo solito, a vista. Sappiamo che non vede benissimo, ma spesso trova la rotta con il naso. I due venezuelani lo fanno starnutire con due doppi, Infante prima, Escobar dopo, alternati a tre out, ma è sufficiente per il 2-1. Vantaggio significa: usiamo noi il bullpen per primi. Ma per ora Ventura sta consegnando bene.

Nel terzo, infatti, c’è solo il singolo di Joe Panik per i Giants e 13 lanci per Yordano. A volte sembrano tornati i free swingers di un tempo, a volte pazientano.

Velocissimo anche il terzo di Peavy. Ha cominciato a lanciare di tutto, una macedonia mixata dalla sua cutter, un lancio velenoso che lo salva. È, paragone vergognoso, lo so una sottospecie di Mariano Rivera dei poverissimi spalmato su più inning possibili con altri lanci minori.

La parta alta del quarto vede il cinquantunesimo lancio di Ventura ed il primo errore di Lorenzo Cain in settimane, forse mesi. La palla del Panda (ah, il suo vero nome è Pablo Sandoval) è profondissima, ma chiaramente prendibile. Cain la perde ed il venezuelano è salvo in seconda. Dopo un out è Brandon Belt che lo manda a casa per il 2-2 con un doppio a destra. Belt poi si perde sulle basi e su una volata di Morse cade in un doppio gioco.

Peavy domina il quarto. Alex Gordon, Salvador Perez ed Infante tutti tre out in sette lanci.

Ventura permette la prima valida di Travis Ishikawa, ma anche lui è salito in cattedra. Giants a nanna nel quinto. Siamo alla metà teorica della partita, 2-2. Postseason combattuta nel 2014. Ventura ha 78 lanci, Peavy 49.

Ma ogni at bat di Peavy è cruciale, una battaglia. Il sergente francese lo osserva con attenzione. Il quinto con Moustakas, Escobar (che lo ha toccato bene) ed Aoki potrebbe creare problemi. Ne esce benissimo registrando pure il primo K della sua serata, proprio all’interbase venezuelano. Ha solo 57 lanci, ma ha dato tantissimo. Il numero di lanci non conta. Il sergente non deve essere avido.

Nel sesto alto due cosette: Yost mette Jarrod Dyson in esterno centro, sposta Cain a sinistra ed Aoki in panchina a difendere le arachidi. Si alza nel bullpen Kelvin Herrera (zero HR concessi in stagione, in totale ben oltre 400 battitori). Ventura ha i minuti contati. In effetti Dyson arriva corto sul sinking liner di Peter Pan, e dopo l’out del Panda, Pence trova un singolo interno. Con due sulle basi ed un solo out, Yost va da Herrera.

Herrera inizia con 101. Wow! Vola a sinistra Belt, vento fastidioso. Morse va subito 0 2 con 100 sul tachimetro. E poi la batte sulla terra.

Sesto basso. Momento chiave. Cain trova un singolo, anche con fortuna. Peavy va 3 0 su Hosmer. Poi lancia due strike. Rifiuta la chiamata. Esce Peter Pan a discutere. Il conto è pieno. Passa un altro minuto. Puzza di bullpen. Sarà l’ultimo battitore per lui. Lo sa e non concede nulla. Peavy tira in prima ancora una volta. Cain salvo. E poi regala la base. Lascia i Giants in una palude. Entra Jean Machi, ennesimo venezuelano di questa serie. Lo attende Cheeseburger. La pancia di Butler batte quella di Machi, singolo di Butler, 3-2. Porta girevole ora, entra Javier Lopez per Gordon. Yost resiste alla tentazione del bunt, quasi una Monaca di Monza pentita. Palla a sinistra, vento, un out. Tocca al rookie Hunter Strickland. Lancio pazzo. Uomini che avanzano. Tensione. Salvador Perez nel gap di sinistra, 5-2. Venezuela Night. Home run Infante, 7-2. Frustrazione di Strickland, inning lunghissimo. Deve entrare anche Jeremy Affeldt. Finalmente il doppio gioco, ma i buoi sono più che scappati.

(Hunter Strickland 23 uomini affrontati nella postseason, 5 home run concessi).

E Lincecum? È apparso nel bullpen come la Madonna.
Peccato. Non è più il Perugino! Non lo fanno dipingere, anche se i capelli sono ricresciuti.

Yost ora è seduto. KC a nove out dal pareggiare la serie. Herrera continua a viaggiare a tre cifre. Ma mette due uomini in base, con il rookie Panik al piatto. La partita è emotivamente finita. Possono i Giants riaprirla? Dyson prende il veleno alzato da Panik. Se cadeva… Ora Posey. Herrera con 30 lanci. Rimbalzante, la aspira Infante.

Free Timmy. Belle memorie, anche recenti tutto sommato. Ovviamente inning pulito per lui, ma i Royals pensano solo a finirla in difesa. Con il bullpen.

L’ottavo è per Wade Davis come da procedura. La sua cutter ha prodotto in stagione una groundball rate del 74%. Manda K sia il Panda che “two cents” Pence ed induce Belt nel guanto di Hosmer.

Un altro inning per Lincecum. Willingham va K, un altro out, poi Perez che gira a tutto, poi Timmy che deve uscire. Forse la caviglia. Ma è sembrato buono. Sarebbe devastante per i Royals se riapparisse come starter verso la fine della serie. Completa l’inning Santiago Casilla con un solo lancio. Si va al nono.

Greg Holland per il nono. La sua cutter produce il 58% di swing and miss. Pregevole. Tutti in piedi per la terza parte dell’HDH. Due out, smazzata di Crawford e la chiude chi l’aveva aperta, Blanco andando K.

Un 7-1, un 7-2, ma partite tirate. Serie sull’1-1. Forse andremo lunghi.


Jeremy Guthrie vs Tim Hudson in garatre, venerdi nel pomeriggio californiano.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 24/10/2014, 22:34

Scommesse.

Nel sesto inning di garadue. Herrera entra e spegne l'incendio fatto scoppiare da Ventura. Bravo pompiere Yost.
Machi, Lopez e Strickland (quest'ultimo soprattutto) invece usano benzina sull'incendio di Peavy. Bochy un po' pir(l)omane.
Poi nel settimo Yost fa il pirla e lascia Herrera contro Panik e Posey. Gli va dritta, ma la palla di Panik poteva benissimo cadere...
Credo entrambi sapessero che un po' dovevano scommettere. Alle volte va bene, alle volte no.
Poteva Bochy togliere Peavy dopo cinque inning esatti e mettere il Perugino? Sarebbe stato interessante.

Garatre

Interessante scelta per Bochy: perdendo Morse come DH, visto che si gioca con regole NL, lui perde un po' di attacco. Non lo metterà in 1b, dove c'è Belt. Potrebbe metterlo in LF, dove ha Travis Ishikawa. Però Ishikawa è scarso in difesa, sufficiente in attacco. Morse è ancora più scarso in difesa, impresentabile. La teoria migliore potrebbe essere Juan Perez, molto buono in difesa, sufficiente in attacco (2014 SSS). Morse ed Ishikawa ph.

Yost invece perde Butler. Suggerimenti caldi invece per usare LF Gordon, CF Dyson e RF Cain (invece di Aoki). Il campo destro a SF è un campo minato. Aoki potrebbe costare la partita e potrebbe essere più utile invece come ph.

I Giants hanno giocato 60 partite contro partenti mancini nel 2014 (sono andati 30-30) e 102 contro destri (58-42). Sono la squadra che ha giocato nettamente più partite contro i mancini. I Giants hanno cinque mancini nel lineup. Nei PO hanno affrontato Volquez (RHP), poi Strasburg (RHP), Zimmermann (RHP), Fister (RHP) e Gio Gonzalez (LHP), poi Waino (RHP), Lynn (RHP), Lackey (RHP), Shelby Miller (RHP) e Wacha (RHP), poi Shields (RHP) e Ventura (RHP).

In effetti non hanno perso con Gio Gonzalez ed hanno perso con Fister, Lynn e Ventura. Però sono pur sempre andati 8-3 contro i destri. Ora KC ha come mancini Vargas e Duffy, oltre a Tim Collins. Interessante vedere che cosa farà Yost. Vargas è il suo quarto starter, per cui non sarebbe riposato per garasette, però...

World Series MVP Watch: Bumgarner, Pence, Sandoval, Blanco, Infante, Perez.
Quattro di loro sono venezuelani.

Oggi Hudson vs Guthrie.
Vedo abbastanza favoriti per il 2-1 i Giants.
Guthrie farà fatica.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9187
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: Profondo Baseball

Messaggioda joesox » 24/10/2014, 22:56

Usciti i lineup.

Bravo Yost. Esterno difensivo per aiutare Guthrie (Gordon LF, Dyson CF, Cain RF).
Invece Bochy mette Ishikawa LF.

Alcides Escobar (R) SS
Alex Gordon (L) LF
Lorenzo Cain (R) RF
Eric Hosmer (L) 1B
Mike Moustakas (L) 3B
Omar Infante (R) 2B
Salvador Perez (R) C
Jarrod Dyson (L) CF
Jeremy Guthrie (R) P

Gregor Blanco (L) CF
Joe Panik (L) 2B
Buster Posey (R) C
Pablo Sandoval (S) 3B
Hunter Pence (R) RF
Brandon Belt (L) 1B
Travis Ishikawa (L) LF
Brandon Crawford (L) SS
Tim Hudson (R) P


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.


Torna a “MLB”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite