Boston Red Sox

Topic monotematici squadra per squadra!
Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9195
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Boston Red Sox

Messaggioda joesox » 14/10/2011, 23:01

:icon_paper:

Un filo rosso ci porta dall'ottobre 2010 all'ottobre 2011.
Nel mondo dei Red Sox è successo davvero di tutto.

La scorsa stagione, 2010, si era conclusa con 89 W e senza playoff. Una squadra costruita per difendere, aveva finito, invece, per segnare tantissimo. Tutto ciò nonostante una serie impressionante di infortuni: Jacoby Ellsbury, Kevin Youkilis, Dustin Pedroia, Clay Buchholz, Victor Martinez, JD Drew, solo per citarne alcuni. Erano stati persi per infortunio oltre 1000 giorni di playing time. Era stato ancora peggio della disastrosa stagione 2006 (primi di tutta la MLB all'All Star Game e poi fuori dai playoff per infortuni chiave a Jason Varitek, Coco Crisp, Trot Nixon e Manny Ramirez) quando per la prima volta in quattro anni non riuscirono a segnare 900 runs, come avevano fatto dall 2003 al 2005.

E così Theo Epstein si era buttato nell'inverno 2010-2011 cercando - comunque - di migliorare la squadra. Il ritiro di Mike Lowell e la non riconferma di Adrian Beltre e Victor Martinez avevano aperto la strada ad una ristrutturazione del lineup e dell'infield.

In sei esplosivi giorni erano arrivati Adrian Gonzalez, lo slugger prima base di San Diego in uno scambio, e Carl Crawford, l'esterno sinistro di Tampa Bay come free agent con un contratto settennale da 142 milioni di dollari. La firma di Jason Varitek, la guarigione di Jed Lowrie, quella di Jacoby Ellsbury, la fiducia in Jarrod Saltalamacchia, il recupero degli infortunati Dustin Pedroia e Kevin Youkilis avevano creato enormi aspettative. C'erano pure JD Drew, Marco Scutaro, David Ortiz e Mike Cameron a creare un parco battitori entusiasmante.

Il bullpen era stato rinforzato con l'arrivo di Randy Williams, Rich Hill, Lenny DiNardo, Matt Albers, Dan Wheeler e Bobby Jenks. Si aggiungevano a Jonathan Papelbon e a Daniel Bard, intoccabili closer e setup man.

La rotazione si presentava formidabile con Lester-Beckett-Lackey-Buchholz-Matsuzaka. Tim Wakefield, Andrew Miller ed alcuni giovani erano pronti in caso di problemi.

Ed anche la farm si presentava ricca di prospetti, alcuni pronti a contribuire fin da subito.

La stagione però era iniziata molto male, 0-6, con sweep subite a Texas ed a Cleveland. Avevano vinto l'Opening Day a Fenway Park contro gli Yankees, zoppicato fino al 2-10 e poi erano finalmente esplosi. Erano letteralmente volati in maggio, giugno, luglio ed agosto. Il 31 agosto dopo un 9-5 sugli Yankees i Red Sox erano 83-52, 31 partite sopra il .500, essendo andati 81-42 (un ritmo da 107 W) e si avviavano a disputare un settembre tranquillo in preparazione dei playoff. Ci sarebbe stata la lotta per la vittoria della divisione, ma poco altro. Rays ed Angels troppo lontani per poter pensare ad una rimonta per il posto della wild card.

Invece un calo di forma, altri infortuni, la "giusta" dose di sfortuna avevano riaperto la classifica. L'arrivo di Erik Bedard e i miracoli di Alfredo Aceves non erano bastati, le sempre meno frequenti esplosioni dell'attacco e la scomparsa dei big inning da sei-sette-otto punti avevano fatto il resto. Alla penultima giornata Tampa Bay e Boston erano - incredibilmente - alla pari. Boston era andata 7-19 in settembre permettendo ai Rays una pazzesca rimonta.

L'ultima notte - vissuta in diretta video-pc-radio-forum - aveva visto Tampa rimontare da 0-7 contro gli Yankees (HR del pareggio di Dan Johnson (.108) con due out nel nono per forzare gli extras, dove Evan Longoria l'avrebbe vinto con una linea nel buco dell'esterno sinistro del Trop) e Boston, nella persona di Jonathan Papelbon, perdere - per la prima volta in stagione - un vantaggio dopo l'ottavo inning e di conseguenza partita e possibilità dello spareggio a Baltimore.

Insomma un collasso che ha il gusto amarissimo di un frullato mix 1949-1978-1986-2003.
Le conseguenze della sconfitta e dell'eliminazione sono pane quotidiano.

Il Terrore.
La ghigliottina.

A Terry Francona, il manager, non è stato rinnovato il contratto.
Theo Epstein, il GM, sta accettando un'offerta dei Chicago Cubs per tentare un'altra impresa impossibile.
Altri coach sono stati cacciati.

Storie di tutti i colori (vere, false, poco importa) sono state sbattute sulle pagine dei giornali, le radio impazziscono di telefonate di tifosi inviperiti.
La città, nonostante i Bruins siano i campioni in carica della NHL e nonostante una discreta edizione dei Patriots, è ossessionata dai Red Sox.

The city is obsessed.

Il front office ha lasciato trapelare - ad arte - notizie per denigrare, per umiliare, per rovinare tutti coloro che stanno lasciando l'organizzazione.
Una vergogna.
La stampa non aspettava altro, soprattutto a Boston, e si è gettata su queste "notizie".
Ed il front office non sta negando nulla.
Un imbarazzante ed inconcepibile silenzio.
Che è chiaramente meglio di questa mostruosità qui sotto, appena uscita.

Red Sox principal owner John Henry, in an appearance on CBS Radio, said that the signing of outfielder Carl Crawford to a seven-year, $142 million contract was a decision driven purely by baseball rather than concern about declining TV ratings. Indeed, Henry suggested that the Sox were convinced that the drop in NESN ratings was the result of changes to the people meter that measures TV audiences. That being the case, Henry said that the decision to sign Crawford was driven by a desire to improve the competitiveness of his team.
Indeed, Henry made clear that he opposed the signing, but that he deferred to the desire of baseball operations to add a player who could impact the team's on-field competitiveness.
"[Crawford was] definitely a baseball signing. In fact, anyone involved in the process, anyone in upper management with the Red Sox will tell you that I personally opposed that," said Henry. "We had plenty of left-handed hitting. I don’t have to go into why. I’ll just tell you that at the time I opposed the deal, but I don’t meddle to the point of making decisions for our baseball team. ... It wasn’t a PR move. Neither was the [Adrian] Gonzalez signing."


Il silenzio dovevano romperlo per negare le storie, non per dire che lui, il proprietario, era contro la firma di Crawford.
E adesso lo dici?
ADESSO?
Dopo che ha vauto l'annata che ha avuto?
Bel voto di confidenza a Carwford...
John W Henry non cambiare le carte in tavola.
Larry Lucchino ha appena detto - alla radio - che erano TUTTI D'ACCORDO di firmarlo.
A Boston questi giochetti non funzionano, ma dai, da nessuna parte funzionano.

Siate uomini, cazzo!

Lo so.
Non è il solito primo post celebrativo.
Ho controllato, le sette World Series sono ancora buone.
Il 2004 è realmente successo.
Ma il momento è quello che è.
Di merda.
Alta fino al ginocchio.


Ora cosa succederà?
Serve che il proprietario dica la verità. e non parli a vanvera.
Serve un GM.
Serve un manager.
Serve un catcher.
Serve decidere la sorte di Jonathan Papelbon e di David Ortiz.
Serve decidere che cosa fare di John Lackey.
Serve decidere che cosa fare di Josh Beckett.
Serve che Carl Crawford si decida a giocare a baseball (dopo che Henry ha detto che lui non lo avrebbe firmato).

Il lineup resta molto forte, la farm pure, ma ci sono tante cose da sistemare.
Una soprattutto.
Altro che birra, pollo e patatine, videogames, amanti segrete e tutto il resto.
Non serve il collante, lo spirito, la chimica di squadra.
Tito poteva pure restare.
Il problema non è quello.
Serve una cosa, soprattutto, una cosa che da tre anni non va (4.63, 4.17, 4.49).
Serve una rotazione!


Can they fix it?
Non sarà un bell'inverno.
Ultima modifica di joesox il 27/09/2014, 12:11, modificato 3 volte in totale.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

Avatar utente
maxmicio
Senior
Senior
Messaggi: 1026
Iscritto il: 04/10/2008, 18:51
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Los Angeles Lakers
NHL Team: Edmonton Oilers

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda maxmicio » 14/10/2011, 23:28

Sicuramente non è stato un bell'autunno.

Ma adesso siamo tornati a casa. E questa è già una bella cosa.

Buona off-season a tutti i tifosi Red Sox del forum.



omar7433
Newbie
Newbie
Messaggi: 3
Iscritto il: 08/12/2010, 17:58

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda omar7433 » 15/10/2011, 4:38

quello che serve è davvero una rotazione degna di questa franchigia. sarà un inverno caldo...non credo serva una rifondazione,ma di certo servono decisioni chiare e un front office che cmq difenda un lavoro,un roster che ancora è li!!
cmq una chiosa per noi.... siamo tornati a casa, e ci si sente meglio!! :)



Avatar utente
Pap
Rookie
Rookie
Messaggi: 577
Iscritto il: 26/08/2010, 2:28

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda Pap » 15/10/2011, 15:11

Sentire Ortiz parlare di drammi, di yankees, di possibilità, aveva fatto piuttosto male, ma alla luce degli ultimi fatti/dichiarazioni mi vien da dire sia stato semplicemente sincero.

Se è vero che si deve dar poco credito agli intangibili, è anche vero che come tutti gli esseri umani i giocatori dovrebbero poter lavorare in un ambiente sereno. E non parlo di pressioni della stampa, della squadra importante.
Io Crawford non lo volevo?
Senza parole.
Non ti muovi per farlo presente al tuo GM perchè non volevi immischiarti e lo fai uscire, come dice giustamente Joe, dopo una stagione del genere?
Con tutti i casini che state/stanno facendo, ci mancava inziare a toccare la squadra.

Tornati, comunque. Ero partito da piccolo e non ricordo molto della casa "natia", ma è comunque un piacere ritrovarsi qui.
Ultima modifica di Pap il 15/10/2011, 16:00, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
Pap
Rookie
Rookie
Messaggi: 577
Iscritto il: 26/08/2010, 2:28

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda Pap » 15/10/2011, 15:58

http://www.csnne.com/baseball-boston-re ... um=twitter

Sembra che Sox e Cubs non riescano a trovare un punto di accordo per quanto riguarda la "compensazione" per il rilascio di Theo.
Nello specifico pare che i Sox vogliano prospetti e non cash, come è stato loro proposto.

La parte su Lucchino che rema contro non so quanto sia fantasia e quanto realtà, lascio giudicare a voi che più conoscete la situazione ed i personaggi.



Avatar utente
mr.kerouac
Pro
Pro
Messaggi: 4869
Iscritto il: 25/01/2005, 5:32
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Golden State Warriors
Località: Chapel Hill, N.C.

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda mr.kerouac » 15/10/2011, 19:25

EDIT
Ultima modifica di mr.kerouac il 15/10/2011, 19:28, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
mr.kerouac
Pro
Pro
Messaggi: 4869
Iscritto il: 25/01/2005, 5:32
MLB Team: San Francisco Giants
NFL Team: San Francisco 49ers
NBA Team: Golden State Warriors
Località: Chapel Hill, N.C.

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda mr.kerouac » 15/10/2011, 19:28

sinceramente mi hanno lasciato piuttosto basito le dichiarazioni di henry


Ci sono squadre che a certe temperature si squagliano, altre che lievitano. Classe, storia: Milan.
"mr.kerouac [...] sa essere cattivo con pochissime parole". (Angyair)

rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14563
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda rene144 » 15/10/2011, 21:23

Pap ha scritto:Sentire Ortiz parlare di drammi, di yankees, di possibilità, aveva fatto piuttosto male, ma alla luce degli ultimi fatti/dichiarazioni mi vien da dire sia stato semplicemente sincero.
No. Sta semplicemente negoziando attraverso la stampa. Ha tirato fuori gli Yankees per stimolare reazioni dei tifosi, visto che gli Yankees non sono per niente interessati a lui, avendo già un DH di ruolo (Montero), più un altro paio di giocatori con contratti lunghissimi che dovranno accomodarsi nella posizione nei prossimi anni, con spostamento magari di Montero in prima base.
Se è vero che si deve dar poco credito agli intangibili, è anche vero che come tutti gli esseri umani i giocatori dovrebbero poter lavorare in un ambiente sereno. E non parlo di pressioni della stampa, della squadra importante.
L'ambiente è serenissimo. Tutti gli sputtanamenti sono usciti per giustificare in maniera "violenta" il mancato rinnovo di Francona. Se l'ambiente non fosse stato sereno, la squadra non sarebbe andata tipo 80-40 nei mesi centrali. Il problema della condizione fisica (SE VERO) è serio. Il resto è una serie di fesserie incredibili, roba che accade in ogni clubhouse.
Io Crawford non lo volevo?
Senza parole.
Non ti muovi per farlo presente al tuo GM perchè non volevi immischiarti e lo fai uscire, come dice giustamente Joe, dopo una stagione del genere?
Perché non è vero. E' semplicemente il primo capitolo dello sputtanamento di Theo. Era prevedibile, succederà e sta già iniziando a succedere. Screditare chi se ne va, a tutti i costi, additandoli come responsabili di tutto il male possibile. Questo serve a rendere più facile il distacco (così che se le cose vanno male, i tifosi non rimpiangono chi se n'è andato o è stato cacciato), per salvare la faccia e la credibilità di chi rimane e per gestire con più semplicità la massa dei tifosi, che alla fine è molto da "Bar Sport".
Pap ha scritto: La parte su Lucchino che rema contro non so quanto sia fantasia e quanto realtà, lascio giudicare a voi che più conoscete la situazione ed i personaggi.
Perché dovrebbe remare contro? Non è remare contro. Fa i propri interessi e quelli della squadra. Mi spiego meglio: proprio per quella citazione che hai riportato del GM rivale, i Red Sox devono dare l'impressione di avere interessi (anche come "vendetta") nel trattenere Epstein, altrimenti i Cubs non daranno niente in cambio. E' un bluff in poche parole.



Avatar utente
Pap
Rookie
Rookie
Messaggi: 577
Iscritto il: 26/08/2010, 2:28

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda Pap » 15/10/2011, 22:14

Probabilmente hai visto più lontano di me e di certo, sai come funzionano queste cose.
Di base però un ambiente nel quale sai che potresti ritrovarti sulle pagine dei giornali in mezzo a casini di vario genere per cose (vere o presunte) messe sui tavoli dei giornalisti dai tuoi, per sputtanare questo o quello, non mi sembra esattamente "sereno".
A me la frase di Papi che aveva colpito non era tanto la questione del "valuto le varie opportunità" quanto il parlare, per l'appunto, di New york come un ottimo ambiente in cui lavorare.
Mi voglio ripetere: non metto in dubbio quello che hai detto, solo vedendo come stanno girando le cose da noi non mi sembrava un ragionamento così privo di senso.
Se poi mi dici che di comportamenti di questo genere se ne tengono ovunque a fronte di situazioni simili (rilasci, contratti non firmati e co.) allora niente da aggiungere.



Rasheed
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 13348
Iscritto il: 10/01/2007, 12:06
Contatta:

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda Rasheed » 15/10/2011, 22:46

ma poi...New York un ottimo ambiente?
ma avete idea delle pressioni che ci sono a New York?di quello che hanno di nuovo avuto da dire Alex Rodriguez e gli altri dopo l'uscita con Detroit?



Avatar utente
Pap
Rookie
Rookie
Messaggi: 577
Iscritto il: 26/08/2010, 2:28

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda Pap » 15/10/2011, 22:54

No, non lo so. Ed è il motivo della mia riflessione.
Non sapendo come sia dalle altre parti non ho modo di fare paragoni.

A-Rod l'anno scorso mi pare ce l'avesse a fiamma col bullpen, ora sinceramente non ho seguito.



rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14563
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda rene144 » 15/10/2011, 22:56

Pap ha scritto: Di base però un ambiente nel quale sai che potresti ritrovarti sulle pagine dei giornali in mezzo a casini di vario genere per cose (vere o presunte) messe sui tavoli dei giornalisti dai tuoi, per sputtanare questo o quello, non mi sembra esattamente "sereno".
A me la frase di Papi che aveva colpito non era tanto la questione del "valuto le varie opportunità" quanto il parlare, per l'appunto, di New york come un ottimo ambiente in cui lavorare.
Mi voglio ripetere: non metto in dubbio quello che hai detto, solo vedendo come stanno girando le cose da noi non mi sembrava un ragionamento così privo di senso.
Se poi mi dici che di comportamenti di questo genere se ne tengono ovunque a fronte di situazioni simili (rilasci, contratti non firmati e co.) allora niente da aggiungere.
No, i comportamenti della clubhouse (tipo il famoso "chicken and beer") si tengono ovunque. Gli sputtanamenti no.

Ma forse l'unico posto meno sereno dove giocare è proprio New York, dove fanno caos anche durante la stagione. Riescono a renderti la vita un inferno. Il Post è lì proprio per quello. Per dire, quest'anno è uscito questo, solo a titolo di esempio. Ortiz sta solo negoziando un contratto e parla per dare aria alla bocca. Parlare degli Yankees come potenziale destinazione è perfetto per far agitare la fan base, che in larga parte è rimasta ad una stupida ed antica rivalità con gli Yankees, invece di crescere coi titoli. Molti sono rimasti provinciali e su di loro queste frasi fanno presa. Ha citato una squadra non interessata a lui ed un ambiente orribile e lo ha fatto con un'incredibile faccia tosta. E' un buffone come tanti purtroppo.

Se Ortiz vuole stare tranquillo, che vada a giocare a Miami per Ozzie Guillen. Lì nessuno gli darà fastidio. Ma per qualche motivo penso che andrà dal migliore offerente alla fine.



Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9195
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda joesox » 15/10/2011, 22:58

rene144 ha scritto: L'ambiente è serenissimo.
Era serenissimo, non lo è più.
Settembre 7-20. Questo è un fatto.
Un fatto che pesa come un macigno.
Vedremo chi vorrà venire a Boston come manager.
Vedremo.
Vedremo quali FA accetteranno.
Vedremo.
rene144 ha scritto: alla fine è molto da "Bar Sport".
Henry è stato zitto quando doveva parlare.
E adesso che parla dice fesserie e falsità.
Ieri ha detto anche che non è lui che ha fatto uscire le voci su Francona.
Ha aspettato tre giorni per difendere Francona. Perchè non ha negato immediatamente? Perchè?
Se vuole giustificarne la dipartita/cacciata perchè adesso - comunque in colpevole ritardo - lo difende?

Se non era d'accordo sul contratto a Crawford doveva dirlo subito e non approvarlo; come proprietario poteva farlo. Lo aveva già fatto. E' lui, ad esempio, che aveva bloccato l'ultimo rialzo a Teixeira. E comunque è lui che paga il conto alla fine.
Oppure lo accettava e doveva tacere per sempre o almeno tacere per sette anni. Parlare adesso è un errore madornale, colossale. Anche perchè non possono scaricare tutto su Theo (che poi io non credo che Theo fosse così convinto di firmare Crawford per sette anni - mia opinione personale) perchè lo stesso Lucchino ha detto che erano tutti on board sulla decisione.
E' molto, molto peggio del Bar Sport. Purtroppo è un paragone che non sta in piedi.
Questo è il fornt office di un'organizzazione professionistica. Che ha tempo di programmare, che pesa il PR, che ha rinnovato Fenway, che vuol ben figurare.
E che adesso si comporta in questo modo vergognoso.
E' una vergogna.

Pap,
Lucchino è il braccio armato di Henry. Sono loro che hanno fatto uscire tutta l'immondizia. Il fatto è che si doveva accettare la sconfitta da uomini, non da marionette. E se c'erano panni sporchi, erano da lavare in casa.
Pessimo, stanno toccando i livelli di Harrington-Duquette a fine 2001.
Devono darsi immediatamente una regolata.


Problemi concreti.
Rotazione.
The team’s starters had a 4.49 ERA that ranked 22nd in the majors and ninth among the 14 AL teams. The Sox received quality starts in just 71 of their 162 games, tied for 28th in the majors and second-worst in the AL.
The Sox got just 940 innings from their starters, a mark that was 25th in the majors and 13th in the AL. While the group had 7.03 strikeouts per nine innings (13th, 5th), the inability to command swing-and-miss stuff proved a major issue, with a 2.05 strikeout-to-walk ratio that was 26th in the majors and 13th in the AL.

Senza voler dare colpe o accusare gli infortuni o trovare scuse.
E' quello che è.
Di fatto la rotazione è zoppicante.
Lester deve ridurre le BB. Il resto va bene.
Beckett deve ripetere la buona stagione. Non è scontato.
Buchholz deve guarire.
Lackey è imploso.
Dice-K. Boh.
Wakefield. Vuole vincere la 200esima?!
Andrew Miller. Mah.
Erik Bedard deve ri-guarire.
Aceves. Ecco, uno che potrebbe starci, ma lanciare 200 inning?
Weiland.
Doubront.


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.

rene144
Hero Member
Hero Member
Messaggi: 14563
Iscritto il: 12/12/2005, 23:05
Contatta:

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda rene144 » 15/10/2011, 23:08

joesox ha scritto: Vedremo chi vorrà venire a Boston come manager.
Vedremo.
Vedremo quali FA accetteranno.
Vedremo.
Tutti, joe. C'è la fila. Vanno al migliore offerente. E Boston per molti sarà la migliore offerente.

Ma tu te lo vedi un Pete Mackanin (per dire un nome a caso) che rifiuta di fare il manager... per di più di una contender? Per fare il manager c'è gente che va a Houston (vedi Mills).
E come FA, stesse cose... c'è gente che avrà preferenze geografiche (si dice che Buehrle non voglia andare su una costa e che voglia rimanere in una Central, AL o NL), ma sono in pochi. Per il resto se gli dai più soldi vengono da te. E' sempre stato così e lo è ancora.



Avatar utente
joesox
Pro
Pro
Messaggi: 9195
Iscritto il: 04/11/2008, 9:10
MLB Team: Boston Red Sox
NFL Team: New England Patriots
NBA Team: Boston Celtics
NHL Team: Boston Bruins
Località: Friuli

Re: BOSTON RED SOX

Messaggioda joesox » 15/10/2011, 23:22

Renè,
Non lo so se vengono solo perchè gli dai più soldi.
Se c'è questo casino, magari ne vogliono stare fuori.
Ben Cherington avrà un bel lavoro da fare.
Hanno bisogno di un manager, non di uno che viene perchè gli dai 300,000 dollari. Vai in AA e ne trovi trenta di manager che vengono per poco, ma sarebbero capaci?

rene144 ha scritto: Ortiz ... E' un buffone come tanti purtroppo.
Quindi non è bravo il suo agente a suggerirgli certe dichiarazioni perchè è suo diritto fare più soldi possibile, ma invece adesso è lui un buffone.

Ebbene sì, è un ragazzo ignorante della repubblica dominicana che non ha studiato, che non sente la pressione e che può permettersi di dire quello che vuole e di essere un buffone. Per fare più dollari.
Cerco di essere coerente con il modo di pensare di questo forum.

Ed i tifosi stupidi "rimasti" alla rivalità con gli Yankees invece di crescere, cosa fanno? Buttano $60, $100, $250 a partita per riempire Fenway ed hanno il diritto di essere stupidi e buffoni. O forse hanno il diritto di avere un proprietario che non racconti balle.
Se Henry racconta balle, io posso continuare ad "odiare" gli Yankees, posso non crescere perchè lavoro al porto di Boston dalle tre del mattino alle undici e - francamente - la mia vita suck! E mi sfogo odiando gli Yankees. I tifosi. Ma allo stadio che ci va? Solo intellettuali sabermetrici?

Un proprietario come Henry che invece ha studiato, conosce i mercati finanziari, frequenta tizio e caio, non può permettersi di essere un buffone! Ma lo è. Oggi lo è.
Henry ha guidato fino alla radio, è salito su ed ha chiesto la diretta, è intervenuto in diretta su sua richiesta!
Cavolo, ha fatto come il berlusca, quando chiama Floris.
Ma per favore!


When they go low, we go high! (Michelle Obama)

One, two, three, four, five. I would kick your ass. (Bill Russell)

No one is perfect. That includes both you and I. (Yu Darvish)

The good thing about science is that it's true whether or not you believe in it.


Torna a “I Topic delle Squadre”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite